Home » Recensione libri » Recensione: L’offerta di Lidon di Nora Phoenix -Serie Il branco Hayes vol.1-

Recensione: L’offerta di Lidon di Nora Phoenix -Serie Il branco Hayes vol.1-

 

 

Titolo “L’offerta di Lidon”

Autore: Nora Phoenix

Serie: Il Branco Hayes #1

Genere:MMMM – MPREG

Data di pubblicazione:12 Settembre 2021

Quattro uomini, uniti dal destino, connessi in maniera più potente di quanto avessero mai immaginato.

Lidon, il possente poliziotto alfa, che aiuta un omega vulnerabile durante il calore, e crea con lui una sintonia che lo lascia sbigottito.

Vieno, l’omega che soffre di una condizione medica che necessita l’aiuto di un alfa. Avrebbe dovuto essere solo sesso, ma l’attrazione immediata verso l’alfa è molto più profonda.

Enar, il medico alfa che lavora fino allo sfinimento, qualsiasi cosa pur di zittire le voci interiori che gli urlano di non essere un vero alfa.

Palani, l’impertinente giornalista beta che farebbe qualsiasi cosa per salvare il suo amico d’infanzia e amato omega, anche se ciò vuol dire guardare un altro uomo reclamarlo.

Tra disordini politici, prove di corruzione e frode, e una questione medica potenzialmente letale, quattro uomini capiscono cosa e chi sono l’uno per l’altro.

L’offerta di Lidon è un romanzo MMMM mpreg, e il primo libro della serie Il Branco Hayes, che unisce la costruzione di un mondo leggendario con suspence, romanticismo, momenti sexy, e tanto sentimento. Allacciate le cinture per un emozionante giro sulle montagne russe che vi lascerà senza fiato! Questo romanzo non è uno stand-alone, e il libro termina con un leggero cliffhanger. Si prega di notare i contenuti offensivi nella parte anteriore del libro.

 

 

Fenici, quando ho iniziato a leggere questo libro nelle prime pagine ho trovato un avvertimento che all’interno venivano trattati argomenti forti, come l’aborto, lo stupro, i suicidi e la depressione.

Vi dirò che dopo questa prefazione ero un po’ titubante se continuare o meno, non amo i romanzi molto violenti, ma per fortuna non mi sono fermata, è vero che ricorrono queste tematiche così forti, ma l’autrice è riuscita a descriverle con una dolcezza e con una tale empatia che non mi hanno scioccata, anche se certamente mi hanno fatta soffrire.

È vero che è un racconto fantasy, ma queste brutalità sono presenti anche nel nostro quotidiano, cosa che non sopporto.

I nostri lupi non possono più mutare da tempo, ma la gerarchia del banco non è cambiata in questa nuova società.

Gli Alfa hanno ancora tutto il potere, mentre gli Omega e i Beta devono sottomettersi; mi fa sempre rabbia sapere che c’è qualcuno nel mondo che vuole imporre la propria volontà agli altri.

Lindon è un Alfa e anche un tenente di polizia, viene da una famiglia di Alfa importanti e ricchi, ma è diverso dagli altri, è onesto, empatico e non tratta gli Omega e Beta come carne da scopare.

Il suo amico Alfa, Enar, è un medico e aiuta gli indifesi della società, esegue anche aborti clandestini, fornisce loro anticoncezionali e farmaci che bloccano il periodo del calore.

I due sono perfettamente a conoscenza di cosa fa l’altro, ma non affrontano mai direttamente l’argomento, anche perché Enar non è un Alfa dominante come l’amico.

Il medico viene contattato per visitare un Omega che si sente male, sta entrando in calore ma il suo compagno Beta non può soddisfarlo.

Quando Enar arriva nell’appartamento scopre che nel ragazzo è presente una mutazione, dovuta al gene Mellone, che provoca un calore molto accentuato, purtroppo è stato stuprato dal suo primo fidanzato e dai suoi amici e poi ripudiato.

Da tre anni vive con l’amico e non esce mai di casa, il medico lo trova in pessime condizioni e se non prenderà il nodo di un Alfa morirà.

Enar chiama Lindon e gli propone di accoppiarsi con Vieno; inizialmente lui si arrabbia, ma la vista del ragazzo gli fa provare un istinto sconosciuto, che non comprende ma decide di seguire.

I due si accoppiano per giorni, la salute di Vieno migliora subito, ma questo crea problemi con il suo compagno, Palani.

Lindon non riesce a togliersi dalla testa il giovane Omega, ma non lo cerca perché dopo quello che ha passato teme che l’altro possa pensare che vuole solo sesso.

Nel frattempo il rapporto tra i quattro diventa sempre più forte, e si troveranno ad affrontare grossi ostacoli.

I personaggi sono costruiti molto bene, sono riuscita a percepire le loro sofferenze, la loro passione, e questo è importante per creare empatia.

Le scene di sesso sono molto esplicite e anche il linguaggio, ma non mi hanno dato fastidio.

Vieno è un personaggio dolcissimo e con tutto quello che ha passato ha fatto scattare il mio senso di protezione.

Palani è un giornalista investigativo, la sua mente è brillante e acuta, scova le notizie ben nascoste, è un amico fidato e fedele ed è ammirevole vedere come aiuta Vieno.

Lindon è un Alfa puro, se ci si ferma alle apparenze il suo atteggiamento di comando lo rende antipatico, ma scavando nel profondo si scopre un uomo protettivo, leale, onesto e amorevole.

Il mio preferito però è Enar, è un Alfa, ma è anche un botton, la società non lo perdonerebbe, però lui si concede solo a Lindon che sa che lui non lo tradirà mai.

Aiuta gli indigenti, li tratta come suoi pari, con rispetto e amore e questo fa di lui un uomo con la U maiuscola.

Buona lettura.

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento