Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: Belgravia -1×03

Recensione serie TV: Belgravia -1×03

Progetto grafico a cura di Eve

Phedre: Dany, forza smetti di fare biscotti e correggere recensioni e vieni a commentare la terza puntata!

Lo so, lo so che non ci sono pareri uniformi su questa serie e che una parte di pubblico è scontenta, ma a me continua a piacere e non vedo l’ora di sapere la tua opinione.

Dany: Non stavo facendo nessun biscotto, ma una fantastica e spumosa maschera per capelli con uova, olio e miele. Chissà quali prodotti per capelli usavano ai tempi di Belgravia! Comunque, questa puntata mi è piaciuta più dell’altra, con tutti quegli intrighi, ma Downton Abbey era davvero così?

Phedre: Lo sapresti se avessi iniziato la serie come ti ho consigliato più e più volte. Ora ricapitoliamo ciò che è successo, come al solito.

La puntata riprende dalla notte subito dopo la festa dei conti: tutti parlano ancora di Charles e si chiedono chi sia e perché Caroline tenga tanto a lui.

Dany: Come osi chiamarla per nome? Lei è la Contessa e ciò che fa nel suo tempo libero, come frequentare bellissimi e virili ragazzi, non ci deve riguardare

Phedre: Guarda, è diventata la mia nuova preferita e comunque converrai che invece ne parlano tutti, come Oliver che, oltre che sorpreso dalla contessa, è arrabbiato per il fatto che il padre abbia investito nel ragazzo ed è anche molto infastidito con sua moglie per aver dato spettacolo con John Bellasis, il simpaticissimo presunto erede. Susan, che manipola tranquillamente il furbissimo marito, scopre che John è destinato ad avere la fortuna e il titolo di Brockenhurst ed è felicissima di aver civettato, usando un dolce eufemismo, con lui. Dopo che Oliver se ne va, la cameriera di Susan, Speer, si offre in aiuto della padrona come complice per una eventuale liaison con il presunto erede.

Dany: brava pirla! Susan, oltre a essere un’oca, si fida troppo e cede anche in fretta alle lusinghe di John, mi chiedo come pensi di passare dal letto al braccio di quell’uomo, magari a qualche festa nobiliare. Però sai che in lei ho notato una certa fragilità, soprattutto quando ammette con la suocera che non ci saranno mai bambini, non a causa dello scarso desiderio ma probabilmente per sterilità, se non sua, sicuramente del marito. Non vorrei fare l’avvocato del diavolo, ma un po’ la capisco: suo marito è un idiota nullafacente, lei non sarà mai come Sophia agli occhi della suocera, e senza figli, cosa le resta?

Invece per quanto riguarda la servitù, beh, di certo non fanno da sfondo, e quella Speer ha ben capito come guadagnare qualche sommetta in più. Ma quando tanti sono a conoscenza di un segreto, prima o poi questo cessa di esserlo. Oh, ne vedremo delle belle!!!

Phedre: Susan non riesco a inquadrarla bene, però con il marito che si ritrova e la scarsa socialità della suocera, concordo con te e forse tutti i torti non li ha. Sono indecisa se classificarla come un’infelice o come la classica oca arrampicatrice sociale. L’unica certezza è che timida non è, difatti ricevuto un invito dal presunto erede, non solo accetta accampando un’abile scusa, ma organizza subito una gitarella di piacere al Pied-à-terre del simpaticone.

Dany: un simpatico viscidume, che dopo neanche due minuti di chiacchiere le dice di avere un piccolo appartamento con un letto. Pensa se non lo avesse neanche con quello scialacquatore del padre!

Phedre: Colgo la palla al balzo per soffermarmi sui genitore del viscidume, come lo chiami tu. Scopriamo, senza grosse sorprese, che il fratello del conte, Steven, è un giocatore d’azzardo degenerato e che deve un mucchio di soldi a un tipo losco. Dopo che il conte gli rifiuta l’ennesimo prestito, assistendo all’atteggiamento che Caroline ha con Charles Pope, di nuovo a palazzo, si convince che la donna celi un segreto e che potrebbe ricattarla. Chiede al figlio di interrogare a questo proposito i domestici dei Trenchard, visto che sembrano conoscere tanto bene Pope.

Il viscido presunto erede va prima da Speer e poi, dietro suo suggerimento, dal maggiordomo che sembra disposto ad aiutarlo, ovviamente dietro un lauto guadagno.

Come sono diversi i servitori qui rispetto a Downton, sembrano tutti poco legati alla famiglia, anche la cameriera di Anne che mi sembrava più buona e leale ora comincia a inquietarmi. Speer è la tipica approfittatrice, è furba e diretta ed è un personaggio molto ben delineato. Gli altri mi sembrano ancora nel limbo, vedremo!

Charles, nel frattempo, è felicissimo. Caroline, pardon, la Contessa ha deciso di investire nella sua attività e non guasta anche la deliziosa passeggiata con Maria, che nonostante gli dica di essere fidanzata con il simpaticone, non nasconde il suo interesse per lui.

Successivamente il “dolcetto Charles” si incontra con Trenchard e i due vanno a pranzo all’Athenaeum Club, di cui James è appena diventato socio. La loro intesa non sfugge a Oliver che stava aspettando il padre fuori dal club e che ha una crisi isterica.

Sono sicura che accecato dalla rabbia, se venisse a conoscenza del segreto dei genitori, combinerebbe sicuramente guai grossi.

Dany: Non ne sono così certa, Oliver è un povero idiota ma credo che non accoglierebbe male la notizia di avere un nipote, in fondo non è cattivo, è solo che non ha trovato la sua strada nel mondo… ok, forse è un filino inutile, ma vedremo se riesce a svegliarsi fuori!

Phedre: Mah, dubito! Comunque è  tutto care amanti dei period, non ci resta che darvi appuntamento alla prossima puntata.

Dany: magari sperando che la serie si animi un po’, non vedo l’ora che qualcuno commetta un passo falso, poi vedrai come le malelingue si scaglieranno l’una contro l’altra!!!

Serena Oro

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione serie TV: Dead Still – 1×02 – “Development”

Dopo un pilot veramente ben fatto, divertente e ...