Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: Almost Paradise – 1×8 – “Lone Wolf”

Recensione Serie Tv: Almost Paradise – 1×8 – “Lone Wolf”

Rise of Kalangay

Progetto grafico a cura di Marina Alesse

Che rottura la celebrità, Fenici!

C’è una banda che rapisce politici, cantanti, attori e qualsiasi altro personaggio di alto profilo si azzardi a visitare le Filippine, e i riscatti sono esorbitanti.

A Cebu atterra Augustus Crowe, leggenda del country che da ormai dieci anni non pubblica nuove canzoni, e già all’uscita dall’aeroporto subisce un primo tentativo di rapimento.

Il Capitano Ocampo convince l’artista ad accettare la protezione di una persona di fiducia fintanto che Ernesto e Kai proseguono con l’indagine: spetta ad Alex occuparsi di lui e non potrebbe esserne più entusiasta. La sua hit, Lone Wolf, lo ha accompagnato e sostenuto nei 18 mesi di lavoro sotto copertura in un cartello colombiano e sentire quella canzone era l’unica cosa che lo teneva ancorato al vero se stesso, dandogli tregua dal personaggio che stava interpretando.

Purtroppo non è tutto oro quel che luccica e Augustus non è come Alex se lo immaginava: la vita lo ha segnato, è dipendente dagli antidolorifici e non riesce a scrivere nuove canzoni da anni, ormai. È irresponsabile, leggero… è un uomo ferito.

Il rapporto tra i due però aiuta entrambi a migliorarsi e finalmente, dopo aver scoperto cosa la sua canzone significava per Alex, Augustus ritrova un po’ dell’ispirazione che tanto agognava e inizia a scrivere una nuova melodia.

Nonostante gli sforzi del nostro protagonista, si verifica il temuto rapimento e qui scusate, ma mi arrabbio. Tutti hanno incolpato Alex, quando già al tentativo fallito all’aeroporto si vedeva chiaramente che erano più di quattro uomini con un furgone: in quale modo un uomo solo e disarmato avrebbe mai potuto proteggere Augustus?

Dopo la delusione dello scorso episodio, Almost Paradise ritorna in carreggiata correggendo alcuni errori del passato e mantenendo ben saldi i suoi punti di forza.

Finalmente i problemi economici di Alex vengono risolti, seppur momentaneamente, e lo vediamo indagare, cacciare e fare a pugni, proprio come piace a noi; ho sempre pensato che venisse sottostimato, e in effetti oggi ha dato prova di grandi capacità.

La verità è che Alex potrebbe essere molto più del pensionato che viene chiamato in caso di emergenza, è un segugio e un combattente, un attore, un professionista di alto livello, quindi perché sprecarlo così?

Ed ecco cosa manca a questa serie: il bilanciamento.

Non riescono a far spiccare un personaggio senza trascurare gli altri: nel pilot per esempio, Ocampo sembrava un capo forte e di sani principi, che si batte per i suoi detective, mentre ora è ridotto a un burocrate in cerca di fama; Kai è gestita malissimo, affossata dalla sua stessa bellezza ed Ernesto, il mio preferito, è un continuo brillare e scomparire.

Se questo episodio è riuscito a darci tanto di Alex, raccontandoci nuovi aspetti di lui e facendoci vedere cosa sa fare realmente, ha purtroppo lasciato indietro quelli che dovrebbero essere i suoi partner, oltre che amici.

Le carte sul tavolo sono tutte bellissime, prese singolarmente, ma sembrano non far parte dello stesso mazzo.

Serena Oro

Serena Oro
Lilian Gold

Lascia un Commento