Home » Recensione libri » Recensione: “L’ultimo Pendragon” di Samuel Miglio

Recensione: “L’ultimo Pendragon” di Samuel Miglio

TITOLO: L’ultimo Pendragon

AUTORE: Samuel Miglio

EDITORE: self

SERIE: Le cronache di Vahel

GENERE: Fantasy 

L’Impero Vaheleriano è stretto nella morsa del tiranno Maherin, un servo di un’oscura forza primordiale, intento ad impadronirsi degli antichi e magici segreti custoditi nella capitale, Camelot. In un pomeriggio dell’anno 1479 DD (Dopo il Drago), un ragazzo di nome Amdyr trova una potente e leggendaria spada, nascosta per decenni all’interno di una grotta. Insieme alla sorella Leya e all’ultimo mago dell’Ordine di Albion suo insegnante, Orabius, intraprende un viaggio attraverso il reame che gli cambierà la vita, portandolo alla scoperta di pericolose ed inattese realtà.

 

Le cronache di Vahel racconta la storia dei discendenti del leggendario Re Artù.

Camelot non è più il prospero regno che era ai tempi dei Pendragon, ora un tiranno ha usurpato il trono e il popolo è allo stremo.

Gli ultimi figli del drago sono l’unica speranza rimasta.

La storia narrata è piena di riferimenti alla letteratura di genere. I personaggi vedranno sconvolte le loro vite apprendendo verità su loro stessi inimmaginabili.

Lo scrittore ha aggiunto un tocco di soprannaturale, facendo sì che gli dei interferiscano nella vita degli uomini con profezie e figli semidei. 

La scrittura è scorrevole e la storia narrata è originale per via dell’altro mondo che i protagonisti devono raggiungere per salvare il proprio. 

Ci sono draghi, fenici da combattimento con gli Elfi Neri in groppa che seminano il panico, nani, fate, maghi potenti, evocatori degli elementi naturali, signori oscuri, gemme da ritrovare, una certa spada nella roccia, fanciulle sveglie e determinate, giovani principi coraggiosi.

Il personaggio che ho apprezzato di più è Miharae, la giovane dal passato travagliato con un padre orribile e irascibile, sempre pronto a punirla.

Lei ha un carattere forte, è determinata e senza paura, avrà un’evoluzione incredibile nella storia, apprendendo anche chi è in realtà.

Con l’ultimo Pendragon saremo catapultati in un racconto magico dove ogni azione, ogni avvenimento, ogni personaggio è ben caratterizzato e tutti sono uniti da un unico destino.

Traspare dalle pagine la dedizione che l’autore ha messo nella storia, creando un mondo ancora tutto da scoprire.

 Ha saputo ben dosare l’azione con la parte romantica della storia, con momenti di leggerezza e amori timidi e pronti a sbocciare.

Un romanzo che consiglio a chi ama le antiche leggende con un pizzico di modernità.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
TITOLO: L’ultimo Pendragon AUTORE: Samuel Miglio EDITORE: self SERIE: Le cronache di Vahel GENERE: Fantasy  L'Impero Vaheleriano è stretto nella morsa del tiranno Maherin, un servo di un'oscura forza primordiale, intento ad impadronirsi degli antichi e magici segreti custoditi nella capitale, Camelot. In un pomeriggio dell'anno 1479 DD (Dopo il Drago), un ragazzo di nome Amdyr trova una potente e leggendaria spada, nascosta per decenni all'interno di una grotta. Insieme alla sorella Leya e all'ultimo mago dell'Ordine di Albion suo insegnante, Orabius, intraprende un viaggio attraverso il reame che gli cambierà la vita, portandolo alla scoperta di pericolose ed inattese…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento