Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie TV: Doom Patrol -2×09- “Wax Patrol”-Finale di Stagione-

Recensione Serie TV: Doom Patrol -2×09- “Wax Patrol”-Finale di Stagione-

Wax Patrol

Progetto grafico a cura di Francesca Poggi

Benvenute mie care fenicette. Doom Patrol ci lascia con un finale di stagione decisamente singolare, degno proprio del trend al quale ci ha fino a ora abituati.

Mentre Jane, persa nel pozzo dell’Underground, rivive frammenti della vita impersonificati da Miranda, Cliff si prepara per il matrimonio di sua figlia Clara. Intanto Vic si strugge per la delusione amorosa avuta con Roni, non capacitandosi del suo tradimento. Rita tenta di consolarlo ma senza sortire nessun effetto. Nel frattempo, vengono avvisati dal ragno gigante della crisi intercorsa a Dorothy; Larry prende così il comando della situazione incitando gli altri ad andare in aiuto di Niles e di sua figlia.wax patrol 1

Ora non solo lei deve affrontare i suoi amici immaginari, ma anche loro. Ovviamente ne conoscono i punti deboli e le paure, cosa che gli garantisce notevole vantaggio. Nel frattempo, Jane continua a vagare nel pozzo e nei suoi ricordi o, per meglio dire, in quelli di Miranda rivivendo momenti felici e drammatici. Intanto il gruppo sembra essere sopraffatto dalla situazione e cade nella trappola di Candlemaker. Slava appare davanti a Chief istigando sua figlia a procedere nell’adempimento del suo destino. Nello stesso tempo Jane riprende coscienza e Kay cerca di aiutarla a farla riemergere ma scopre che la personalità riemersa non è Miranda: chi si nasconde quindi sotto le sue spoglie? Un pensiero inquietante si fa strada nella piccola, stando ad alcune parole dette da lei.

Intanto Dorothy deve affrontare una scelta difficile: rimanere con suo padre in un eterno stato di fanciulla, o diventare la donna che sua madre vuole che sia evolvendosi?

Chief cerca di trattenerla ma lei fa la sua scelta sparendo in una nuvola di fumo e fiamme.

Un finale di stagione che lascia molti punti interrogativi e vite sospese, tenendoci con il fiato sospeso a tempo indeterminato. Più breve ma intensa, questa seconda stagione ci ha regalato momenti di suspance non indifferenti. I segreti dei nostri eroi vengono a galla aiutandoci a delineare meglio le loro personalità e le loro vite. Le situazioni sono ambigue, gli amici diventano i nemici e viceversa lasciandoci fermi in uno stallo psicologico che contribuisce a rendere ancora più particolare la serie nella quale, alla fine, la figura cardine di Niles si trasforma nel loro peggior aguzzino, fonte e origine di tutte le loro disgrazie. Ma nello scoprire l’arcano i nostri coraggiosi eroi convergono comunque tutti lì consapevoli di essere ormai una famiglia, l’unica forse sulla quale potranno realmente contare data la loro particolare condizione.

Per il momento ci salutiamo qui care Fenici, mi raccomando non mancate di seguirci per sapere tutte le novità sulla serie. A presto.

Fulvia Elia

Fulvia Elia

Lascia un Commento