Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: MotherFatherSon – 1×01-02

Recensione: MotherFatherSon – 1×01-02

MotherFatherSon è una miniserie britannica con protagonista Richard Gere e trasmessa in Italia su Sky Atlantic a partire dall’8 giugno 2020. Ce ne parla MariRiss. Qui, potete visualizzare il trailer.

MotherFatherSon

Progetto grafico a cura di Eve

Ciao a tutti, amanti delle serie TV!

MotherFatherSon è una serie drammatica che annovera nel cast il nome eccellente di Richard Gere nel ruolo di Max Finch, magnate dell’editoria. L’uomo non era destinato a tale carriera; egli è figlio di un imprenditore dell’acciaio eppure sceglie una professione di tipo giornalistico e arriva presto a possedere quattro riviste, di cui due negli Stati Uniti e due in Inghilterra. Diventa uno tra i più potenti imprenditori dell’editoria nel momento in cui entra nel CDA del National Reporter, testata giornalistica di alto livello ma in crisi per ammanco di denaro che – guarda caso – lui possiede in congrue quantità.

I primi due episodi della fiction sono un excursus tra il presente e il passato dei protagonisti. Il titolo non è casuale, difatti i personaggi principali della storia sono: Max Finch – il padre – Kathryn – la madre – e Caden – il figlio.MotherFatherSon episodi 1-2Caden è un debosciato e un debole, cresciuto sotto l’ala protettiva della madre, una donna che lo vede ancora come un bambino e che per questo l’ha sempre trattato con i guanti di velluto, soffocandolo con il suo amore. Sarà illuminante in tal senso la scena in cui la donna legge al figlio adulto, la favola de La bella addormentata nel bosco per farlo calmare.

Dai flashback, s’intuisce che Kathryn ha un passato da alcolista e tossica, cosa che le ha causato un aborto al sesto mese della seconda gravidanza.

Anche Caden è un tossicomane, ma questo è il meno: il giovane ha una personalità molto disturbata, che lo porta a sfogare sulle donne la propria frustrazione per non essere all’altezza del padre. Incapace di amare, ingaggia Escort per giochi di ruolo che di per sé potrebbero apparire stuzzicanti, ma che celano di fatto il desiderio di costruire un mondo parallelo in cui finge una sicurezza e una freddezza che evaporano non appena deve affrontare il mondo reale. MotherFatherSon episodi 1-2Nonostante i problemi del figlio, Max vorrebbe lasciargli il controllo dell’attività. Peccato che i suoi piani saranno sconvolti proprio dall’ultimo colpo di testa del suo erede. Prima di recarsi al lavoro, il giovane assume una dose fatale di coca che gli induce un ictus; un intervento gli salverà la vita, ma le conseguenze saranno tutt’altro che indolori.

La tragedia evidenzierà l’enorme divario caratteriale tra Max e Kathryn: mentre quest’ultima reagirà in modo disperato, il padre – mantenendo un autocontrollo di ferro – arriverà a dire: “Ho pensato che finalmente non avrebbe fatto più ca***te, eppure non è detto!”

Il motivo di tale asserzione sarà chiaro seguendo il decorso della storia.MotherFatherSon episodi 1-2

Sebbene da un lato i primi due episodi di MotherFatherSon gettino le basi per inquadrare i tre protagonisti, dall’altro si sovrappongono alcuni eventi paralleli ancora poco chiari. In tal senso credo che darà un seguito importante alla vicenda un personaggio secondario, ma non per questo meno incisivo: Maggie Barns, ex corrispondente politica del National Reporter e punta di diamante della testata.

Ammetto che Richard Gere mi ha piacevolmente sorpreso; pur non essendo mai stato tra i miei attori preferiti, ho imparato ad apprezzarlo in alcuni ruoli e in questa fiction mi sta davvero piacendo. Max Finch è il classico imprenditore che si è fatto da sé e che pur venendo da una famiglia ricca ha deciso di prendere la propria strada, costruendo l’immenso edificio del suo successo mattone dopo mattone. Purtroppo, come tanti uomini di successo, compie l’errore di voler forgiare il figlio a sua immagine e somiglianza.

In parte il ragazzo mi fa pena, ve lo confesso; è un imbecille ed è un inetto, ma probabilmente essere diviso tra un padre padrone e una madre chioccia è un’esperienza che metterebbe a dura prova anche i più sani di mente.

Insomma, c’è del bel materiale e dalle premesse credo che si prospetti una miniserie molto interessante.

Attenzione! Se siete sensibili alla vista del sangue, alcune scene vi colpiranno allo stomaco.

Non mi resta che darvi appuntamento agli episodi 3-4 di MotherFatherSon.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento