Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: Chicago Med – 05×20 – “A Needle in the Heart”

Recensione Serie Tv: Chicago Med – 05×20 – “A Needle in the Heart”

Progetto grafico a cura di Barbara

Cosa sappiamo del nostro misterioso chirurgo Marcel Crockett? Proviene dalla Louisiana e ha questo accento “Southern”, che incuriosisce molto… e finalmente scopriremo qualcosa di più.

La puntata comincia con Will e Hannah che si risvegliano dopo un’altra notte insieme. In realtà Hannah è già pronta ad andare via e dice a Will che ha bisogno di andare a un incontro (la donna è in terapia di disintossicazione da eroina). Non appena Hannah è uscita Will si accorge che il cellulare di lei è rimasto sul comodino. Purtroppo la donna è già svanita dentro l’ascensore e Will se ne torna dentro per vestirsi.

Arriva in ospedale un piccolo paziente, figlio di un ex compagno di studi del dottor Crockett, il quale ha subito un trauma cadendo dalla bicicletta. Il bambino, che ha patologie pregresse, viene visitato e purtroppo Crockett trova un versamento di sangue all’interno dell’addome. Un primo intervento ambulatoriale per estrarre il sangue non ottiene effetto e Crockett decide di operare.

Giungono in ospedale due poliziotti che provengono dalla Louisiana e chiedono di poter interrogare Marcel Crockett. Sharon Goodwin mette a loro disposizione una saletta e Natalie, che sta assistendo il medico nel caso del bambino, osserva da fuori cercando di capire cosa stia succedendo.

Il rapporto tra April e Ethan è ormai totalmente naufragato. La donna infatti, non appena Choi entra in ospedale, gli porge la chiave dell’appartamento che hanno condiviso fino a qualche tempo prima. Choi lo ha lasciato ad April, per darle la possibilità di sistemarsi, ma adesso la ragazza ha provveduto e Ethan può tornare a casa sua. Il medico sta effettuando turni sull’ambulanza insieme ad altre colleghe dell’ospedale e si tiene lontano da April e Marcel.

Arriva al PS un ragazzo in una situazione stranissima. È svenuto nella biblioteca dell’università e quindi è stato trasportato in ospedale, ma la stranezza è che ha ben piantato nel petto un lungo ago e quando Lanik cerca di toglierglielo lui va su tutte le furie, costringendo l’equipe a sedarlo.

Un’ecografia al torace rivela altri aghi penetrati ormai all’interno, uno dei quali è entrato addirittura nel cuore, mettendo a rischio la vita del ragazzo. Vista la reazione, Lanik decide di chiamare per un consulto il dottor Charles.

Lo psichiatra è arrivato poco prima accompagnato dalla figlia adolescente, la quale ha saltato l’uscita al museo insieme ad altre classi. La ragazzina dapprima si offre in pediatria come volontaria, ma viene cacciata, quando invece di aiutare, passa il tempo a “chattare” sul cellulare. Maggie prova a mandarla quindi in un altro reparto.

Charles prova a parlare con il ragazzo, il quale è stato ammanettato al letto per impedirgli atti inconsulti. È uno studente che dovrà discutere la tesi a breve ed è molto agitato. Lamenta un forte senso di oppressione al petto, che a quanto pare si allevia solo con l’introduzione di un ago. Charles cerca di convincere il ragazzo che è necessario che impari a gestire lo stress senza ricorrere a comportamenti autolesionistici, ma ovviamente non viene minimamente ascoltato.

Will si deve occupare di un paziente che è arrivato con una gamba gonfia, per quella che sembra essere un’infezione. Una verifica sulla sua cartella clinica indica che è già stato ricoverato in quell’ospedale e addirittura fu trattato da Will, il quale però non lo riconosce. In ogni caso, visto che era già stato curato in precedenza con un antibiotico, Will per sicurezza, decide di utilizzare lo stesso principio attivo.

Charles è preoccupato per il ragazzo, che necessita di un intervento immediato per la rimozione degli aghi, ma il dottor Latham non vuole operare senza la sicurezza che si provveda a una terapia psichiatrica. Il medico vuole essere sicuro che il paziente non decida di riprovarci subito dopo. È inutile operare se il giovane ha tendenze suicide.

Accompagnato da Hannah, arriva anche un uomo sotto evidente effetto di stupefacenti. Ha molte ulcere sulle braccia dovuto all’uso di siringhe e tratta Hannah affettuosamente, lasciando a Will una strana sensazione. L’uomo rifiuta comunque di entrare in comunità per smettere di bucarsi e chiede semplicemente che vengano curate le ferite. Hannah, una volta usciti dalla saletta, spiega a Will che ha accompagnato il paziente in pronto soccorso perché lui l’ha chiamata quel mattino al cellulare perché stava male. I due sono stati amanti per un certo periodo di tempo, ma non c’è più nessuna relazione tra di loro se non una residua amicizia. Will ascolta con tranquillità tutte le spiegazioni e al termine tira fuori da una tasca il cellulare della donna, da lei dimenticato sul comodino. Come avrebbe fatto quindi l’uomo a cercarla sul cellulare, quando Hannah non lo aveva con sé?

I due poliziotti della Louisiana insistono per parlare con Crockett e chiedono alla Goodwin che il medico interrompa l’intervento, Sharon però si rifiuta di mettere a repentaglio la vita del bambino. I due dovranno attendere. Ma spiegano a Natalie e Sharon che devono arrestare il dottore, in quanto il suo DNA è stato riconosciuto su tracce di un omicidio commesso 7 anni prima.

Ethan Choi arriva in ambulanza, rispondendo a una chiamata, e subito si trova in una situazione molto pericolosa. Infatti un ragazzo si è asserragliato in un locale, tenendo in ostaggio alcune persone. È armato e pericoloso. Dopo pochissimo esce dal negozio una ragazzina, evidentemente lasciata andare dal sequestratore. Ethan viene così a scoprire che nel locale c’è un bambino con una ferita d’arma da fuoco all’addome e decide di prendere in mano la situazione. Senza avvertire nessuno si lancia nel locale a mani alzate, dichiarando di essere un medico. Riesce a entrare e a prestare il primo soccorso al bimbo, che però deve essere portato immediatamente in ospedale. Come fare?

Natalie non si capacita che il dottor Crockett possa aver commesso un atto del genere e decide di vederci chiaro. Comincia a parlare con il vecchio collega di Marcel e scopre che il chirurgo ha avuto una figlia, morta di leucemia a un solo anno di vita. Che notizia tristissima. Tuttavia a Natalie viene un’idea e decide di verificare se Crockett abbia mai donato del midollo. In qualche caso infatti, dopo una donazione, il DNA del donatore viene a far parte di quello del trapiantato (mai sentita questa cosa!). In effetti Crockett, proprio a causa della malattia della sua bimba, aveva donato il midollo diversi anni prima e Natalie riesce a insinuare il sospetto che il DNA trovato non sia quello di Crockett, ma del trapiantato, riuscendo così a bloccare l’arresto!

Charles affronta un’ulteriore crisi. Sua figlia tredicenne dichiara che la sua vita è finita, visto che il ragazzo per cui ha una cotta si è messo con una compagna, facendo finire lei nel ridicolo. La ragazzina non vuole più tornare a scuola per la vergogna.

Dopo essere riuscito a convincere la figlia che la vita non le riserverà altre brutte sorprese, il medico si accinge a cercare di capire di più sulla situazione del presunto suicida. Ma qualche esame in più fa scoprire allo psichiatra che si tratta di una patologia fisica e non mentale. Il ragazzo soffre di un difetto congenito al cuore e Latham decide di operare immediatamente.

Will ha i suoi bei problemi, l’uomo che sta curando per l’infezione, si rivela essere allergico al farmaco che lui stesso gli aveva prescritto qualche anno prima, com’è possibile? La soluzione è semplice, l’uomo è arrivato in ospedale dando come nominativo non il suo, bensì quello dell’amico che ha la copertura assicurativa, peccato che l’amico non sia allergico all’antibiotico. Per una questione di assicurazione l’uomo ha rischiato di morire!

Nel negozio dove Ethan sta cercando di assistere il bambino ferito fa irruzione la squadra SWAT e il medico riesce a convincere il sequestratore ad arrendersi. All’uscita c’è April che lo aspetta. La ragazza, spaventatissima, è arrivata quando ha saputo della notizia e adesso si lascia andare in un abbraccio che sfoga tutta la tensione provata.

Alla fine viene fuori che Will ha fatto bene a fidarsi di Hannah. Il paziente tossicodipendente l’aveva effettivamente cercata, ma al cellulare di una comune amica che aveva poi provveduto a contattare Hannah.

Insomma sembra che tra Will e Hannah le cose stiano funzionando, ma chissà. Mi piace anche molto l’amicizia che sta nascendo tra Marcel Crockett e Natalie Manning , entrambi sembrano bisognosi di conforto.

La stagione è terminata con la puntata a causa della pandemia

Arrivederci alla prossima.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento