Home / Adult / Recensione: “Piacere estremo” di Georgia Cates

Recensione: “Piacere estremo” di Georgia Cates

Trama

Laurelyn è stata delusa dagli uomini e dall’amore, ma una sera incontra un uomo affascinante che la invita a cena e le propone uno strano accordo: passare insieme tre mesi che lui s’impegna a rendere indimenticabili. A una condizione: nessuno dei due dovrà rivelare all’altro la propria identità. Inizialmente Laurelyn è turbata e offesa, ma poi spinta da un’amica e dalla curiosità decide di cedere alla proposta. L’uomo si fa chiamare Lachlan Henry, ma sotto quel nome si nasconde un ricchissimo magnate dell’industria vinicola che non vuole legami di nessun genere.
I due trascorrono insieme tre mesi splendidi, tra ville lussuose e sesso spettacolare, ma quanto può durare il loro gioco senza che il più temibile degli imprevisti, l’amore, mandi all’aria ogni strategia?

Recensione

Dall’uscita di 50 sfumature ho letto veramente tanti libri chiaramente ispirati, e molti con brani simili e “Piacere estremo” di Georgia Cates rientra in questa categoria. Per quanto io abbia apprezzato e amato la lettura delle sfumature, devo dire che mi scoccia un po’ ritrovare riportati in maniera sfacciata alcuni brani; perché qui non parliamo di ispirato da… ma proprio di ritrovare singoli precisi episodi, con location diverse ma di base uguali.  Non sto qui a farne un elenco, chi li ha letti entrambi saprà di cosa parlo. Ispirazione a parte devo dire che la nostra autrice ha saputo tessere una trama intrigante anche se un po’ prevedibile, dove, per l’ennesima volta la donna dimostra più coerenza con le sue scelte di quanto ne abbiano questi uomini pieni di sé solo in apparenza, ma dentro particolarmente insicuri se non fragili. Laurelyn porterà a termine soffrendo come un cane l’accordo preso con Jack Henry che, come più o meno fanno tutti i maschi, dà sempre per scontato di avere un sacco di tempo davanti a sé per scegliere quale strada prendere. Ma cavolo sono due mesi che hai deciso di tenerla con te, devi aspettare ancora molto per dirlo? Quello che capita è solo la giusta punizione per una tale pienezza di sé. Come dite? Non sono rimasta folgorata da quest’uomo? No per niente. Non ho apprezzato il suo trattenersi e le poche crepe che si sono create nella sua corazza le ha bellamente ignorate, non si  è meritato nulla di diverso se non una donna che anche se con il cuore spezzato, non si fa manipolare ma va  avanti con la propria vita costi quello che costi; per una volta non una donna zerbino, ma una che si è goduta le sue maratone sessuali traendone il massimo, cioè un insieme di ricordi. Bellissima l’immagine finale. Come si presenterà il secondo libro? Riuscirà Jack Henry a ritrovare Laurelyn? O i 15.000 km che li separano, e che lui considerava la sua ancora di sicurezza, saranno invece la sua fine? Lo scopriremo tra pochissimo.

Fiamme Sensualità hot

Recensione a cura di:

Madau

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Verso l’inverno” di Lily Archer serie Prigioniera dei Fae #2

  Titolo: Verso l’inverno Serie :Prigioniera dei Fae ...