Home » Recensione libri » Recensione: Morte nelle Highlands di Lucy Foley

Recensione: Morte nelle Highlands di Lucy Foley

Titolo: Morte Nelle Highlands Autore Lucy Folley Editore: Giunti Genere: Gialli e Thriller Pagine: 372 Data Pubblicazione 02 Aprile 2019 Come ogni anno Emma, Mark e i loro amici trascorrono l'ultimo dell'anno insieme. Per Emma, l'ultima arrivata, l'unica a non aver frequentato Oxford con gli altri, è l'occasione per fare bella figura e integrarsi nel gruppo. Ma qualcosa va storto nell'esclusivo cottage che si affaccia sulle gelide acque di Loch Corrin. Sui boschi già imbiancati si abbatte la peggiore tempesta di neve degli ultimi tempi e poi, improvvisamente, uno degli ospiti scompare. Le condizioni meteo sono così proibitive che i…

Score

Voto di Max

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Titolo: Morte Nelle Highlands
Autore Lucy Folley
Editore: Giunti
Genere: Gialli e Thriller
Pagine: 372
Data Pubblicazione 02 Aprile 2019

Come ogni anno Emma, Mark e i loro amici trascorrono l’ultimo dell’anno insieme. Per Emma, l’ultima arrivata, l’unica a non aver frequentato Oxford con gli altri, è l’occasione per fare bella figura e integrarsi nel gruppo. Ma qualcosa va storto nell’esclusivo cottage che si affaccia sulle gelide acque di Loch Corrin. Sui boschi già imbiancati si abbatte la peggiore tempesta di neve degli ultimi tempi e poi, improvvisamente, uno degli ospiti scompare. Le condizioni meteo sono così proibitive che i soccorsi non possono arrivare e nessuno può andare via. Quando l’ospite viene ritrovato – morto – tutti sono dei potenziali sospettati. Ci sono Heather, la manager del resort, Doug, l’ex marine ora guardiacaccia, una inquietante coppia di islandesi e poi gli amici: Miranda e Julien, tanto belli quanto snob, Samira e Giles con la loro bambina di 6 mesi, Nick e il suo fidanzato americano, e infine Katie, l’unica single del gruppo. Chi è l’assassino? Ma, soprattutto, chi è la vittima?

È il primo thriller scritto da questa autrice inglese che ha esordito nella narrativa nel 2015. Il libro è entrato subito nella top ten inglese.
Ho ricevuto questo giallo come dono di Natale e devo dire che mi è piaciuto.
Finalmente un giallo alla “Agatha Christie”.
Non è angosciante come i libri di Deaver o ridondante di sangue come la serie della Scarpetta. La scrittura è fluida e avvincente. L’ho portato a termine la lettura in pochi giorni!

La vicenda si svolge in un cottage di lusso, sperduto tra le montagne scozzesi, dotato di tutti i comfort.
Qui si riuniscono per la festa di Capodanno un gruppo di amici, ex studenti universitari di varie estrazioni sociali, alcuni con un passato lavorativo non troppo limpido, qualcuno ha falsificato risultati pur di entrare nell’università in cui tutti loro si sono conosciuti: Oxford; altri hanno fatto carriera, altri ancora hanno prestato più attenzione alla famiglia. Troveremo quindi narrati i loro trascorsi e gli intrecci lavorativi e/o sentimentali fra i vari protagonisti.

Uno degli ospiti viene improvvisamente trovato morto e le circostanze lasciano intendere che non sia stato un incedente, ma un omicidio.

Il lettore verrà coinvolto in questa fitta rete di intrighi e bugie che i vari personaggi, alcuni sposati e con figli, si portano dietro dai tempi dell’università. Rimbalzando tra il passato ed il presente, il lettore rimarrà col fiato sospeso fino alle ultime pagine.

Ovviamente il cadavere faceva parte di questo gruppo di amici, alcuni dei quali oltre al dolore della perdita, si trovano a fare i conti con qualche segretuccio del passato, saranno proprio queste cose taciute ad aver creato il movente? Forse qualche storia sentimentale finita male? Quelli che sembrano innocenti, lo sono davvero? E i cattivi fingono solo di esserlo?
Beh, lo scoprirete solo leggendo!

A differenza di altri gialli è difficoltoso ipotizzare chi possa essere l’autore dell’omicidio.
Solo nelle ultime 70 pagine verrà svelata l’identità del cadavere. Da qui avranno inizio una serie di colpi scena che sveleranno il volto dell’assassino e le motivazioni che lo hanno spinto a commettere il crimine.

Lo consiglio a chi ama la suspense ma non troppo sangue e morti in serie.

 

ladykira

ladykira
Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento