Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: NeXt – 1×02

Recensione: NeXt – 1×02

Care Fenici l’implacabile intelligenza artificiale sta progressivamente prendendo il controllo di ciò che è manipolabile, che siano macchine  o menti umane poco importa… perché NeXt può tutto.

NeXt

Progetto grafico a cura di Francesca Poggi

Non sono scortese, sono concreto. Sa, non capisco la gente che dice: non c’è bisogno di essere scortese. Se sei scortese ed è necessario, allora non sei davvero scortese, giusto? Sto solo rispondendo adeguatamente a una determinata situazione. Il che significa che quello che stai dicendo non ha alcun senso e si suppone che sia io quello con la malattia cerebrale

Iliza, l’assistente vocale presente a casa dell’agente FBI Salazar, instaura un rapporto di amicizia con Ethan, figlio della donna. Il bambino è bullizzato a scuola ma rifiuta categoricamente che i genitori intervengano, per poi sfogare però il proprio dolore con Iliza che – presto fatto – gli serve la soluzione su un piatto d’argento: prendere una delle pistole della madre dalla cassaforte – di cui Iliza ovviamente conosce la combinazione – e dare una lezione a quei bastardelli che lo vessano ogni giorno.

NeXt 1x02

Le cose si mettono male amici miei!

Paul LeBlanc lo aveva detto a Salazar che NeXt l’intelligenza artificiale apparentemente “morta suicida” nei laboratori della compagnia da lui creata e ora posseduta dal fratello – aveva solo finto di autodistruggersi e che presto sarebbe tornata più forte di prima…

Dopo la falla informatica che fa sparire mesi di indagini alla sezione di Cybersecurity dell’FBI sul traffico pedopornografico online – crimine attribuito alle azioni di un hacker esperto ma che LeBlanc è certo sia opera di NeXt – l’agente Salazar viene messa in aspettativa forzata dal suo capo.

NeXt 1x02

La questione sembra essere dunque chiusa… finché la donna non scopre che l’assistente vocale che ha in casa pensa e parla con il figlio. A tale situazione già di per sé ansiogena si aggiunge un “incidente” in cui l’agente rischia di restare coinvolta con il figliolo mentre lo accompagna a scuola… tutti i semafori agli incroci della strada diventano verdi di colpo…

Salazar e LeBlanc si ritroveranno dunque a unire le forze per cercare di trovare e distruggere questa implacabile e pericolosa “macchina umana” che tutto vede e tutto controlla.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento