Home » Recensione libri » Recensione: Proteggere Summer (Armi & Amori Vol. 5) di Susan Stoker

Recensione: Proteggere Summer (Armi & Amori Vol. 5) di Susan Stoker

 

 

Titolo: Proteggere Summer

Autore: Susan Stoker

Editore: A Stoker Aces Production

Genere: Romanzo rosa

Serie: Armi & Amori Vol. 5

Data pubblicazione: 15 Settembre 2020

 

  • Proteggere Caroline (Armi & Amori Vol. 1)
  • Proteggere Alabama (Armi & Amori Vol. 2)
  • Proteggere Fiona (Armi & Amori Vol. 3)
  • Il matrimonio di Caroline (Armi & Amori Vol. 4)

 

La vita di Sam “Mozart” Reed cambiò il giorno in cui la sua sorellina fu ritrovata dopo essere stata abusata e uccisa, quando lui aveva quindici anni. Lui ha passato gli ultimi diciannove anni cercando il serial killer che gli ha tolto sua sorella e ha rovinato la sua famiglia. Sfruttando i suoi contatti e il suo addestramento di SEAL, Mozart crede di aver finalmente trovato il killer nella cittadina di Big Bear, California.

Summer Pack lavora in un motel merdoso a Big Bear Lake, almeno finché non riuscirà a trovare qualcosa di meglio, di più significativo, di più reale. Pur vivendo in una situazione malsana, incontra un uomo che è tutto ciò che lei aveva sempre sognato e che l’aiuterà a scoprire che ci sono persone al mondo che fanno davvero ciò che promettono.

Ma in giro a Big Bear c’è un killer che aspetta di colpire ancora. Cerca solo la vittima perfetta.

 

Quando Sam “Mozart” Reed si ritrova in ferie, decide di perseguire un obiettivo che l’ossessiona da ben diciannove anni: stanare finalmente il killer che uccise sua sorella quando era adolescente, motivazione che l’ha reso il duro Seal che è adesso. Si reca quindi nella cittadina di Big Bear Lake, dove pensa possa essersi nascosto.

Lì troverà ben più di ciò che sta cercando nella persona di Summer Pack; la sfortuna sembra essersi accanita su di lei quando, divorziata e sul lastrico, decide di lavorare per un capo superficiale in un motel del luogo che definire squallido è dire poco, facendosi sfruttare nonostante sia una donna istruita e talentuosa. L’incontro con Mozart le rivelerà che, nonostante la vita possa essere piatta, ci sono persone al mondo che mantengono le promesse e non deludono.

Mozart e Summer sono totalmente diversi tra loro. 

Mozart era il farfallone del gruppo e gli riusciva anche bene, grazie al suo aspetto e status di Seal; adesso, con la cicatrice sul volto, la sua vita sessuale è diventata piuttosto selettiva, ma a lui non importa se una donna non lo considera per il suo aspetto, ha altro di cui preoccuparsi; inoltre, ha visto di peggio per torturarsi per una cosa così insignificante. Eppure, sarà a causa di quella cicatrice che incontrerà Summer. Una donna apparentemente sconfitta dalle circostanze, una trentaseienne laureata ma senza prospettive di vita e senza un tetto sulla testa che, davanti a dei commenti poco carini nei confronti di Mozart, prenderà le sue difese e lo farà in un modo che sorprenderà entrambi (e devo dire anche me). 

Ciò porterà Mozart a trascorrere due giorni sorprendenti con lei (senza sesso come invece ha fatto col 90% della popolazione femminile). A discapito della sua ricerca, che dovrà interrompere, ritorna quindi a casa e quasi si dimentica di Summer: è da qui che, per me, inizia il declino. Infatti, quando ritorna di nuovo dopo quasi 2 mesi e si prende cura di lei per circa 3 giorni, nel frattempo abbiamo continui elogi su Caroline che quasi mi hanno fatto pensare ad un’infatuazione del protagonista, che poi comunque riparte in missione e… vi lascerò leggere il seguito.

Il libro ha notevoli buchi dove mancano i background dei protagonisti, che avrei voluto fossero approfonditi, e per quanto scritto bene ho trovato fosse frettoloso. Devo dire che Mozart, come maschio Alfa, è quello che ad oggi mi è piaciuto meno, in quanto troppo superficiale almeno fino a metà della storia. Questo libro ha rappresentato diversi alti e bassi, fino all’ultima pagina, e i personaggi di per sé non mi hanno entusiasmato; un vero peccato visto che la trama sembrava veramente bella e interessante! Inoltre, ho trovato veramente fastidiosi i continui accenni a Santa Caroline, che ad ogni libro sta diventando sempre più pesante. In conclusione, spero questo titolo sia solo un breve scivolone, che comunque recupereremo al prossimo volume.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Dasys

Lascia un Commento