Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: Chicago Fire – 07×20 – “Try Like Hell”

Recensione serie TV: Chicago Fire – 07×20 – “Try Like Hell”

Continua la settima stagione di Chicago Fire: questa settimana abbiamo una puntata incentrata sulla nostra Sylvie Brett, uno dei paramedici di stanza alla stazione 51.

È primavera a Chicago, infatti ha smesso di nevicare! Adesso piove 😉 Sylvie Brett, nella speranza di ravvivare un po’ la cupa atmosfera della sala comune, ha portato un piccolo mazzo di fiori. Mouch, che ha la stessa dolcezza di un ippopotamo incazzato, subito reclama che è allergico e non può sopportare i fiori ma, fortunatamente, il resto della squadra è dalla parte di Sylvie, soprattutto le donne.

Arriva alla stazione un’autopompa della stazione 27; Herrmann li accoglie molto amichevolmente, ma il tono cambia subito non appena gli altri scendono dal mezzo: i nostri pompieri vengono accusati di furto! Pare che un bocchettone prestato alla 51 durante un’operazione di soccorso non sia mai tornato ai legittimi proprietari. I nostri si difendono dicendo di non aver rubato nulla, gli altri continuano ad accusarli e tutto si risolve con un nulla di fatto e musi lunghi.

La prima chiamata che arriva è per un beauty salon (un modo elegante di dire “negozio di parrucchiera” 😉 ) in fiamme. Le operazioni di soccorso sono complicate dal fatto che gli inquilini dell’edificio hanno una vecchia scala antincendio un po’ difficile da utilizzare, per questo una signora più anziana e maldestra fa una bruttissima caduta, scivolando giù da un’intera rampa e obbligando Kelly a immobilizzarla e a farla scendere su una barella, temendo un trauma spinale.

Matt ed Herrmann, che entrano nel negozio in fiamme, non notano nulla di particolare, ma sono costretti ad uscire precipitosamente quando una serie di contenitori comincia ad esplodere.

Arriva ad un certo punto anche la proprietaria, agitatissima in quanto nel negozio c’era anche il suo cane, di cui però i pompieri non hanno trovato traccia. Kelly la rincuora e cerca di tranquillizzarla, ma la donna, quando scopre che una delle vicine, nonché sua cliente, è stata trasportata in ospedale, se ne va in preda allo sconforto.

Al ritorno alla stazione la squadra trova una spiacevole sorpresa: la stazione 27 ha mandato una fattura di $1.100 a risarcimento del bocchettone scomparso!

Boden, dopo aver ascoltato il racconto dei suoi pompieri, telefona al capo della 27 e gli fa un cazziatone, quindi cestina la fattura.

Sylvie ed Emily sono in ospedale per fare scorta di strumenti e incrociano il reverendo Kyle, con il quale, ricorderete, Sylvie ha avuto una breve ma intensa relazione che l’uomo ha troncato in quanto non riusciva a gestire il rapporto interpersonale con gli altri colleghi di Sylvie (specificamente era stato Matt a dire a Kyle che non si sentiva a suo agio a parlare con lui, sapendo della storia che i due avevano).

L’incontro tra Kyle e Sylvie è dolceamaro. Si capisce che tra i due la situazione è ancora difficile da gestire, lei è rimasta molto provata dalla fine della storia e anche lui sembra nutrire forti dubbi sulla sua decisione.

Arriva alla stazione 51 un’incaricata per le indagini sull’incendio al beauty salon. La donna riferisce che ci sono sospetti di un incendio doloso e che si pensa sia stata la stessa titolare a dare fuoco al suo negozio, che versava in una cattiva condizione, per ottenere il risarcimento da parte dell’assicurazione. Kelly però è assolutamente convinto dell’innocenza della donna. Si reca con l’incaricata in ospedale per interrogare la titolare, la quale mostra loro un video dalle telecamere di sorveglianza, dove si vede il cane aggirarsi nel negozio e poi le riprese si interrompono bruscamente.

