Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Loki- 1×03 –

Recensione: Loki- 1×03 –

Il Dio dell’Inganno è tornato con un nuovo episodio, che per la nostra Malefica è semplicemente geniale! Loki in questa 1×03 dal titolo Lamentis sembra abbia trovato una degna… Variante… o forse no. Qui la recensione della puntata precedente.

 

Progetto grafico a cura di Maria Grazia

 

Bentornate Fenici!

Eccoci con un nuovo appuntamento con il Dio dell’Inganno in questa serie, a mio avviso, geniale. Siete pronte?

Un flashback ci mostra come Sylvie, la Variante Loki, abbia “incantato” la guardia e sia riuscita a farsi dire l’esatta ubicazione dei tre Custodi del tempo.

La narrazione riprende dal cliffhanger che mi aveva lasciata con un sacco di domande: “e ora Loki che farà? Tradirà? Si unirà alla Variante?”

Sylvie arrivata alla TVA con l’intento di smantellarla dall’interno (perché ho l’impressione che dietro a tutto ciò ci sia dell’altro e che ci sarà la mazzata negli ultimi episodi!?), si scontra in modo spettacolare con il Dio, i due sono lo specchio l’uno dell’altra, d’altro canto lei è la versione femminile della sedicente divinità.

Loki

Riescono a scappare, ma finiscono su una luna di nome Lamentis 1 nel 2077, una delle tante Apocalissi nelle quali la Variante ama nascondersi.

Purtroppo, quest’ultima Dimensione ucciderà tutti senza tanti problemi.

Fin dal principio i due continuano a mettersi i bastoni tra le ruote, finché decidono di siglare una tregua e collaborare per trovare una fonte energetica che possa ricaricare il time pad in modo da poter fuggire da quel posto.

Grazie alle rispettive abilità (grazie Marvel ché finalmente ci fai vedere cosa è in grado di fare, cazzarola è un Dio!), salgono su un treno che li porterà all’Arca, una nave che lascerà la luna mettendo i profughi in salvo.

Qui abbiamo uno di quei momenti che definisco di “apertura”, in cui i protagonisti si confidano.

Loki ricorda la madre Frigga (Marvel lo sai che devi pagarmi l’analisi vero?), di quanto lo amasse e credesse in lui. È stata proprio lei a insegnargli la magia e che sapeva in cuor suo che avrebbe fatto grandi cose.

Sylvie, d’altro canto, ha imparato da sola a usare i suoi poteri, non ha avuto mentori e si è fatta da sé.

Le due variabili però sono molto più simili di quel che sembra.

Loki

Quando gli chiede se ha qualcuno che ama dato che è un “Principe”, lui risponde che non ha nessuno ma che ama un po’ chiunque (Marvel ha reso palese una cosa che già si sapeva dai tempi dei fumetti e dalla mitologia norrena: Loki è gender fluid e bisessuale).

Loki

I due nemici/amici vengono scoperti e buttati giù dal treno, il time pad si rompe e devono raggiungere la città a piedi. Mentre cercano di arrivare alla nave, il pianeta sta per schiantarsi definitivamente sulla luna, l’Arca va in mille pezzi e…

… finisce giusto qui mie care Fenici, diciamo tutte in coro: Marvel, Fan*****!

Considerazioni

Terzo episodio di transizione e più corto dei due precedenti, che però aggiunge altro, al background dei personaggi.

Partiamo da Sylvie/Variante/Lady Loki/ Incantatrice.

La casa delle Meraviglie mi sta mettendo seriamente in difficoltà, se in primis ero convinta che fosse Sylvie Lashton, ovvero la seconda Incantatrice dopo Amora, ora… non so più cosa pensare.  Ricorda Lady Loki per i vestiti e la tiara con un corno spezzato, ma i poteri sono dell’Incantatrice… quindi Marvel a che gioco stai giocando?

Se fondi due personaggi in uno non è che io lo accetti molto, perché sono due cose completamente diverse, ti stai distaccando dai fumetti, ma almeno dammi una spiegazione e non farmi fare tremila filmini in testa!

Sophia Di Martino è una scoperta signore e signori! Davvero un bel personaggio il suo, qualunque sia a questo punto.

È la copia di Loki al femminile e dato che lui continua a dire che nessuno è superiore a lui, beh caro il mio Dio, ci voleva una donna per essere più forte e astuta di te.

Quale sarà il suo vero scopo oltre a quello di radere al suolo il TVA?

Loki/Tom (Hiddelston). Io non so più cosa dire di quest’uomo. Ogni volta è sempre un “WOW”! È davvero Superior in tutto.

Questo Loki è qualcosa di immensamente sublime, utilizza i suoi poteri con una grazia e una facilità che per lui è come respirare. Picchia, usa le daghe da far concorrenza a Bucky.

È intelligente, sfrontato, sa che può fare tutto, studia sempre gli avversari per capire se possono essere usati come pedine o…da terminare perché inutili.

In effetti, inizialmente, la sua intenzione è quella di uccidere Sylvie. Poi però si allea con lei.

“L’amore è un pugnale. È bellissimo finché non ti fa sanguinare e quando lo raggiungi svanisce”

Questa metafora sull’amore è davvero stupenda.

Ho apprezzato che la Marvel abbia canonizzato un suo personaggio come Bisex proprio nel mese del Pride, così come ha fatto con Sylvie.

Un plauso alla fotografia, alla scenografia e agli effetti speciali.

Curiosità

La scena in cui Loki canta e balla “alticcio”, spaccando un bicchiere sul bancone del bar come usanza di Asgard, è un chiaro riferimento a Thor.

Teorie

In rete circola il mondo e quello che sto per dirvi dovete prenderlo con le pinze.

Si vocifera che King Loki possa essere in realtà Mobius sotto mentite spoglie, o che questa Variante divina abbia come obiettivo quello di diventare l’unico e solo Dio dell’Inganno esistente in tutto il Multiverso.

Loki

Alla prossima

Un saluto dalla vostra Mal e come sempre vi lascio il trailer del prossimo episodio.

 

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 1]

StaffRFS

Lascia un Commento