Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Miss Disaster” di Ellie Clivens

Recensione: “Miss Disaster” di Ellie Clivens

Trama

Dimenticate tutto quello che credevate di sapere sulle svenevoli donzelle dell’Ottocento. È in arrivo Miss Disaster… e i salotti londinesi non saranno più gli stessi.
Inghilterra/Scozia, 1812 – Che succede quando un duca arrogante e tenebroso incontra l’Originale della Stagione? Ebbene, può capitargli di essere interrotto durante un rovente tête-à-tête. E se la fanciulla in questione è la famigerata Miss Disaster, al secolo Charlene-Marie Duncaster? Allora Sua Grazia non ha scampo: prima viene assalito da due sicari, poi è costretto a fuggire portandosi dietro quella vera e propria calamita per i guai. Che sia bellissima è irrilevante; lui, Justin Clayburn, diciannovesimo Duca di Gredstone, ha ben altro a cui pensare! Eppure, tra oscuri segreti, armi sbandierate come ventagli ed esilaranti equivoci, si ritroverà a combattere contro il più insidioso dei nemici: l’amore.

Recensione

Sono alquanto combattuta; questo romanzo ha davvero un grandissimo potenziale, peccato però che non tutte le aspettative che mi ero creata siano state soddisfatte.
Ma partiamo dall’inizio. La protagonista è Miss Disaster, una goffa donzella combinaguai, chiamata dai suoi familiari Charlie, che impreca, nasconde sotto i suoi pomposissimi abiti stiletti e pistole e viene definita nel libro come una “scaricatrice di porto”. Potevo non innamorarmi di tale personaggio? Assolutamente no. Lui invece è Juz, un nobile scozzese trovatosi al centro di intrighi nella lussuosa corte inglese.
Il primo incontro fra i due è davvero memorabile, penso che lo ricorderò a vita, è talmente assurdo e divertente che l’ho raccontato a tutte le mie amiche. Charlie è una ragazzina con nessuna nozione in ambito sessuale e ciò la porterà a creare equivoci degni delle migliori vignette comiche. A mio avviso, però, il troppo stroppia, nel senso che una battuta, un errore, una situazione possono essere i più esilaranti mai raccontati, ma quando vengono utilizzati fino alla nausea diventano noiosi. In questo romanzo è davvero improbabile che una persona possa non ridere, e se l’intento dell’autrice era quello di allietarci con situazioni inverosimili, il suo scopo è stato raggiunto perfettamente.
Ciò che mi ha lasciato perplessa sono i comportamenti dei protagonisti. Mi spiego meglio: entrambi mettono in atto azioni totalmente contrarie ai loro pensieri e cambiano radicalmente atteggiamento nel giro di pochi istanti. Il che sarebbe anche comprensibile se non fosse che comportamenti “ignobili” non solo non si possono perdonare, ma neanche lontanamente giustificare. Non sarebbe corretto da parte mia fare spoiler, perciò non vi dirò a cosa mi riferisco, ma ritengo che alcune situazioni possano trovarsi solo ed esclusivamente in un dark romance, in quanto il lettore è consapevole dal principio che ciò che leggerà potrebbe destare clamore e che il sesso, per quanto forte, contorto e morboso possa essere, è il centro del romanzo. Vi è una scena che proprio ho fatto fatica a metabolizzare e che ha compromesso inevitabilmente il mio giudizio; se non ci fosse stata, avrei sicuramente dato un voto molto più alto.
Il lessico utilizzato non è malvagio, ed essendo un romanzo ambientato nell’Ottocento, l’imprecazione “peste e corna!” è molto simpatica; la prima volta però, alla ventesima non più. Non ho neanche gradito l’accostamento: “donna coinvolta in atto sessuale uguale giumenta”.
Il finale, poi, è un pochino confuso, ho avuto l’impressione che gli avvenimenti fossero stati posti un poco alla rinfusa, giusto un modo per arrivare alla conclusione.
A malincuore non mi resta che aggiungere: peccato!

Fiamme-Sensualità-Medio NUOVA

Recensione a cura di:

Mytra

Editing a cura di:

Aléthéia

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione in anteprima: Escort di Skye Warren

Titolo: Escort Autore:Skye Warren Editore:Triskell Edizioni Genere:Romance Contemporaneo ...