Kelly e l’incaricata,insieme a Boden, decidono di fare un sopralluogo nel negozio (ovviamente di notte, si sa che è il momento giusto!). I tre trovano le telecamere di sorveglianza installate dalla titolare, ma mentre sono lì vengono interrotti da uno dei vicini, pronto a fare causa alla qualsiasi, che li informa che circa mezz’ora prima dell’incendio la luce era andata via in tutto il caseggiato, confermando quindi quanto ripreso dalle telecamere.

A quel punto i tre verificano gli allacciamenti esterni, tutto sembra essere a posto, ma la donna fa una macabra scoperta: sotto dei cartoni c’è il cadavere martoriato del cane della titolare, ucciso con una sbarra di ferro abbandonata lì accanto. In quel momento Kelly si accorge che il contatore è stato manomesso e la situazione cambia!

Al ritorno alla stazione Kelly non si dà pace, tutta la scena dell’incendio gli ha fatto fare un collegamento con un caso precedente di cui però non riesce a ricordare nulla. Si reca infatti in archivio e comincia a riguardare i files degli ultimi 10 anni, senza però ottenere risultato.

Sylvie ed Emily vengono chiamate per un soccorso nella palestra che Sylvie frequenta (fa spinning!). Qui le due trovano una povera ragazza con i capelli e- parte del cuoio capelluto intrappolati nella ruota della bicicletta da spinning. Con calma e pazienza le due riescono a liberare la vittima e a portarla in ambulanza. La titolare della palestra si complimenta con Sylvie per la competenza dimostrata. A quel punto a Sylvie viene un’idea: dato che lei e Matt si erano pianti addosso per la comune incapacità di guardare oltre le loro storie sentimentali fallite, decide di combinare una serata e presentare Matt alla donna.

Nel frattempo Otis, purtroppo, fa una terribile scoperta: il bocchettone della vergogna è proprio alla stazione 51! Era stato riposto in un luogo un po’ nascosto e quindi se ne era persa traccia. Questo vuol dire che Boden ha cazziato ingiustificatamente il direttore della 27 e che la squadra è in un sacco di guai! Ma Stella ha una grande idea, decide di riportare di soppiatto il bocchettone alla 27, a loro insaputa, in maniera da tenere tutto nascosto.

Il gran piano fallisce praticamente subito e i nostri pompieri vengono scoperti in flagrante! Boden, arrabbiatissimo, è costretto a scusarsi con il collega della 27 e obbliga i suoi uomini ad andare a lavare tutte le autopompe dell’altra stazione come gesto di buona volontà.

La serata combinata da Sylvie si rivela un disastro: Otis litiga con la sua ragazza, la titolare della palestra non ha niente in comune con Matt, il quale, invece, è perfettamente in sintonia con Sylvie. Al punto che la titolare dirà a Sylvie, qualche giorno dopo, che, secondo lei, i due dovrebbero mettersi insieme (ho temuto per un attimo che la titolare rivelasse a Sylvie di essere innamorata di lei e che quindi andasse incontro ad una grande delusione, dato che Sylvie è etero).

Alla fine Kelly riesce a capire dove ha già visto la stessa scena del crimine: assomiglia ad un caso di un piromane a cui già suo padre aveva dato la caccia per anni senza successo! A quanto pare è tornato in azione e adesso tocca a Kelly continuare il lavoro del padre.

La puntata è stata interessante e lo spunto con il padre di Kelly promette dei buoni sviluppi. Che gli sceneggiatori stiano spingendo Sylvie e Matt insieme ce ne eravamo accorti da un po’ 😉 Ora si tratta di capire qual è il ruolo di Kyle in questa nuova situazione!

Alla prossima! Un saluto dalla vostra Mareli

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Una Serata al Cinema: Spider-Man: Far From Home

Titolo: Spider Man Far From Home Regista: Jon ...