Home » Recensione libri » Recensione: “Miel” di Giulia Filippini

Recensione: “Miel” di Giulia Filippini

 

Titolo: Miel
Autrice:
Giulia Filippini
Genere:
Romanzo Rosa
Editore:
Self Publishing

Data di Uscita: 3 Marzo 2021

Un amore all’apparenza impossibile. Due persone diverse in punti diversi della loro vita possono incontrarsi a metà strada e decidere di percorrerla insieme?
Javier è uno dei componenti dei THE HEROES, il gruppo musicale latino più in voga del momento. È un ragazzo dall’anima variopinta, bello e affascinante ma anche testardo, impulsivo e talvolta fumantino.
Isabel è la co-fondatrice della casa discografica e anche la manager dei The Heroes.
Un attrazione potente, bruciante, così difficile da reprimere sarà la costante nella loro storia, sarà il motore del loro avvicinarsi e del loro allontanarsi continuo.
Non sarà solo la differenza di età a mettersi tra di loro, molti sono i segreti, le cose non dette, le paure inespresse e un peso, un macigno molto doloroso sembrerà dividerli inesorabilmente.
Chi stabilisce ciò che è giusto e ciò che è sbagliato?
Può un anima rotta essere aggiustata?
Può un cavaliere dall’armatura scintillante farsi da parte e attendere pazientemente il proprio momento?
Una storia potente fatta di tante verità, che vuole essere anche di incoraggiamento a molte donne: siete forti, molto più di ciò che pensate.

 

 Miel parla di una storia d’amore tormentata tra un ragazzo di ventitré anni, Javier, e una donna di trentacinque, Isabel.
Nel libro ci sono un sacco di imprevisti che la coppia deve affrontare.
Lui è il cantante di una band di successo e lei la sua manager e produttrice discografica, quindi per etica professionale sono costretti ad allontanarsi, ma le complicazioni che incontreranno di fronte alla loro strada andranno ben oltre a pregiudizi e alla loro differenza d’età: delle persone cercheranno di ostacolarli.
Questo romanzo, Miel, è una lettura leggera, che si legge tranquillamente in un pomeriggio, è scorrevole e a tratti divertente.
Gli episodi si susseguono velocemente, uno dietro l’altro: forse non c’è il giusto tempo tecnico perché qualcosa avvenga effettivamente nella vita vera (ci sono un po’ di cambi d’idea improvvisi e inspiegabili), il che rende la storia un po’ irrealistica.
Inoltre, nel testo vengono affrontate le tematiche delicate dello stalking, l’ossessione e le molestie sessuali, a mio parere, in maniera troppo superficiale e inverosimile, cosa che non mi è piaciuta per niente.
L’autrice aveva l’intenzione di dare supporto a persone che, purtroppo, in vita hanno dovuto subire queste atrocità, ma, personalmente, credo che non ci sia riuscita: se avesse puntato sul realismo, rendendo la storia più profonda, forse ce l’avrebbe fatta, però mi è sembrato quasi che la scrittrice avesse fretta di terminare la stesura del libro al più presto, o almeno, ho avuto questa impressione.
In ogni caso è chiaro il fatto che Giulia Filippini non volesse appesantire troppo il testo con questi argomenti delicati. In Miel vuole far riflettere, continuando a usare un tono leggero della narrazione, senza scendere nel dramma. La sua intenzione, secondo me, è di non far passare la vittima come una persona incredibilmente fragile, che deve essere protetta a tutti i costi. Infatti, ha dimostrato che, chi si trova in queste situazioni, nonostante la paura, può avere la forza di affrontare tutto a testa alta, e l’ho molto apprezzato, sebbene non sia d’accordo su come sia stata trattata tutta la questione, perché, per quanto la protagonista risulti forte, il messaggio potrebbe diventare fraintendibile. Questi sono episodi molto delicati, che necessitano di grande supporto; tant’è che esistono molte campagne per sensibilizzare le persone sull’argomento in modo da spingerle a chiedere aiuti esterni. Forse la troppa superficialità potrebbe diventare un’arma a doppio taglio, se non sostenuta da un’informazione sempre attiva dei problemi trattati. Per questo consiglio la lettura a un pubblico maturo, in quanto, nella vita nessuno può prepararti a situazioni del genere e non vorrei passasse un messaggio sbagliato che potrebbe mettere qualcuno in una brutta situazione.
Sullo stile di scrittura non ho niente da dire, è molto scorrevole e ogni scena è descritta in maniera chiara e concisa. Unica pecca: avrei preferito un maggiore approfondimento nella caratterizzazione dei personaggi, sia dei principali che dei secondari, perché di loro sappiamo davvero poco.
Visto quanto la trama mi abbia conquistata, tralasciando ciò che non ho apprezzato e la presenza di alcuni refusi, mi sento comunque di raccomandarvi Miel per passare qualche piacevole ora in compagnia di una bella tazza di tè e della travolgente e passionale storia d’amore di Javier e Isabel, che sono riusciti a farmi emozionare e battere forte il cuore.

Summer Pink editor

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
  Titolo: Miel Autrice: Giulia Filippini Genere: Romanzo Rosa Editore: Self Publishing Data di Uscita: 3 Marzo 2021 Un amore all'apparenza impossibile. Due persone diverse in punti diversi della loro vita possono incontrarsi a metà strada e decidere di percorrerla insieme? Javier è uno dei componenti dei THE HEROES, il gruppo musicale latino più in voga del momento. È un ragazzo dall'anima variopinta, bello e affascinante ma anche testardo, impulsivo e talvolta fumantino. Isabel è la co-fondatrice della casa discografica e anche la manager dei The Heroes. Un attrazione potente, bruciante, così difficile da reprimere sarà la costante nella loro…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento