Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv – Emily in Paris – Seconda stagione completa

Recensione Serie Tv – Emily in Paris – Seconda stagione completa

 

 

Bentrovate, Fenici!

Oggi parliamo della seconda stagione di Emily in Paris, in cui ritroviamo la nostra protagonista esattamente dove l’avevamo lasciata: in balia dei sentimenti per lo chef strafigo e combattuta per il “tradimento” nei confronti di Camille… Che poi, dico io, ma lei e Gabriel si erano belli che lasciati, che cacchio ti senti in colpa a fare!?!?! Ok, la smetto con i deliri. Duuunque, dicevamo… ah, sì. La nostra eroina vive un conflitto interiore che Petrarca, spostate proprio, mentre l’ex del figaccione le si avvicina ancor di più, mostrando gratitudine eterna per la devozione della Cooper e… CHE NOIA!!! Mi sta sulle palle quella biondina tutta gambe e naso all’insù. Non capisco perché Emily ci tenga così tanto a esserle amica!

Coooomunque, per dimenticare il fustaccio, la ragazza si butta a braccia aperte su un compagno del corso di francese, Alfie, impiegato inglese trasferitosi a Parigi per lavoro. Devo ammettere che non mi ha fatto né caldo, né freddo. Non l’ho particolarmente apprezzato, ma allo stesso tempo non posso dire di non esser stata felice del loro flirt.

Nel frattempo, Mindy inizia a lavorare in un club dove si esibisce come Drag. Sì, insomma, non si traveste né da donna (queen) né da uomo (king), ma essendo di sesso femminile non è propriamente una Drag… un bel macello, ve l’assicuro. Sfortunatamente per lei, il suo visto lavorativo non è in regola e il proprietario del club la relega a “madame pipi”: pulisce i cessi e il guadagno consiste nelle sole mance; per consolazione, però, può fare un numero a serata. Proprio durante uno dei turni incontra due giovani, apparentemente gay entrambi, che la convincono a entrare nella loro band con la promessa di “esibirsi nei migliori posti della città”, alias le strade di Parigi! Ho apprezzato parecchio queste new entry e la passione che scoppia improvvisa e inaspettata col chitarrista. Sono stati i momenti più dolci della stagione!

Torniamo, adesso, alla nostra Emily. Ovviamente, la sua bottarella con Gabriel viene a galla e Camille le impazzisce addosso: la evita come la peste, le toglie il lavoro per Champere e, a una lettera riconciliatoria della tenera americana, risponde in modo parecchio acido e sprucido. Na stronza, in pratica. Il tutto, però, si conclude con un accordo: non avrebbero mai più litigato per un uomo e nessuna delle due si sarebbe messa con Gabriel… se, credici! La francesina di sta ceppa pensa bene di approfittarsi dell’ingenuità della Cooper per tornare con lo chef. Non immaginate nemmeno le parolacce che ho tirato giù! Nella scena finale la si vede persino intenta a disfare i bagagli a casa del bell’imbusto!!!

Oltre al danno, la beffa: le cose si complicano anche in ambito lavorativo. Giunge a Parigi nientepopodimeno che Madeline Wheeler, il boss di Chicago, che non fa altro che seminare zizzania tra lo staff. Pensa di poter imporre senza conseguenze il metodo americano, ma non ha fatto i conti con l’oste. Silvie, infatti, per mantenere integro lo spirito di Savoir e continuare a soddisfare tutti i suoi clienti di vecchia data, prende una decisione drastica: lascia l’agenzia per fondarne una tutta sua. Inizialmente agisce alle spalle di Emily, per poi tentare in ogni modo di convincerla a “passare al lato oscuro”. Citazione fuori contesto a parte, ho amato che Silvie la volesse con lei. Da scorbutica e fredda nei confronti della giovane americana, ha dimostrato invece grande ammirazione e rispetto. Comprende appieno le capacità di Emily e le apprezza sinceramente. È stato un cambio d’atteggiamento che mi è piaciuto davvero tanto, e ho iniziato a rivalutare parecchio il personaggio.

La stagione si conclude con la nostra protagonista che, dopo aver visto Camille a casa di Gabriel, va sul ponte e chiama Silvie dicendo: “Ho preso una decisione”. Ora, capirete bene le bestemmie che mi sono partite! Ma si può mai finire una serie così?!?!?! Grrr, che odio!!!

Insomma, una serie davvero carina, piacevole da vedere nel tempo libero e senza troppe pretese. Personalmente l’apprezzo parecchio. È allegra, spensierata e buffa. Alcune situazioni sono parecchio surreali, ma anche molto romantiche e “da film”.

Stupendi gli outfit della Collins, sempre bellissima e raggiante. Per quanto odi le sue sopracciglia (per fortuna qui le ha sfoltite più del solito), la trovo un’attrice di talento e molto versatile, e il ruolo di Emily Cooper sembra calzarle a pennello!

Davvero bella anche la soundtrack e spettacolari le riprese della città, fanno venir voglia di visitarla.

In attesa della prossima stagione, o meglio delle prossime due (sì, è già stata rinnovata fino alla quarta… esagerati!!!), vi lascio a godervi un pomeriggio in totale relax e spensieratezza coi nostri protagonisti.

A presto!

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Francesca

Lascia un Commento