Home » Recensione libri » Recensione: Lo schiavo di Pompei di Stefania De Prai Sidoretti

Recensione: Lo schiavo di Pompei di Stefania De Prai Sidoretti

Titolo: Lo Schiavo di Pompei
Autrice: Stefania De Prai Sidoretti
Editrice: Self Publishing
Genere: Narrativa Storica
Data di pubblicazione: 18 Maggio 2021

“Io, la nobile romana.
Lui, lo schiavo in catene.
Tutto ci divide, perfino la legge.
La nostra è una passione proibita.
Io rischio la reputazione, ma lui la vita.”

Sono giunta a Pompei per sposarmi, non dovrei avere occhi che per Aurelio.
Ma Elio, suo schiavo e fratellastro, mi ha salvata dalla morte.

Nel mio viaggio ho incontrato gladiatori, cristiani, studiosi e mercanti. Persino la Sibilla cumana.

Ma terribili visioni mi dicono che non c’è più tempo: Pompei ha le ore contate, io lo so. Sono nipote della vestale Cinzia, anche io ho il dono della profezia.

Vampe di fuoco stanno per travolgerci e io dovrò lottare.
Per sopravvivere e difendere il mio amore.

“Una straordinaria ricostruzione storica dell’eruzione del Vesuvio che vi farà emozionare e commuovere”

Fenici … che recensione difficile!

Ho esordito utilizzando il grassetto per darvi subito un’idea di quanto è stato complicato rendere le mie impressioni su questo romanzo.

Per me si è rivelato un libro molto ostico, come fosse una lezione di storia (materia che ho sempre amato) seppur interessante ma tenuta da un professore un po’ monotono.

Mi dispiace sempre dare un giudizio negativo, e chi mi conosce lo sa bene, ma devo confessarvi che dopo le prime pagine ho faticato a proseguire con la lettura; peccato perché la ricostruzione storica che c’è dietro è veramente accurata e minuziosa, e spazia dalla narrazione degli usi e costumi del tempo sino ai cibi e alle vesti tipiche.

Il romanzo si svolge periodo dell’antica Roma e narra l’amore proibito tra uno schiavo e una giovane sedicenne appartenente a una ricca famiglia patrizia.

Attorno ai protagonisti ruotano diversi personaggi storici dell’epoca mentre sullo sfondo viene ripercorsa la tragica distruzione della città di Pompei, vista attraverso gli occhi della ragazza.

Peccato che la storia d’amore tra i due giovani si perda nella scrupolosa descrizione dei luoghi e dei reperti storici ritrovati a Pompei ed Ercolano, rendendo la narrazione forzata e un po’ prolissa.

Anche la storia dei primi Cristiani finisce per sembrare inserita quasi a forza, come se fosse un maglione aggiunto in una valigia è già strapiena.

In ogni caso, se la trama vi comunque ha colpito, sarebbe un vero un peccato non leggere questo libro a causa del mio giudizio; dopotutto il mondo è bello perché vario, e magari a voi piacerà molto e vorrete scrivermi per dirmi che non ho capito niente.

Se così fosse, io vi aspetto impaziente, perché ciascuno di noi legge con la propria mente e con il proprio cuore, ma soprattutto nessuno vi potrà mai dire cosa deve piacervi e cosa invece no.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Titolo: Lo Schiavo di Pompei Autrice: Stefania De Prai Sidoretti Editrice: Self Publishing Genere: Narrativa Storica Data di pubblicazione: 18 Maggio 2021 "Io, la nobile romana. Lui, lo schiavo in catene. Tutto ci divide, perfino la legge. La nostra è una passione proibita. Io rischio la reputazione, ma lui la vita." Sono giunta a Pompei per sposarmi, non dovrei avere occhi che per Aurelio. Ma Elio, suo schiavo e fratellastro, mi ha salvata dalla morte. Nel mio viaggio ho incontrato gladiatori, cristiani, studiosi e mercanti. Persino la Sibilla cumana. Ma terribili visioni mi dicono che non c'è più tempo: Pompei…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento