Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie TV: Chicago Fire 07×21 “The White Whale”

Recensione Serie TV: Chicago Fire 07×21 “The White Whale”

Penultima puntata per i nostri pompieri.

Siamo in sala comune alla stazione 51 ed Hermann, informa tutti che uno dei veterani di un’altra stazione, tale Russ Lapoint (che mi ha fatto impazzire, perché conoscevo l’attore ma non riuscivo a ricordare dove lo avessi già visto… e vi lascio l’indovinello 😉 ), sta per andare in pensione e c’è un party di addio per lui. Mouch, seccatissimo, dice che non parteciperà, in quanto con il compagno, ha avuto da discutere per una gara in cui la allora fidanzata di Mouch assisteva, e lui aveva chiesto come favore personale a Russ, di lasciarlo vincere ma l’altro, nonostante la richiesta, lo lasciò umiliato sulla pista!

Invece, a sentire il parere di tutti gli altri, LaPointe è un bravissimo pompiere, sempre pronto ad aiutare e quindi Mouch, si sente decisamente incompreso!

Le tre ragazze della stazione, Sylvie, Emily e Stella sono quasi pronte a cominciare la giornata. Mentre si stanno scambiando battutine, entra nel dormitorio anche Matt Casey e la nostra Sylvie cade in un accesso di tosse, senza riuscire neppure a parlare.

Non appena Matt si è allontanato, un po’ incuriosito dal problema di Sylvie, la ragazza confida alle amiche quanto le ha detto la sua insegnante di spinning. Lei e Matt sarebbero fatti l’uno per l’altra e da allora la ragazza sta riflettendo sul fatto. Le due amiche la incoraggiano, nonostante le obiezioni di Sylvie. Lui era sposato con la sua migliore amica, lei è uscita con il fratello di lei, ma le altre due non si fanno intimorire e le consigliano invece, di lasciarsi il passato alle spalle.

La prima chiamata arriva dall’università, dove un gruppo di giovani (un po’ deficienti) sta giocando a lanciarsi addosso un bengala acceso: vince chi lo terrà più a lungo, senza farselo esplodere in mano!

Purtroppo, uno dei ragazzi ha atteso troppo prima di lanciarlo via e il risultato di questo, è che adesso si ritrova una mano maciullata da cui mancano 2 dita (francamente non ho capito il motivo per cui abbiano chiamato i pompieri, bastava l’ambulanza). Mentre le due paramedico si accingono a cominciare le medicazioni, la squadra di Matt comincia a cercare le dita mancanti sul prato, nel mezzo della gara che continua a svolgersi sotto gli occhi di tutti. Alla fine un bengala di troppo viene lanciato e Matt viene colpito lateralmente sul collo.

La nostra Sylvie si dedica a pulirgli la ferita e a medicargliela, inserite pure sguardi languidi a piacimento! 😉

Al ritorno alla stazione 51 li attende il nostro reverendo Kyle, che viene salutato con molto calore da tutti. L’uomo scambia qualche chiacchiera con Matt, ma quando il pompiere lo informa che Emily e Sylvie sono andate in ospedale ad accompagnare la vittima, Kyle ci rimane male. Dopo poco l’uomo saluta e se ne va. Mi sembra che Matt sia bel felice di vederlo andare via a bocca asciutta!

Nel frattempo Herrmann e gli altri sono andati a salutare Russ alla stazione 77. Eccolo in tutta la sua magnificenza (è altissimo!).

Vediamo se vi ricordate chi è!

L’uomo non sembra molto contento di andare in pensione (ma perché dico io! 😉 ). Non vuole nessun party in suo onore e sembra che tutta la faccenda gli dia fastidio.

Quando Herrmann gli presenta la recluta Ritter, l’uomo diventa molto meditativo e alla fine consiglia al ragazzo di non farsi coinvolgere emotivamente dal lavoro.

Kelly continua imperterrito a cercare indizi sul caso del piromane che ha causato l’incendio nel beauty salon, nonostante la squadra dei vigili del fuoco e lo stesso Boden, gli abbiano chiesto di lasciar perdere il caso. Si reca in ufficio centrale e si capisce da quello che dice, che nutre ben poca fiducia nelle indagini, chiedendo all’ufficiale addetta, di intensificare le azioni perché si rischia di avere un’escalation di incendi. La donna, evidentemente seccata, lo lascia in malo modo.

Al ritorno alla stazione, Kelly viene ripreso anche da Boden che gli ordina, ufficialmente, di abbandonare le indagini e consegnare tutto il materiale raccolto all’ufficio competente dell’OFI. Kelly non la prende benissimo e Boden lo congeda, consigliandogli di rimanere a casa, fuori servizio, per qualche tempo.

Matt si impegna con l’amico a sostenere la sua posizione davanti all’OFI ma Kelly, ritrovandosi con un sacco di tempo libero, decide di tornare al negozio, luogo dell’ultimo incendio. Lì si trova a parlare con lo stesso uomo che li aveva informati, la sera delle indagini, dell’interruzione della corrente. La proprietaria del negozio però esclude che l’uomo possa aver subito dei danni, in quanto abita dalla parte opposta dell’edificio. A quel punto a Kelly cominciano a venire dei sospetti.

Una delle cose interessanti, è che tra i precedenti incendi e questo, ci sono circa 15 anni di inattività. Kelly viene a sapere che l’uomo di cui sospetta, ha passato diversi anni in prigione per aver ucciso qualcuno in un incidente d’auto, in quanto guidava ubriaco. I suoi sospetti si rafforzano e, senza farsi vedere, gli scatta una foto col cellulare.

Il super gigante Russ LaPointe è arrivato alla serata da “Molly’s” offerta in suo onore. L’uomo, circondato da un folto gruppo di vigili del fuoco, è pieno di aneddoti e racconti. Parte con storie di soccorsi strani o divertenti ma mano mano che procede, i racconti si fanno sempre più tristi e angoscianti, al punto che l’uomo, ad un certo punto, scoppia a piangere, lasciando di sasso tutti gli astanti!

Kelly non molla la presa. Armato della foto del suo sospettato, decide di andare ad interrogare una delle vittime di un incendio precedente, la stessa dalla quale suo padre si era recato molte volte. Kelly arriva mentre la donna sta ricevendo un pacco e la accompagna all’interno, dopo essersi offerto di prenderglielo.

La donna ha un braccio segnato dalle ustioni ed è chiaramente a disagio. Kelly le mostra la foto scattata al vicino della parrucchiera e, all’inizio, lei sembra non riconoscerlo ma, dopo qualche minuto passato a fissare l’immagine, cercando di invecchiarla di 15 anni, rivela a Kelly che in effetti si tratta dello stesso uomo.

Ritter è rimasto colpito da quanto gli ha detto LaPointe e chiede ad Herrmann di andare a trovare l’uomo, ma quando si recano a casa sua, la moglie rivela loro che il marito si è separato da lei diversi mesi prima e che ha lasciato la casa, senza dire niente a nessuno.

Kelly, dopo aver ricevuto la conferma sull’identità del suo sospetto, chiama immediatamente Matt e gli rivela quanto ha scoperto. Mentre telefona, però, si accorge che la donna sta avidamente guardando il dossier delle sue indagini e le chiede di smettere di leggere, in quanto informazioni riservate. A quel punto, la signora si offre di preparare un caffè e va in cucina. Kelly distrattamente nota delle cesoie e un filo elettrico su un ripiano e, senza farsi notare, decide di aprire la scatola che si è offerto di portare in casa. Nel pacco ci sono liquidi infiammanti e un timer per innescare le fiamme. Kelly ha scoperto l’autore, o meglio l’autrice, dei suoi incendi. La donna, però, è già uccel di bosco. Il vigile, continuando a frugare tra le sue cose, trova la mappa dettagliata (!) di un innesco, in una chiesa. La squadra, capeggiata da Boden e Matt si precipita nel luogo, dove si sta tenendo un battesimo e tutti i partecipanti vengono fatti sgombrare. Matt scende nei sotterranei e finalmente trova il timer con l’innesco, dietro una porta bloccata. Mentre cerca di forzare l’apertura chiede ad Herrmann di scendere con un estintore. Fortunatamente il nostro Casey riesce ad aprire la vetrata e Herrmann può spegnere l’incendio che sta cominciando a propagarsi.

Più tardi Kelly e gli altri verranno interrogati dall’OFI che ha aperto un allarme alla ricerca della donna, ormai scomparsa.

Herrmann e i suoi compagni finalmente, riescono a trovare LaPoint e convincerlo a frequentare un gruppo di sostegno per chi, come lui, non riesce a staccarsi dai troppi brutti ricordi.

Bella puntata, anche se un po’ lenta. Devo dire che la scena dell’incendiaria, con tutte le mappe della chiesa e del punto dove aveva messo gli inneschi era troppo “telefonata”! Mancava solo una grande X rossa nel sotterraneo con la scritta “cercate qui”!

Per il resto tutto ok. Mi aspetto un finale con Matt e Sylvie finalmente pronti a combinare qualcosa e Kelly nei guai…

Alla prossima!

Lucilla

Lucilla
x

Check Also

Reunited

Recensione Serie Tv: Grey’s Anatomy 16X03 “Reunited”

Oggi mie care fenici, si realizza uno dei ...