Home » Recensione libri » Recensione: Recensione: Il coraggio delle Highlands di Keira Montclair Serie: La banda dei cugini #5

Recensione: Recensione: Il coraggio delle Highlands di Keira Montclair Serie: La banda dei cugini #5

Titolo: Il coraggio delle Highlands

Autore:Keira Montclair

Serie: la banda dei cugini #5

Genere: romance storico

Formato: solo ebook

Data di uscita 25 Aprile 2020

1 La vendetta delle Highlands clicca qui per leggere la recensione

2 Rapimento nelle Highlands clicca qui per leggere la recensione

3Highland Retribution clicca qui per leggere la recensione

4Menzogne nelle Highlands clicca qui per leggere la recensione

5Il coraggio delle Highlands

6 Highland Resilience

7Highland Devotion

8Highland Brawn

9Highland Yuletide Magic

Per gli altri è un disadattato. Per lei è un eroe.

Daniel Drummond teme che nessuna ragazza vorrà mai un guerriero con una mano sola, ma quando incontra la bella e vivace Constance a Sona Abbey, trova il coraggio di chiedersi se potrebbe esserci un futuro per loro. Ma la bella novizia ha un segreto e la sua reticenza lo spinge a temere che lei lo veda come meno di un uomo. Ansioso di dimenticare, Daniel si tuffa nella missione della Banda di trovare e fermare i misteriosi rapitori che spediscono ragazzini e ragazzine oltremare.

Constance ama Daniel, ma non osa rivelargli la verità sul suo passato. Suo padre l’ha spinta a scappare di casa e lei teme che diventare suora sia l’unico modo per tenere al sicuro se stessa e i suoi cari. Ma l’abbazia non è sicura come sperava e presto Constance si ritrova in fuga da diversi inseguitori.

Daniel si tuffa in una missione segreta, non aspettandosi che essa lo riporterà dritto dalla ragazza che ama; ma lui e Constance avranno la forza per superare gli ostacoli che si frappongono loro?

 

In questo episodio troviamo la coppia che probabilmente preferisco di tutta la saga della Banda: Daniel, detto il Fantasma, e Constance, l’amica che ha aiutato Rose durante il soggiorno a Sona Abbey.
L’ attrazione tra i due giovani (Daniel ha 17 anni) s’intuiva già in Menzogne nelle Highlands, anche se abbastanza timida e più suggerita che altro; tanto mi è bastato, però, per non vedere l’ora di leggerne gli sviluppi.
Constance ha un segreto, e proprio a causa di questo è restia ad accettare la corte del giovane, nonostante ne sia affascinata.
A Daniel manca una mano, a 7 anni un bandito gliel’ha staccata con una spada; sebbene sia diventato abile e forte malgrado la sua mutilazione, adesso che il suo cuore batte forte per la fanciulla, teme di essere giudicato da lei e non poterla proteggere come meriterebbe. Questi due fattori rischiano di allontanare i ragazzi, persi nelle loro elucubrazioni.
Quando Daniel si sente rifiutato decide di dedicarsi anima e corpo alla missione di sventare l’ennesimo traffico del canale di Dubh, accettando con i suoi cugini d’infiltrarsi nel mondo clandestino delle scommesse e dei combattimenti, sperando di trovare nuovi indizi. Diventerà in breve tempo il combattete più forte di tutta Edimburgo, conosciuto come “La mano diabolica” grazie a una sorta di protesi donatagli da una sua cugina. In breve la gloria derivante dalle lotte lo inebria, tanto da rischiare di perdere di vista il suo reale obiettivo, ma una visita del fantasma della donna dai capelli rossi, che avevamo incontrato già grazie a Rose, e la scoperta che nelle mire del Canale vi è proprio Constance, darà una scossa a Daniel che rimetterà ordine nelle sue priorità.
Il paradosso è che viene incaricato dal Canale di andare proprio a recuperare la ragazza, con cui deve essere arrogante e scortese per non destare sospetti nella propria scorta.
Constance si trova in mezzo al fuoco incrociato: ben tre gruppi la stanno cercando e vorrebbe sfuggire a tutti, ma uno di questi è capitanato dal padre, che riesce a convincere Maggie a permettergli di parlare con la figlia.
La situazione s’ingarbuglia sempre di più e Daniel viene gravemente ferito; in quest’occasione Constance tira fuori le unghie (e un pugnale) per proteggerlo da tutti, conquistandosi così la stima degli astanti.
Non potrà che integrarsi alla perfezione nella famiglia del giovane: la madre è un Laird, unica rappresentante del gentil sesso a ricoprire tale ruolo, e sappiamo bene che le donne di questi clan hanno tutte personalità molto forti.
Onestamente sono un po’ perplessa, care Fenici, perché se la passione e il carattere dei nostri attuali protagonisti mi ha stregata e conquistata senza nessun se e nessun ma, la vicenda rispetto alle precedenti mi è sembrata leggermente forzata. Questi tre gruppi che la cercano, di cui scopriremo solo alla fine mire e mittenti, mi hanno convinto meno di altre peripezie precedenti, forse perché qui non c’è realmente un nemico ben delineato come nei precedenti libri.
Una cosa che mi ha un attimo destabilizzata e disturbata nella lettura sono anche due nomi che sono stati sbagliati: una volta il pony Paddy diventa Patty, e un’altra volta vi è uno scambio d’identità e Constance viene chiamata Cairstine (la moglie di Braden).
Detto questo i pregi superano di gran lunga queste piccole pecche (la prima per altro puramente soggettiva).
I due giovani sono sanguigni e la passione la fa da padrone, sebbene le scene hot non abbondino, ma non sono certo solo quelle a decretare l’erotismo di una coppia o di una storia.
Anche questo episodio è autoconclusivo, e se vi piacciono le storie rocambolesche è sicuramente il momento di approcciarsi a questi Cugini.

 

 

 

ladykira

ladykira
Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento