Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Blood & Treasure 1×12 “Legacy of the Father”

Recensione Serie Tv: Blood & Treasure 1×12 “Legacy of the Father”

Return of the Queen

 

 

Woah, Fenici.
Tanta, tantissima roba.

Lo scorso episodio si era concluso con l’insinuazione che dietro a Farouk e alla sua organizzazione ci fosse il filantropo Jacob Reece, e ora ne abbiamo la conferma: le sue reali intenzioni non sono ancora state svelate, però la situazione si fa peggiore di minuto in minuto.

Blood & Treasure

 

Inizialmente Danny non riesce ad accettare che il suo mentore, l’uomo che l’ha sostenuto economicamente con borse di studio e ha usato la sua influenza per farlo entrare all’FBI, sia il pazzo che tiene le fila dell’organizzazione terroristica, ma si dovrà ricredere.
In Egitto, infatti, il nostro gruppo di avventurieri scopre l’appartamento in cui viveva Reece da giovane, mentre noi lo vediamo nei flashback mentre intreccia una relazione con una donna di nome Zara Farouk; il quadro rubato su commissione dal padre di Danny si trova lì, e finalmente alcune cose vengono chiarite. Era stato proprio Jacob a commissionarne il furto.

Simon, nel frattempo, apprende dalla cimice nascosta nella cripta della Fratellanza della Serapide che Antonio e Cleopatra si trovano a Parigi, nel caveau di una banca, e stanno per essere trasferiti in una località ignota.
Lexy, Danny, Shaw e Gwen simulano una rapina e fanno ritrovare i sarcofagi alle autorità, in modo che vengano messi al sicuro sia dai terroristi che dalla società segreta. Qui finalmente Danny affronta Reece, imponendogli di costituirsi per il furto del dipinto.

 

Blood & Treasure

 

Intanto, a casa di Chuck vengono recapitati i documenti su Zara, intercettati da Ana. La dottoressa Castillo si reca immediatamente da Jacob e lo affronta: Karim Farouk è suo figlio, e la sua organizzazione sicuramente proverà a ucciderlo.

Reece la asseconda fino a quando la donna inizia a sentirsi male e muore tra le sue braccia, avvelenata proprio dal suo vecchio amico.

Nonostante la chiusura eclatante, questo episodio ha grandi mancanze. In primis salta di palo in frasca con l’analisi psicologica di Reece, che pur uccidendo freddamente la sua amica, mantiene quella sua presenza bonaria e positiva: è un terrorista o un benefattore?

E ancora, mettere Danny sulle sue stesse tracce a cosa doveva portarlo? È un modo di fare ammenda per aver fatto arrestare suo padre?

Sono stati 40 minuti interessanti e pieni di rivelazioni, ma i dubbi rimasti in sospeso sono davvero troppi.

 

 

Eve

Eve
x

Check Also

Recensione Serie Tv: Council of dads – 1×01 – “Pilot”

Ciao a tutti, amanti delle serie TV! E’ ...