Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie TV: Blood & Treasure 1×4 “The Secret of Macho Grande”

Recensione Serie TV: Blood & Treasure 1×4 “The Secret of Macho Grande”

Continua la nostra avventura, Fenici, e anche questa volta succedono cose molto interessanti.

Nello scorso episodio, Danny e Lexi avevano trovato una foto raffigurante il sarcofago di Cleopatra attorniato da un gruppo di Nazisti, con un appunto autografo che diceva solamente “Baviera”. Grazie ad un’approfondita ricerca, riescono ad individuare il castello bavarese che faceva da sfondo all’immagine, ora convertito in museo; durante la visita guidata si nascondono in un armadio, per aspettare la chiusura e poter esplorare con cura l’edificio.


Un antico dipinto conservato nel castello ne rivela la forma originaria che, confrontata con la mappa della brochure, evidenzia un ampliamento fatto presumibilmente negli anni ’40: come nel più classico film sull’archeologia avventurosa, alcuni indizi sul pavimento consentono ai nostri esploratori improvvisati di aprire una porta segreta.

Il sarcofago di Cleopatra non si trova più nell’edificio, ma Danny trova un messaggio scritto con la pirite da una spia Gesuita, infiltrata nel gruppo di nazisti.

Sarà Padre Chuck a decodificarlo grazie alle risorse della Biblioteca Vaticana. -Mito-

Intanto, a Roma e poi in Libia, scopriamo qualcosa in più sulla Fratellanza della Serapide, il misterioso gruppo, o più probabilmente culto, di cui fa parte il Capitano Fabi, dell’Arma dei Carabinieri: il loro fine ultimo è proteggere e custodire proprio le spoglie di Cleopatra, a qualsiasi costo.

Viene anche evidenziata una cosa che mi aveva tormentata nei precedenti 3 episodi: ma come caspita fa tutta questa gente a fuggire in fretta portandosi dietro enormi tombe di pietra?

Infatti, grazie alla traduzione di Chuk, Danny e Lexi trovano un bunker profondo svariati metri e traboccante di tesori sottratti dal regime nazista; ci sono anche i lingotti prodotti con l’oro rubato ai prigionieri dei campi di concentramento. In un angolo vedono lo splendido coperchio del sarcofago della Regina, sicuramente abbandonato nella fretta, per facilitare la fuga.

Mentre esce dalla tromba del montacarichi, Lexi viene bloccata da Farouk che la spinge all’indietro, facendola precipitare; Danny la afferra, ma quando raggiungono nuovamente l’uscita, lei viene tramortita mentre lui si ritrova intrappolato nel bunker.

Ma che carina questa serie!

Spesso capita che l’attrazione/tensione tra i protagonisti sia fastidiosa, o ridondante, mentre qui viene affrontata con normalità: Lexi e Danny si piacciono, c’è chimica e sicuramente molto affetto, forse -sicuramente- sono ancora innamorati, ma le loro differenze li tengono ancorati alla realtà. Lei vuole vendicarsi di Farouk uccidendolo, lui invece lo vuole arrestare; lei trova sempre il modo più semplice di fare le cose, mentre lui ha una precisa dirittura morale che guida ogni sua decisione. Di fatto, l’omicidio del padre di Lexi ha giustamente modificato la sua visione delle cose, cambiandola profondamente: non è più la donna che Danny amava, e lei stessa non riesce più a vederlo come come l’uomo di un tempo.

C’è molta cura nella caratterizzazione e soprattutto nella coerenza dei personaggi, mentre la trama si sviluppa con la precisione di un romanzo giallo, coi suoi indizi e le sottili rivelazioni.

Ci lasciamo con molte domande, stavolta:

Visto che Farouk era andato via dopo aver spinto Lexi nel vuoto, chi l’ha presa la seconda volta? La Fratellanza della Serpide? Il Carabiniere dalla doppia personalità?

Il cellulare di Danny, sotto terra avrà campo?

Perché sono andati da soli a cercare un enorme sarcofago di pietra, sapendo di essere sulle stesse tracce seguite da un gruppo di terroristi? Sono assolutamente curiosa di vedere cosa succederà la prossima settimana!

Lucilla

Lucilla
x

Check Also

WHAT YOU TAKE WITH YOU.

Recensione Serie Tv: The 100 6×09 – “WHAT YOU TAKE WITH YOU.”

Dopo una piccola pausa di una settimana, ‘The ...