Home » Recensione libri » Recensione: Never – Trilogia “Back to me” vol. 1 di Susanna Bronzino

Recensione: Never – Trilogia “Back to me” vol. 1 di Susanna Bronzino

Titolo: Never
Serie: Back to me #1
Autrice: Susanna Bronzino
Editrice: Triskell Edizioni
Serie: Trilogia “Back to me” vol. 1
Genere: Romance Contemporaneo, Erotico
Lunghezza: 285 pagine
Data di pubblicazione: 04 Giugno 2021

Si sono incontrati. Si sono amati. Si sono lasciati.

Lei si è ritrovata a crescere la figlia a sua insaputa.

Ma lui ora è tornato.

Ed è deciso a riprendersi ciò che gli appartiene.

Claudia ha avuto sua figlia Demetra a vent’anni insieme a Diego, l’unico uomo che abbia mai amato. Undici anni dopo, lui è un famoso pilota motociclistico, considerato il numero uno delle moto GP, nonché irresistibile playboy. Lei, invece, lavora principalmente come cuoca a domicilio.  Ha tre carissime amiche d’infanzia e un affascinante vicino di casa che considera come un fratello. Durante questi anni si è dedicata al suo ruolo di mamma e amica, ritenendo di non avere tempo da perdere con gli uomini, l’ultima cosa che desidera è farsi coinvolgere in una relazione. Tuttavia, adesso ha un fidanzato bellissimo e perfetto, come bellissima e perfetta sembra ora la sua vita.

Tutto però cambia quando Claudia accetta di sposarsi e, l’arrogante e sexy, Diego ricompare prepotentemente nella sua vita per riconquistarla.

Nota: Never termina con un finale in sospeso. La storia di Claudia e Diego continua in Again e in Forever!

Ma come è possibile, dopo tutto questo tempo, che il mio corpo reagisca a lui ancora in questo modo? Sono travolta da una moltitudine di sensazioni contrastanti e intense.

«Ciao, Claudia.» Due parole. Semplicemente due parole e io non capisco più nulla. Il mio cervello è bello che fritto. Sono proprio una cretina.

(Tratto dal libro)

 Never è un libro sulle seconde opportunità: Claudia e Diego non stanno più insieme da dodici anni. Erano troppo giovani, e la vita li ha portati in due parti diverse del mondo. Questa assenza di legami, tra l’altro, ha permesso a lui di costruirsi una carriera formidabile come pilota. Quando sente che Claudia sta per sposarsi, Diego si accorge di non poter lasciare che accada e cerca di riconquistarla. Peccato che nel frattempo lei non gli abbia detto di aver avuto un figlio da lui. Dopo averne aspettato il ritorno per tanto tempo, Claudia ha finalmente deciso di voltare pagina, trovare un nuovo equilibrio con una persona per bene, meno passionale ma che le dia più stabilità della sua vecchia fiamma.

«Ma allora perché? In fin dei conti, te ne sei andato dodici anni fa e non ti sei più fatto vedere. Ora sei tornato e non mi dai tregua. Non riesco a capire. Perché proprio adesso?»

Per un attimo Diego sembra perso nei suoi pensieri. «Questa è una bella domanda.»

«Allora dammi una buona risposta.»

«Non ne ho una. Ma quando la troverò, sarai la prima a conoscerla.»

(Tratto dal libro)

Dovrei avvisare subito del fatto che il romanzo non è autoconclusivo, in quanto le vicende vengono lasciate in sospeso sul finale. Personalmente credo che, se il testo fosse stato ripulito di tante digressioni e chiacchiere vuote, lo spazio sarebbe stato più che sufficiente per finire la storia. Questo è dovuto allo stile così fluido da sembrare a briglia sciolta: la prima persona abbonante, ma soprattutto i mille personaggi che fanno da contorno, con faccende e dialoghi che non c’entrano nulla con la trama principale, tutto questo regala un ritmo rapido e spigliato, ma anche la sensazione di frullare a vuoto, se capite cosa intendo.

Ma ciò che mi ha più infastidita durante la lettura è stata la caratterizzazione della protagonista. Purtroppo non amo molto i personaggi acidi e giudicanti, in particolare se hanno comportamenti passivo-aggressivi: Claudia è all’apparenza così tosta da sparare sentenze su tutti, salvo rimanere immobile quando si trova di fronte alla persona che odia, affascinata da un’attrazione “implacabile”. Dopo così tanti anni e tante cose irrisolte, la trovo una reazione incoerente, eccessiva e poco credibile.

È evidente che dietro a tutti questi comportamenti estremi e imperfetti si celino il desiderio e l’affetto che ancora scorrono tra loro e che hanno resistito per così tanti anni, sepolti sotto incomprensioni, bugie, cattiverie e brutte parole.

«Ascolta, apprezzo la tua spiegazione, ma resta il fatto che non possiamo tornare indietro nel tempo. Tu te ne sei andato e… non mi hai voluta. Va bene così, credimi.»

(Tratto dal libro)

 Claudia è un’esperta di negazione e depistaggio. Anche se sono passati dodici anni, non ha mai avuto la forza di affrontare quello che è successo con Diego e di fare pace con i suoi sentimenti. Questa protagonista è a tutti gli effetti un “antieroe”, ovvero tutto l’opposto della perfezione. Il problema, per quanto mi riguarda, è quanto funziona in un romance un personaggio per il quale non è prevista redenzione o cambiamento.

Sicuramente ha tutte le ragioni di odiare Diego dopo che l’ha lasciata per telefono, incinta senza che lei facesse in tempo a dirglielo. Tuttavia non ha la forza di parlare con lui, di chiedergli spiegazioni, neppure di urlargli contro. Si limita a giudicarlo senza sapere nulla, continuando a scappare per tutto il libro, allo stesso tempo lasciandosi prendere da un’attrazione così forte da toglierle la ragione. Un comportamento immaturo, da parte di una donna che vuole sembrare forte e sprezzante senza riuscire a esserlo, che è madre di una ragazzina preadolescente pur comportandosi come se dare il buon esempio fosse qualcosa di sopravvalutato (fuma, si ubriaca e la lascia perennemente sola per uscire con le amiche).

«Una parte di me è davvero curiosa di sapere cosa ha da dirmi.» Riabbasso lo sguardo sul tavolo. «Ma, l’altra parte non vuole. Qualsiasi cosa sia, la paura che possa rovinare ciò che ho protetto con tanta fatica è forte. E, a dire il vero, questa è la parte a cui mi sto attaccando con tutta me stessa. Penso solo che il mio desiderio di sapere, non deve avere la meglio sul mio istinto di protezione. Non sarebbe una buona idea. Quindi,» mi rivolgo a tutte: «Ho deciso di non dargli la possibilità di parlarmi. Dovrò solo impegnarmi di più per evitarlo. Come ho già detto, alla fine si stancherà e tornerà da dove è venuto.»

(Tratto dal libro)

 La figlia è praticamente un fantasma, nel romanzo: un non-personaggio che sottolinea quanto poco rappresenti per questa donna con cui dovremmo empatizzare. Del resto, se parliamo di caratterizzazioni, anche quella della protagonista è piuttosto povera: al di là del caratteraccio e dei pensieri taglienti, non troviamo desideri o sogni, frustrazioni. Solo tanta frenesia.

«Quello che provo per Diego mi travolge,» inspiro per poi far uscire tutta l’aria dai polmoni. «Dio! Mi divora l’anima. Ma se non mi fermassi ora, mi annienterebbe.»

(Tratto dal libro)

 Per quanto riguarda Diego, è il tipico ragazzo arrogante che non concepisce di perdere cose che neppure gli appartengono più. Ha avuto le sue ragioni per non riavvicinarsi prima a Claudia, dovute a un sacco di bugie e fraintendimenti, ma è bastata una motivazione forte per spingerlo a fregarsene di tutto e fare il primo passo.

Dal momento della sua comparsa si dedica a corteggiare la sua ex fiamma e lusingarla in modo metodico, in modo da coltivarsi un’opportunità per spiegare e parlarle.

In fin dei conti, i momenti in cui Claudia e Diego si incontrano non sono tanti. La sua strategia prevede di lasciarle spazio e tempo, cosa che a lungo andare la ammansisce.

Claudia è super spaventata, super elettrica, acida ed è difficile da catturare, ma pian piano riesce a metterla a suo agio. Nonostante sia passato molto tempo, lei ha ancora tante emozioni da tirare fuori, tante cose da dire e da ascoltare, ma non si sente ancora pronta ad affrontarle.

«Non voglio ascoltarti.» Il tono della mia voce è così basso che faccio fatica a sentirmi.

«Invece sì.» Con il viso accarezza i miei capelli. Chiudo gli occhi e assaporo quella piacevole sensazione, anche se l’istinto urla di stare attenta.

«So che quando me ne sono andato ho lasciato dietro di me troppi casini. E lo capisco se non vuoi più parlarmi, se non vuoi più vedermi, se mi dici che non provi più niente per me. Hai tutto il diritto di essere arrabbiata, ma concedimi un’altra occasione.»

Oh, no. Ti prego no.

Non voglio questo. Non posso ascoltare. Non posso permettergli di continuare, farebbe troppo male.

«Lasciami in pace,» gli dico cercando di scostarmi.”

(Tratto dal libro)

Lui riesce alla fine anche a farle perdere l’equilibrio e a farle ammettere quello di cui ha paura, cioè di soffrire ancora.

Se Claudia non avesse una figlia, lasciarsi andare a una seconda opportunità sarebbe più facile? Non credo, dato che la ragazzina è solo un personaggio di carta, nulla più di un pensiero lontanissimo nel frullare di emozioni: Claudia è totalmente concentrata su se stessa. Nessuna preoccupazione sui sentimenti di una figlia che non ha mai conosciuto il padre, che possa essere destabilizzata da un possibile riavvicinamento, nessun dubbio che la piccola in questi anni si sia persa qualcosa o che abbia sentito la mancanza di qualcosa. Inutile dire, poi, che non c’è neppure un filo di pietà per l’uomo che a brevissimo la sposerà e (che lo dico a fare?) prenderà un bel due di picche. Dolore, affetto, mancanza, tradimento, colpa: nessuna di queste sfumature turba i pensieri di Claudia. Un atteggiamento totalmente narcisistico.

Il mio corpo reagisce all’istante. Lui se ne accorge perché il suo sguardo diventa pura lussuria. Ed è bellissimo. E umiliante. Dopo tutto quello che gli ho detto l’altra sera e quello che mi sono detta pochi minuti fa, non sto combattendo, neanche un attimo, per contrastare quello che non dovrei più provare.

(Tratto dal libro)

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Titolo: Never Serie: Back to me #1 Autrice: Susanna Bronzino Editrice: Triskell Edizioni Serie: Trilogia “Back to me” vol. 1 Genere: Romance Contemporaneo, Erotico Lunghezza: 285 pagine Data di pubblicazione: 04 Giugno 2021 Si sono incontrati. Si sono amati. Si sono lasciati. Lei si è ritrovata a crescere la figlia a sua insaputa. Ma lui ora è tornato. Ed è deciso a riprendersi ciò che gli appartiene. Claudia ha avuto sua figlia Demetra a vent’anni insieme a Diego, l’unico uomo che abbia mai amato. Undici anni dopo, lui è un famoso pilota motociclistico, considerato il numero uno delle moto GP,…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento