Home » Recensione libri » Recensione: “Offside (The Barker Triplets Vol. 1)” di Juliana Stone 

Recensione: “Offside (The Barker Triplets Vol. 1)” di Juliana Stone 

Quando il fenomeno dell’hockey Billie-Jo Barker torna a casa e decide di giocare nel piccolo torneo locale del venerdì sera, nella cittadina di New Waterford si scatena l’inferno. Non perché venga messo in dubbio il talento di Billie, ma perché è una donna. E, nonostante i tempi moderni, qualcuno dei ragazzi del luogo ha ancora problemi a lasciare che una ragazza entri in uno spazio riservato agli uomini.
Sin da subito, Billie si trova al centro di una piccola battaglia dei sessi, dove ognuno sceglie la parte dove stare. Le sue sorelle. I suoi concittadini. I suoi amici. Eppure, l’unica persona di cui le importerebbe l’opinione non sembra granché interessata. Logan Forest, l’uomo che le ha spezzato il cuore quando aveva diciotto anni, lo stesso uomo con cui ora condivide la panchina della squadra di hockey ogni venerdì sera.
Billie-Jo Barker ha molto da dimostrare e, sebbene non abbia problemi a segnare sul ghiaccio, si domanda se riuscirà a fare gol anche nel cuore dell’uomo dei suoi sogni.

Il cuore di Billie si riempì tanto da farle venire quasi le lacrime. Lo amava. Amava quell’uomo con ogni fibra del proprio essere. Non ricordava un momento in cui non lo avesse amato in qualche modo e, quando era cresciuta, i suoi sentimenti erano cambiati, il suo amore per lui era cambiato.

Ma non se ne era mai andato.

Billie-Jo ha due gemelle, e sono tutte caratterialmente molto diverse tra loro. Ha giocato a hockey ad alti livelli ma, a causa di un infortunio, ha dovuto smettere. Tornata nella sua città, decide di partecipare a un torneo amatoriale senza contatto fisico (quindi più sicuro per le sue condizioni), ma un sessismo arcaico e spudorato le si oppone contro.

Logan fa parte della squadra. Non lo toccano per niente le questioni di genere, è solo preoccupato che nessuno si faccia male. Essenzialmente è rapito da un’attrazione carnale impetuosa nei confronti di Billie-Jo, che gli fa perdere il lume della ragione.

Le caratterizzazioni ci sono, sono interessanti, ma per la struttura del racconto non si è riusciti a valorizzarle. Il romanzo è disseminato di nodi irrisolti che continuano ad ammiccare al lettore. Un amore adolescenziale che finalmente ha l’opportunità di essere espresso. Eppure… c’è un segreto che se svelato potrebbe rovinare tutto.

Purtroppo trovo che sia stato mal dosato lo sviluppo della trama: l’inizio è molto lento e occupa gran parte del romanzo. Per più di metà libro i protagonisti ancora si stanno letteralmente annusando, con l’aggiunta di un po’ di tira e molla.

Logan e Billie-Jo sono chiaramente personaggi complessi, sfaccettati, ma le loro sofferenze non vengono indagate, ci si limita a presentarle senza risolverle.

Tutte le questioni importanti vengono rimandate alla parte finale, con il risultato che alcuni dettagli vengono dimenticati o comunque solamente sorvolati. La parte in cui tutto dovrebbe venire analizzato, esplorato, snocciolato, digerito e risolto è troppo rapida.

La sofferenza per essere colpita dai compagni, per i rapporti incrinati in famiglia, il dolore per la rottura con una persona che si ama, le bugie tenute nascoste e tante altre cose vengono sostanzialmente rimandate o passate in modo troppo rapido.

E quindi, nei fatti, gran parte del romanzo si limita a una forte attrazione tra due persone che non riescono inizialmente a essere sincere l’una con l’altra, e a dei misteri che quando vengono svelati fanno esplodere la coppia. Tutto il resto è di contorno.

Lo stile è un po’ legnoso, forse legato alla traduzione, e ho avuto qualche problema coi cambi di punti di vista, che talvolta saltellano da un personaggio all’altro. Credo che riorganizzandolo meglio sarebbe stato un romanzo interessante.

In quel momento, Logan comprese un paio di cose. Billie-Jo Barker lo intrigava un sacco. Era diversa dalle sue sorelle. Bobbi era di tipo A, una cacacazzo di prima categoria, anche se, quando non cercava di essere diversa dalla sua natura, non era poi malaccio.

Betty, be’, Betty era completamente un’altra storia.

Ma Billie… gli faceva desiderare di fare il giro della stanza per fare pipì in ogni angolo come un animale che vuole marcare il territorio.

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento