Home » Recensione libri » Recensione: “Sei ancora qui” di Daniel Waters

Recensione: “Sei ancora qui” di Daniel Waters

Care Fenici, oggi Maljka ci parla di “Sei ancora qui” di Daniel Waters

Veronica Calder, sedici anni, non ha sempre paura dei fantasmi. A volte quasi non le importa di vederli ovunque attorno a sé. Fanno parte della sua vita ormai, non può evitarli. Eppure, ci sono giorni in cui farebbe volentieri a meno di incontrare l’inquietante signora all’angolo di Case Street, o di dividere lo specchio con lo sconosciuto ragazzo biondo apparso come se niente fosse alle sue spalle. Ma è così dall’Evento, ovvero dal cataclisma che ha messo fine alla vita di milioni di persone. Da allora gli spiriti delle vittime sono dappertutto, abitano le città in un’insolita e quotidiana convivenza con i sopravvissuti. Per alcuni, la loro presenza è a tratti persino confortante, un modo come un altro per avere i propri cari ancora accanto a sé. Veronica preferirebbe che quelle anime potessero riposare, ma in fondo, anche per lei, vedere suo padre ogni mattina, seduto al solito posto in cucina, a leggere il giornale, è meglio di non vederlo affatto. C’è qualcuno, però, che ancora non si è arreso a questa nuova realtà. Qualcuno che, distrutto dal dolore, ha deciso di mettere in atto un piano tanto ambizioso quanto terribile. Un piano che soltanto Veronica può fermare.

“Gus ha preso Mary

e l’ha appesa ad un albero

I-M-P-I-C-C-A-T-A

prima il sangue

poi la sposa”

Voi credete ai fantasmi? Beh vi svelo un segreto, io sì! Secondo me non tutti gli avvenimenti capitano per caso, a volte credo ci sia qualcuno che dà una spintarella alle azioni che si compiono e…

Wow! È stata la prima parola che mi è venuta in mente al termine di questo fantastico romanzo!

Finalmente una storia fuori dall’ordinario, ricca di azione, suspense, adrenalina e amore.

Veronica è una sedicenne, studentessa alla Montcrief High che si è trovata ad affrontare una terribile perdita: quella del padre. Questo però non le impedisce di vederlo, ogni mattina infatti, puntuale alle 7.13 lui si presenta nella cucina con il suo quotidiano e una tazza di caffè. Questa è l’unica certezza che le rimane.

Il suo mondo è stato sconvolto dall’Evento, una catastrofe gigantesca in cui sono morte migliaia di persone, e che ha causato l’apparizione di moltissimi fantasmi. Le persone ormai non tengono più conto di queste apparizioni ma c’è chi, come il suo insegnante, ne è talmente ossessionato da scriverne un libro: il prof Pescatelli, o pesce per gli amici. In quest’impresa lo aiuterà Kirk, un compagno segretamente innamorato della protagonista e in competizione con James, il belloccio stupido della scuola, che farà di tutto per attirare la sua attenzione.

Si troveranno invischiati in segreti di quartiere che non dovrebbero mai essere svelati perché, a volte, è meglio aver paura dei vivi piuttosto che dei morti!

La storia viene raccontata da tre punti di vista.
Il primo è quello della protagonista, Veronica, che ci racconta la sua storia con la mamma e con l’apparizione quotidiana del papà e del fantasmino spione all’interno del suo bagno, Brian.
Il secondo è del professor Bittner, che scopriremo molto presto essere il colpevole di diversi crimini efferati che lo hanno portato alla follia ed il terzo, è quello di Brian, che sa cos’è successo in passato, che vorrebbe fare di tutto per aiutare, ma farlo gli costa un’immane dose di energia.

Segnatevi inoltre la data del 29 febbraio, perché sarà fondamentale nello svolgimento della storia.

È un libro che ho letto davvero tutto d’un fiato, ad ogni momento libero che avevo volevo solo continuare la storia per vedere cosa sarebbe successo. Troviamo moltissima suspance e adrenalina, un ritmo serrato ed una lettura scorrevolissima.

A settembre ne hanno fatto anche un film se lo volete vedere, io lo guarderò di certo!!

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

StaffRFS