Home » Recensione libri » Recensione: “Oltre le regole” di Jay Crownover

Recensione: “Oltre le regole” di Jay Crownover

Trama

Shaw Landon è la tipica brava ragazza di buona famiglia. Sa cosa i suoi genitori si augurano per lei: voti eccellenti, un lavoro come medico, un ragazzo benestante e rispettoso che la conduca all’altare. Eppure, da sempre, Shaw è attratta da tutt’altro. Soprattutto da ciò che è l’esatto contrario di quello che dovrebbe desiderare…
Rule Archer è bellissimo, fa il tatuatore, è sfacciato e arrogante, una luce negli occhi che non sembra promettere niente di buono, ma ha un sorriso capace di sciogliere un iceberg. E soprattutto è abituato a prendersi ciò che vuole. Ogni sera si porta a letto una ragazza diversa, salvo poi non ricordarne neppure il nome il mattino successivo. Rule sa bene che la bella Shaw è rigorosamente off limits, ma sembra diversa da tutte le altre ed è così difficile rinunciare anche solo ad assaggiare quell’invitante frutto proibito…

Recensione

Shaw è una brava ragazza, o almeno così sembra, o meglio, Shaw si comporta da brava ragazza. Vive la vita che i suoi genitori e le persone che le vogliono bene si aspettano da lei, per paura di deludere le loro aspettative, di non essere abbastanza da meritare il loro amore; ma la vera Shaw è rimasta nascosta in un angolo per molto tempo, quanto ancora ci metterà prima di emergere?

Io ero una brava ragazza – ero leale, onesta, lavoravo sodo e investivo un sacco di tempo ed energie per costruirmi un futuro sicuro. Mi tenevo lontana dai guai e mi sforzavo di essere la figlia tirata a lucido e perfetta che volevano i miei genitori e la donna ambiziosa e di successo che la fiducia degli Archer mi avevano permesso di diventare. Ma non ero mai la persona che mi sentivo davvero. Quella persona era rinchiusa da qualche parte nel profondo di me.

Rule invece è il classico cattivo ragazzo, ha sempre vissuto la vita secondo le sue regole fregandosene dell’opinione degli altri, ma anche lui come Shaw ha paura di non meritare l’amore degli altri e così, per evitare di soffrire, tiene tutti a distanza.

Rule era complicato – era aggressivo, sfacciato, noncurante, irriguardoso, spesso irascibile e in genere un rompipalle insopportabile. Ma quando voleva, era affascinante e divertente, artisticamente brillante e, spesso, la persona più interessante nella stanza. Ero innamorata persa delle sue due facce fin da quando avevo quattordici anni.

Ma tra di loro c’è il fantasma di Remy, il gemello di Rule morto in un incidente; la sua è una presenza ingombrante perché si porta dietro dei segreti che Shaw non può rivelare, ma che hanno condizionato molto la sua vita.

C’erano un sacco di cose che Rule e Rome non avevano mai saputo del fratello, cose che lui aveva paura di condividere, con cui si scontrava ogni giorno. 

Rule si sente responsabile della morte di Remy, e come potrebbe non esserlo visto che sua madre non perde occasione per accusarlo, (Dio, come ho odiato questa donna!). Le cose che dice a Rule, devasterebbero qualsiasi persona; da madre posso capire il dolore per la perdita di un figlio, ma trovo inconcepibile quello che lei ha il coraggio di dire a Rule. Come può una madre, sulla tomba del figlio, dire al gemello “avresti dovuto esserci tu in questa bara”? Mi vengono i brividi solo a leggere una cosa del genere.
Comunque i genitori di lei non sono da meno e neanche il suo ex, ormai diventato uno stalker, che non riesce ad accettare di essere stato mollato, anche se secondo me ha pure qualche problemino a livello mentale.
Ma sto divagando; torniamo a Shaw e Rule. Complice il compleanno di lei e la consueta sbronza, invece di viaggiare su binari paralleli, per quella notte le loro vite si scontrano.

«Non posso cambiare il passato, Casper, nemmeno una parte. Non posso far sparire quelle ragazze o cancellare il fatto che tu le abbia viste in continuazione domenica mattina. Non posso riportare qui Remy o tornare indietro nel tempo e non chiamarlo per farmi venire a prendere quella notte. Probabilmente ho un milione di rimpianti e se si metteranno tra noi qui o a letto allora è meglio farla finita subito, perché non ho intenzione di combattere il passato quando finalmente il futuro sta diventando qualcosa in cui voglio investire».

Insieme decidono di portare avanti qualsiasi cosa stia nascendo fra loro, ma non sempre è semplice, specie quando altri cercano di interferire, quando la paura di sbagliare è così forte che l’unica cosa che ti viene in mente è scappare ma a volte, come dice Shaw: “penso che ne valga la pena”.
Perché Rule è l’unica cosa che Shaw abbia mai voluto, l’unica persona che abbia mai desiderato di avere accanto, ma quando la situazione si fa difficile non è semplice combattere per quello che si vuole davvero.

«Devi promettermi di non abbandonarmi quando mi perderò, Shaw. Devi promettermi di aspettare fino a quando troverò il modo di tornare indietro. Devo sapere che, quando tutto diventa nero, alla fine del tunnel ci sei tu».
«So come aspettarti, Rule, e non mi dispiace farlo, ma devi promettermi di non tagliarmi fuori. Non posso farlo con te, essere così presa da te e da quello che c’è tra noi se mi chiuderai ancora la porta in faccia quando diventerà troppo. Il mio cuore non può sopportarlo».

E’ stata indubbiamente una bella lettura e non vedo l’ora di leggere gli altri. Se vi interessa, il prossimo è su Ayden, la coinquilina e migliore amica di Shaw, e su Jet, cantante rock e amico di Rule.
Per le amanti dei New adult è sicuramente un libro da leggere: non ve ne pentirete.

Fiamme Sensualità Medio

Recensione a cura di:

LadyEryn

Editing a cura di:

Elettra

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento