Home » Recensione libri » Recensione “Oblivion III – Opal attraverso gli occhi di Daemon” di Jennifer L. Armentrout (Lux series #3.5)

Recensione “Oblivion III – Opal attraverso gli occhi di Daemon” di Jennifer L. Armentrout (Lux series #3.5)

 

Trama verde

L’alieno più sexy mai sceso sulla Terra questa volta deve combattere contro qualcosa di molto più grande di lui per proteggere la sua famiglia da un pericolo più che reale. Ma Daemon non è solo, lui e Katy sono diventati inscindibili e questo significa che dovrà soprattutto proteggere la sua amata. 
Trame oscure ed esperimenti segreti coinvolgono il Dipartimento della Difesa e un’organizzazione spietata, Dedalo, che ha imprigionato Dawson per anni e continua a tenere rinchiuso qualcuno che gli sta particolarmente a cuore. Per annientare l’organizzazione e salvare gli ibridi, bisogna allearsi con coloro che un tempo erano nemici. In gioco ci sono le loro vite, soprattutto quella di Katy. È necessario tornare nell’oscurità per rivedere la luce e salvare due mondi da conseguenze disastrose. Il coraggio e l’amore che uniscono le coppie umano-aliene sono così potenti da sfidare questa terribile minaccia. 
In un susseguirsi di colpi di scena, che vissuti direttamente da Daemon acquistano una luce del tutto inedita, si conclude questa avventura di proporzioni galattiche. L’ultimo episodio di Oblivion è un personale e appassionato addio di Daemon Black, che ve lo farà amare ancora di più. 


I tre volumi di Oblivion ripercorrono i primi tre libri della serie Lux, ObsidianOnyx e Opal, raccontati dalla voce sexy di Daemon Black. Titolo originale: Oblivion (2015).

Recensione verde

 

Scalzo e a torso nudo scesi di corsa le scale e uscii di casa, trovandomi subito immerso nella neve.”

Comincia con questa frase il terzo volume italiano di Oblivion, l’inizio della saga Lux raccontato attraverso gli occhi di Daemon Black, il sexy alieno che ha dato a questa serie un valido motivo per essere letta. Conosciamo bene la sua fisionomia, che ci è stata raccontata con dovizia di particolari nei cinque libri precedenti, quelli in cui la voce narrante era quella di Katy, l’umana diventata ibrido che ha fatto perdere la testa al nostro eroe di un mondo lontano lontano. Alto, fisico da urlo, incredibili occhi verdi, un viso che puoi incontrare solo di notte, nei tuoi sogni…

Adesso abbassiamo le palpebre e immaginiamocelo.

Scalzo…

A torso nudo…

Immerso nella neve…

Siete tutte autorizzate a sospirare!…

Questo romanzo chiude la lunga parentesi che ci ha fatto rivivere l’inizio della storia tra Daemon e Katy, facendoci immergere nella mente sensuale, e a tratti strafottente, proprio di Daemon.

Ammetto che amo i libri scritti dal punto di vista maschile, spesso li trovo più divertenti, più ironici, più sexy. E Daemon, soprattutto in quanto a sensualità, non fa eccezione, anzi.

I suoi pensieri sono molto più “caldi” rispetto a quelli di Katy, lui sa cosa vuole e sa anche come ottenerlo. Dal punto di vista della storia dei Luxen, la stirpe aliena a cui appartiene Daemon, Opal era stato il libro che mi aveva emozionata meno, tranne che per il finale per cui avevo versato un quantità spudorata di lacrime, e questa nuova versione non ha modificato il mio giudizio.

I protagonisti sono quelli di sempre e che ormai conosciamo bene: a Daemon e Katy si uniscono Dawson e Dee (fratello e sorella di Daemon), gli altri Luxen tra cui Ash, Andrew e Matthew, gli umani appartenenti al Dipartimento della Difesa, e la madre di Katy, talmente assente come donna e come mamma che ho sempre fatto fatica a ricordare il suo nome.Una prima parte in cui succede ben poco, qualche scaramuccia, il ritorno di Blake, battibecchi vari, l’entrata in scena dell’ibrido Luc, la ricerca di Bethany (l’umana di cui è follemente innamorato Dawson).

Per tirare su il morale al lettore Daemon e Katy finalmente “consumano” il loro amore, ma essendo uno Y/A non aspettatevi bollori e lunghe descrizioni. Poi, sul finale… la trappola, il delirio, il tradimento, una battaglia senza esclusione di colpi, e tutto questo, vissuto ora con lo sguardo di Daemon Black, si amplifica, fa ben comprendere al lettore la rabbia, l’ira, la paura, il dolore vissuti da questo personaggio che è impossibile non amare.

Daemon fa fatica a respirare, e noi con lui.

Per ricordare come va a finire, bisogna riprendere in mano Origin, e tornare a immergersi nei pensieri di Katy. Per adesso la storia rivista con la mente dell’alieno dalla bellezza impossibile finisce qui.

Il viaggio attraverso gli occhi di Daemon è stato una vera e propria esperienza. Mi sono gustata ogni istante, ho assaporato ogni emozione. Forse mi aspettavo qualcosa in più da quest’ultimo episodio di Oblivion, speravo che la Armentrout aggiungesse quel pizzico di sapore che a mio parere era mancato in Opal. Non è successo, ma Daemon Black resta uno dei miei personaggi Y/A preferiti.

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

Recensione a cura di:

Jo

Editing a cura di:

River

Lascia un commento

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

StaffRFS

Lascia un Commento