Home » Spazio bimbi. Crescendo con i libri, i cartoni e il film e telefilm » Recensione: “Profumo di zucchero” di Kathryn Littlewood

Recensione: “Profumo di zucchero” di Kathryn Littlewood

Autore: Kathryn Littlewood

Genere: fantasy

Pagine: 241

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Best Seller

Formato: copertina flessibile e ebook

Prezzo: cartaceo € 10,50 – ebook € 4,99

Età di lettura: da 10 anni

Rosemary Bliss è disposta a fare qualsiasi cosa pur di riprendersi il Magiricettario Bliss, il libro delle ricette magiche di famiglia. Per questo sfida sua zia Lily, che gliel’ha sottratto con l’inganno, a una competizione internazionale di pasticceria, a Parigi. Lily ha promesso che le restituirà il prezioso libro, se sarà Rose a vincere. Se invece dovesse perdere… be’, le conseguenze sarebbero troppo orribili anche solo per pensarci. Ma Lily gioca sporco, e usa un ingrediente magico per imbrogliare la giuria. L’unica speranza di Rose è usare a sua volta la magia. Insieme al nonno che non vedevano da moltissimo tempo, al suo sarcastico gatto parlante e a un topo francese voltagabbana, Rose e i suoi fratelli dovranno scorrazzare per tutta Parigi per trovare alcuni ingredienti magici fondamentali – e inafferrabili per sconfiggere l’intrigante nemica a suon di torte e incantesimi. Perché Rose deve vincere, o il Magiricettario Bliss sarà perduto per sempre…

In questo secondo volume vedremo la famiglia Bliss in serie difficoltà, dopo che la spietata zia Lily ha rubato il preziosissimo Magiricettario, e a Calamity Falls è calato il grigiore. La gente non ha più l’entusiasmo di una volta, si trascinano tutti giorno dopo giorno. Senza le magiche ricette della Bliss Bakery la città sta andando a rotoli e il senso di colpa di Rose è sempre più pressante. Si sente la responsabile per essersi fidata dell’apparente bontà della zia permettendole di rubare così il libro di ricette. L’unico modo che hanno per riprenderselo è sfidarla al Campionato Mondiale di Arte Pasticciera di Parigi. Se Rose riuscirà a vincere la zia restituirà il Magiricettario altrimenti non avranno più modo di rivederlo. E ben presto ci ritroveremo nella bellissima Parigi con tutta la famiglia Bliss e uno scorbutico quanto simpatico quadrisnonno Balthazar.

Senza quel libro, Purdy e Albert Bliss non avevano avuto altra scelta che cucinare normalissime crostate, normalissimi muffin e normalissimi croissant come insegnavano le pagine del normalissimo libro di cucina di Betty Crocker. Certo, i dolci sfornati erano comunque deliziosi, e gli abitanti di Calamity Falls si presentavano ancora ogni mattina per comprarli, come avevano sempre fatto; ma la magia della cittadina si era prosciugata, lasciando tutto e tutti in una situazione che ricordava un po’ una lattuga calda: scipida, pallida e floscia.

Non ci si annoierà nemmeno un secondo. Ci ritroveremo a correre tra le strade, le catacombe e i monumenti di Parigi alla ricerca degli ingredienti magici necessari per sconfiggere alla gara l’antipatica zia Lily, che accompagnata da un losco quanto crudele individuo, metterà in serie difficoltà i fratelli Bliss. Ad aiutare la già bizzarra combriccola ci sarà Gus un altezzoso gatto parlante e Jacques un raffinato topo francese.

 – Wow! – esclamò Sage. – Hai un gatto parlante! – Purtroppo – replicò Balthazar. – Si infilò nella cucina dei miei genitori quando avevo quindici anni, e mise i suoi luridi artigli su un’infornata di Biscotti Chiacchierini al formaggio. Da allora non è più stato zitto un attimo.

– Consentitemi di presentarmi adeguatamente, dal momento che questo vecchio non si decide a farlo – disse il gatto. Sembravo il maggiordomo di un’antica magione appena fuori Londra. – Mi chiamo Asparagus Verdis, ma potete chiamarmi Gus.

Ho trovato questo libro davvero molto divertente e molto più movimentato del primo. I personaggi vengono meglio definiti, ogni componente della famiglia viene ben caratterizzato e ci si affeziona ancor di più ai quattro ragazzi che insieme porteranno a termine tante missioni ma faranno anche un sacco di pasticci. Se nel primo avevamo solo il sentore di chi potesse essere il cattivo qui invece è ben chiaro. Zia Lily infatti è molto subdola e ambiziosa. Dopo aver avuto tantissima fama con il suo programma televisivo di pasticceria e anche grazie al suo Ingrediente Magico di Lily parte molto avvantaggiata in qualsiasi prova. È terribilmente avida e non si fermerà davanti a niente e a nessuno pur di ottenere sempre di più.

Dalla sua Rose ha però tutto l’affetto della sua famiglia, addirittura l’aiuto dei suoi due fratelli che non l’avevano mai considerata più di tanto. Mentre Lily è sola. Ma riuscirà una bambina a sconfiggere un’esperta pasticcera come Lily, che possiede anche il libro delle ricette magiche?

Ho amato molto questo romanzo, bella l’ambientazione di Parigi che ci farà conoscere figure stravaganti e inquietanti. Tra fantasmi, topi parlanti, quadri del Louvre e le gargolle della cattedrale di Notre Dame arriveremo alla fine della storia senza rendercene conto. Unico appunto che posso fare è l’infelice scelta dell’autrice di mandare Rose alla competizione in condizioni piuttosto pietose, capelli sporchi legati in una coda scomposta ed inoltre con la felpa del giorno prima sporca di frolla e che puzza di uovo. Se pensiamo che la competizione è anche ripresa dalle telecamere, non dico che dovesse essere tutta agghindata essendo una ragazzina, ma almeno che fosse pulita. Ma se non bastasse, non è la sola a presentarsi lercia, infatti non contenta l’autrice, ha lasciato la maglia sporca anche alla sorellina, che si ritrova, per tutta la permanenza a Parigi, con le macchie marroni vecchie di tre mesi! Ma dico, è mai possibile? Piuttosto disgustoso, evidentemente una lavatrice non era contemplata nel magico quadro della vita dei Bliss…

A parte questo il romanzo è davvero bello. Per una come me che i dieci anni li ha passati da un bel po’ è stata una lettura davvero carina e distensiva ma per un bambino di 10-12 anni è la lettura perfetta per addentrarsi in letture un po’ più da adulto senza risultare troppo difficoltosa. Questo capitolo in stile Bake Off non posso che consigliarvelo e ora non ci resta che scoprire come andrà a finire nel terzo e ultimo volume.

La trilogia è così composta:

Profumo di cioccolato #1

Profumo di zucchero #2

Profumi di meringa #3

StaffRFS

StaffRFS