Home / Recensioni MM / Recensione: “Operazione Wolfbane” di Shannon West (serie Dark Hollow Wolves #5)

Recensione: “Operazione Wolfbane” di Shannon West (serie Dark Hollow Wolves #5)

Care Fenici, oggi Danny ci parla di “Operazione Wolfbane” di Shannon West (serie Dark Hollow Wolves #5)

Evan Grant, guardia di sicurezza nella prigione dei Cacciatori, è ansioso di dare buona prova di sé. All’arrivo di un nuovo prigioniero se ne sente immediatamente attratto. Il mutaforma è Brett, l’uomo più bello che Evan abbia mai visto, e le torture a cui i Cacciatori lo sottopongono gli toccano il cuore. Portandogli antidolorifici e cibo finisce con il creare un forte legame con lui; l’attrazione è travolgente, e il tutto diventa ancora più difficile quando gli scienziati dei Cacciatori gli chiedono di offrirsi volontario per accoppiarsi con il mutaforma, in modo da poter studiare il legame di sangue. Evan accetta di prendere parte all’esperimento solo dopo essersi fatto promettere che nulla possa andare storto, ma dopo l’accoppiamento Brett riesce a sopraffare le guardie e fugge portandolo con sé. Non ci vuole molto tempo perché Evan scopra di essere il più recente “pet” del branco della montagna… e Brett è il suo nuovo master.

Attenzione presenti scene bdsm: sottomissione/dominazione, no m-preg.

Operazione Wolsbane fa parte della serie dei lupi di Dark Hollow e, cronologicamente è il quinto libro, succedente a “un alpha per Gabe”. Considerando che ritroviamo tutti i personaggi dei precedenti libri, consiglio la lettura rispettando l’ordine di pubblicazione.

Se siete alla ricerca di un libro bollente, con rapporto sottomissione/dominazione, arrapante e ambientato su una montagna con tanti lupi grossi e sexy, questa è la serie adatta a voi. Il sesso è predominante, insieme al difficile rapporto di un lupo troppo conservatore con un uomo che ama prendere decisioni da sé, quindi fanno da padroni azioni dominanti volte a spezzare gli animi ribelli.

Nel complesso di Dark Hollow vive un branco di lupi comandati dal loro alpha Marco che segue leggi gerarchiche molto precise. Nella punta della piramide gerarchica, troviamo i lupi mentre alla base i pet, che non per questo sono poco importanti, anzi, ma sono di proprietà dei loro compagni che ne dispongono come vogliono basandosi su tradizioni vecchie e bigotte. I nuovi pet umani incontrati negli altri libri sono riusciti a modificare, in parte, queste leggi dando più spazio al desiderio di indipendenza del pet.

Brett, purtroppo, appartiene alla vecchia scuola di lupi che vedono nel pet una mera proprietà che deve fare tutto quello che gli viene detto. Brett non ha mai voluto un pet umano, giudicandoli troppo ribelli, ma il fato lo unisce proprio ad un umano, e che umano! Evan fa parte dei cacciatori e il suo compito è liberare il mondo dai lupi mannari, è disposto a tutto per la causa, ma mai avrebbe pensato di dover andare a letto con il nemico. Ben presto i due, dopo un amplesso più che soddisfacente, scappano dalla base per raggiungere il branco di Brett ed è qui che la vera natura del lupo si mostra. Evan ama il proprio compagno ma non è disposto a sottostare a tutte le sue imposizioni assurde così, incoraggiato dagli altri umani, lo metterà alla prova. Cosa farà Brett? Riuscirà a ingoiare l’orgoglio e a dimostrare al proprio compagno tutto il suo amore?

La storia sessuale tra i due è molto piccante e il libro merita di essere letto anche solo per questo: per concedersi una distrazione, un po’ di pepe. Per il resto la storia non ha trama, proprio zero totale! e il poco che dovrebbe esserci, non ha senso ed è del tutto incoerente, i cacciatori sono dei tizi messi a caso e comandati da un pazzo senza un minimo di intelligenza. L’ambientazione è quasi inesistente, descrizioni assenti. Gli stessi personaggi protagonisti mancano di spessore, e seguono il tema razzista che vuole a fianco di un uomo gay forte e risoluto un ragazzo effeminato e più debole. Un po’ azzardato di questi tempi mi pare. Fortunatamente manca la componente m-preg.

Tutto ciò per dirvi di non leggerlo? In verità no, anzi. Tenendo presente che il libro funge da distrazione e che le scene hot sono ben scritte mi sento in dovere di consigliarvelo, tenendo, però, presenti i giudizi dati sopra.

Buona Lettura

 

 

Romanticamente Fantasy

Avatar
x

Check Also

Recensione in anteprima: “Cambio di Linea – Serie Harrisburg Railers #1” di R.J. Scott e V.L. Locey

Buongiorno fenicette, oggi Lucia ci racconta in anteprima ...