Home » Recensione libri » Recensione: Micah’s Calling di Donya Lynne AKM#3

Recensione: Micah’s Calling di Donya Lynne AKM#3

Note dell’autore: Questa è una novella supplementare alla serie di “All the King’s Men”. È altamente consigliato che tu legga “Rise of the Fallen” prima di leggere questa novella. Leggere il secondo libro della serie, “Heart of the Warror”, sarebbe anche benefico, ma non assolutamente necessario prima di leggere “Micah’s Calling”.

Con la minaccia di Apostle passata e la vita di Samantha finalmente fuori pericolo, la fase di accoppiamento di Micah, conosciuta come il chiamata, si spiega a piena forza. Incapace di resistere ai bisogni del suo corpo e il caldo ormonale che lo ha portato a propagare la razza dei vampiri, Micah si perde nel piacere che gli da Sam, desiderando che il suo corpo riceva il suo seme per creare nuova vita. Ma dopo cosa ha passato Sam – sopravvivendo a malapena al morso velenoso di Apostle, e poi allo stesso veleno di Micah per contrastare quello di Apostle per renderla immortale – Micah sa che il corpo di Sam ha sofferto troppo per avere un figlio così presto.

Ma il desidero di procreare e iniziare una famiglia non è l’unica cosa che Samantha ha risvegliato in Micah. Lei ha anche risvegliato il lungo amore dormiente della dominanza di Micah. Con Sam, Micah si trova desideroso di riaprire il suo dungeon, e Sam vuole sapere di più riguardo a questo mondo eccentrico di cui ha sentito così tanto ma non ha mai provato. Quando Micah porta Sam a un party di scena per introdurla a il suo stile di vita BDSM, le loro vite vengono messe sotto-sopra quando Micah chiede di aiutare a dominare il sottomesso, di un suo amico dominante, soltanto per scoprire che il sottomesso è il suo amico, Traceon .

Attraverso il suo viaggio in questo nuovo mondo che Micah gli ha presentato, Sam comincia a realizzare alcune crudeli verità riguardo se stessa e che cosa vuole. Micah le permetterà di esplorare i suoi nuovi interessi? E la nuova direzione nella sua ’amicizia con Traceon dimostrerà di essere troppo e romperanno i legami che hanno cominciato a legarli l’un l’altro?

Micah’s Calling” è una storia di devozione aldilà dei livelli dell’amicizia che darà fuoco alla vostra immaginazione.

Forti contenuti sessuali, voyeurismo, esibizionismo, BDSM, gioco di coltelli, ménage lieve, e molto di più.

Traduzione trama a cura di Angelica

Salve, Fenici,
oggi vi voglio parlare del terzo libro della serie Akm di Donya Lynne, Micah’s Calling che potrebbe essere definito in realtà un racconto lungo.
L’autrice consiglia la lettura dopo aver letto il romanzo Heart of warrior di cui vi ho già parlato in precedenza (il libro di Ari e Sev), ma secondo me gli avvenimenti trattati sono collocati tra il primo e il secondo libro; e poiché quest’ultimo non spoilera nulla su Ari e Sev, io lo leggerei prima per capire meglio il comportamento di Micah, Sam e Trace.
Micah e Sam sono da poco una coppia fissa, lui non è più il vampiro tenebroso e scostante, l’amore della sua donna l’ha fatto rinascere come persona e come appetito sessuale.
Durante alcuni periodi della loro vita, i vampiri vivono un momento lungo diversi giorni in cui il loro unico scopo è mettere incinta la propria compagna e la gelosia verso di lei è maggiormente sviluppata. Questo libro parla proprio del periodo di fregola che vive Micah e del suo nuovo desiderio di avvicinare la sua compagna al mondo BDSM, in cui lui era considerato come uno dei Dominatori migliori sulla scena prima del suo ritiro.
In tutto questo contesto appare Trace, amico fraterno di Micah e Sam che, dopo aver visto (con il loro consenso) la coppia fare sesso sfrenato, entra anche nella loro sfera erotica partecipando a una scena BDSM nella quale da succube apprezza il suo master; Micah e la compagna lo soddisfano sessualmente, facendo per la prima volta nella storia delle chiamate una cosa a tre.
Fenici tranquille non vi ho spoilerato nulla perché questa è solo una piccola parte di quello che in realtà succede.
Lo stile di scrittura di Donya Lynne è sempre molto veloce e accurato, le scene di sesso sono molto descrittive e non lasciano nulla all’immaginario. Il libro contiene scene di BDSM ma non sono molto violente.
Benché il libro sia molto apprezzato dalle fan di Donya e Trace sia uno dei personaggi più amati, a me è piaciuto, ma sicuramente l’ho trovato meno bello dei primi due, forse perché lui non è uno dei miei personaggi preferiti.

Alla prossima recensione.

 

per le scene di BDSM

 

ladykira

ladykira
Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento