Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie TV: Chicago Fire 6×19 “Where I want to be”

Recensione serie TV: Chicago Fire 6×19 “Where I want to be”

Puntata con alti e bassi oggi, anche se qualche bella azione non è mancata.

Cominciamo da Otis, la cui situazione è piuttosto stazionaria, anzi no. La sua dottoressa dopo i controlli, gli comunica che sta esagerando con la fisioterapia e, invece di andare avanti, sta addirittura peggiorando!

E il suo povero sostituto Cordova sta ancora faticando a cercare un posto per sé stesso…

Alla prima chiamata, un incendio in un’abitazione, i nostri vigili del fuoco si trovano davanti anche la polizia. Infatti l’abitazione, a quanto pare, era la banca di una banda di spacciatori locali e, in ogni camera, densa di fumo nero, ci sono mazzette e mazzette appoggiate in ogni dove, nonché macchinette per contare le banconote!

La squadra si separa presto, Cordova si avvia verso altre stanze mentre la sua compagna Stella continua a cercare, fino a che, a un certo punto, la donna sente delle urla arrivare da una porta. Dall’altra parte, una voce femminile sta chiedendo aiuto, Stella le chiede di aprire la porta, ma dall’altra parte la voce risponde che quella è una camera di sicurezza ed è chiusa!!!

Alla fine, grazie all’aiuto di Kelly, Stella riesce a trovare un piccolo varco in basso e si infila. Di lì a poco dallo stesso varco uscirà la donna e quindi, con grande ansia di Kelly, la stessa Stella. Il sollievo si legge sul volto di lui.

In effetti la storia tra i due va a gonfie vele, con tanto di sesso mattutino prima di andare al lavoro!

Ma Stella scopre che l’uomo ha una grande ritrosia a parlare del suo passato, tanto che solo grazie a una battuta infelice di Sylvie, scopre che Kelly ha addirittura un precedente matrimonio, di cui lei non sapeva nulla e, chiaramente, la cosa la disturba molto (e qui io mi chiedo, ma cosa te ne importa? Mah NdR)

A quanto pare, durante l’incendio nella casa, qualcuno ha approfittato della situazione per fregare dei soldi e questo sta scatenando una vendetta senza precedenti nel quartiere.

Gabby e Sylvie arrivano sul luogo di una delle sparatorie, ma purtroppo non c’è nulla da fare per gli uomini a terra. Dopo poco arriva alla stazione 51 anche Antonio che spiega che, a causa del furto, le gang di spacciatori si stanno ammazzando tra di loro per vendetta.

La sparizione di una parte dei soldi fa insospettire Matt. Chi si era assentato, senza apparente motivo, durante la missione di soccorso? Proprio il nostro Cordova, che paga il fatto di essere l’ultimo arrivato e quindi il principale sospettato!

Infatti Matt gli domanda di nuovo del motivo per cui l’uomo abbia lasciato Stella da sola, dando ad intendere che ci sia qualcosa sotto, ma di nuovo Cordova si giustifica dicendo di aver seguito un altro uomo che da lì a poco era letteralmente scomparso!

Herrmann ha i suoi piccoli guai. Alla stazione 51 arriva sua moglie che, davanti a tutta la squadra, racconta al marito di aver beccato uno dei figli più grandi a guardare porno! (ahahahahahah)

Stella invece decide di andare a fondo della storia del matrimonio e chiede a Kelly di spiegarle tutto. L’uomo però tergiversa e si capisce che non è molto a suo agio all’idea di raccontare qualcosa che fa parte del suo passato (e ha tutta la mia comprensione!)

Il povero Cordova avverte un clima diverso con Matt, ma questo non gli impedisce di soccorrere eroicamente un bimbo in passeggino, attaccato a una rete di protezione sopra il fiume, finito lì a causa delle scorribande degli spacciatori in vena di vendetta contro il fantomatico ladro!

A richiesta di Matt, Gabby va in ospedale a chiedere alla ragazza salvata se ricorda qualcosa che sia ricollegabile al furto. La donna, all’inizio, è molto spaventata perché teme ritorsioni da parte della gang, ma alla fine rivela che un uomo grande e grosso l’ha spinta dentro la camera di sicurezza chiudendola dentro.

Quanto raccontato, in effetti, conferma le parole di Cordova, che diceva di aver seguito un tizio grande e grosso, che però, a un certo, si era letteralmente volatilizzato!

Davanti alla piantina dell’appartamento, Matt, Cordova e Boden cercando di ricostruire i fatti, scoprono un’intercapedine che potrebbe celare un passaggio, quindi si precipitano nell’appartamento per verificare di nuovo la situazione.

In effetti, davanti al muro che dovrebbe contenere l’intercapedine, c’è una scaffalatura, Kelly, trafficando un po’ riesce a trovare una leva che sposta il muro, purtroppo però, dall’altra parte, c’è un cadavere. Ecco il nostro ladro, convinto di potersela svignare con i soldi, si era nascosto lì ed è probabilmente morto soffocato dal fumo.

Quindi il nostro Cordova era stato sospettato ingiustamente!

Lo stesso Cordova, qualche sera dopo, si presenta a casa di Matt e Gabby e dichiara che sta lasciando la stazione 51 per andare a cercare una squadra in cui sistemarsi definitivamente. Matt ci rimane male e glielo dice, ma d’altra parte, possiamo comprendere la decisione di Cordova, sempre in lotta per dimostrare il suo valore!

Stella, dopo le rivelazioni stentate di Kelly, decide di cambiare aria per un po’ e va ad abitare nell’appartamento sopra il garage di Herrmann (che è una specie di porto sicuro per i nostri pompieri, visto che anche Gabby, a suo tempo, l’aveva usato per un po’).

Lì, però, compare anche Kelly, che dichiara romanticamente, che vuole stare dove sta lei!

Mah, ci avviamo verso la fine di questa stagione, un po’ moscia per la verità. Come al solito, ho l’impressione che gli sceneggiatori siano favorendo la parte, diciamo, sentimentale, tralasciando così l’azione, che era un punto d’onore della serie.

Mi aspetto ovviamente un colpo di scena finale 😉

Alla prossima!

Qui potete trovare la lista degli episodi precedenti con le relative recensioni:

 http://www.romanticamentefantasy.it/serie-tv-chicago-fire-lista-episodi-recensioni/

 

 

StaffRFS

StaffRFS