Home » Recensione libri » Recensione: Let’s play again Kiss me like you love me #5

Recensione: Let’s play again Kiss me like you love me #5

 

Titolo: Let’s play again

Autore: Kira Shell

Serie : Kiss me like you love me

Editore: Sperling & Kupfer

Genere: Dark Romance

Formato: ebook / cartaceo

Prezzo: € 5,99 / 9.40

Data pubblicazione: 24/11/202

 

La serie è composta:

Vol. 1 Let the game begin

Vol. 2 A dangerous game

Vol. 3 Game over

Vol. 4 The diary

Vol. 5 Let’s play again

 

Riuscirà un amore tormentato a sopravvivere a ogni tempesta del cuore?

Dopo tanta burrasca, finalmente Selene e Neil sono riusciti a costruirsi una vita insieme. Tra le mura della villa da sogno in cui abitano, sono sia genitori affettuosi e presenti per i loro due figli, Nicole e Julian, sia amanti passionali e ardenti, ancora calamitati l’uno all’altra come il primo giorno.

Tuttavia, con un uomo complicato come Neil, la stabilità famigliare è sempre appesa a un filo che minaccia di spezzarsi a ogni alito di vento e Selene è costretta a lottare in continuazione per non perdere tutto ciò che ha conquistato a fatica nel corso del tempo. Come se ciò non bastasse, quando alcune rivelazioni sconvolgenti travolgono la coppia e il passato oscuro di Neil riappare, le certezze crollano e riemergono antiche paure. Selene e Neil troveranno la forza di rimanere uniti? E, soprattutto, saranno in grado di proteggere chi amano?

 

 

 

 

 

“Io posso respirare attraverso la tua bocca, posso amare attraverso il tuo cuore e posso vivere attraverso la tua anima…”

(Tratto dal libro)

 

Buongiorno Fenici!

Eccoci arrivate al quinto e ultimo capitolo della serie dark romance Kiss me like you love me, che ha conquistato milioni di lettrici in tutto il mondo.

Sono trascorsi ormai più di dieci anni dal primo incontro di Selene e Neil, che ora hanno due splendidi bambini e professioni che danno loro grandi soddisfazioni, benessere economico e una casa spettacolare.

Ciò che non è visibile a tutti, invece, è che entrambi hanno dovuto – e devono tutt’ora – lottare ogni singolo giorno per proteggere la famiglia che hanno arduamente costruito. I disturbi psicologici di Neil, infatti, necessitano di costanti e attente cure che, se non seguite, compromettono il precario equilibrio raggiunto con fatica. Selene è sempre stata consapevole che, con il suo incasinato, non avrebbe mai potuto avere una relazione normale, e oggi è più che mai convinta che lui sia perfetto così com’è: maniaco del controllo, prepotente, diffidente e perennemente ansioso di non essere compreso, né accettato. Lo ama nonostante questo significhi vivere con la guardia sempre alzata, affrontare i suoi frequenti momenti bui, accettare gli sbalzi di umore e provare un’infinita gelosia del grande fascino che egli esercita sulle donne.

Ma l’insicurezza generata dall’incapacità di Neil di dimostrarle i propri sentimenti, unita a una rivelazione sconvolgente che arriva dal passato oscuro di lui, potrebbe rischiare di distruggere la stabilità famigliare. L’amore di Trilly per il suo incasinato ce la farà a resistere?

“A volte, però, mi rendevo conto che il mio sentimento non poteva risolvere ogni problema, che l’amore era importante, ma non l’unico elemento in grado di mantenere in piedi un rapporto così difficile come il nostro.”

(Tratto dal libro)

Leggendo di Neil è inevitabile sentirsi combattute tra due diverse forze: l’attrazione esercitata dal suo potente fascino di bello e dannato, e un sano istinto di autoconservazione che invece grida “fuggi” a pieni polmoni.

Potete immaginare l’ansia di dover costantemente assecondare una persona così instabile? Il dover limitare i danni causati dai frequenti scatti d’ira, la fatica di vivere con la sua perenne diffidenza, la paura costante del tradimento? Ebbene, questo è il motivo per cui provo stima per Selene, la vera colonna portante della coppia.

In una New York avvolta nella magica atmosfera natalizia che fa da cornice alla storia, Neil realizzerà che solo affrontando le proprie paure potrà sottrarre potere a chi gli ha fatto male, ma purtroppo, anche che il pentimento non sempre arriva nonostante sia stato inflitto tanto dolore. Per quanto possa essere consolatorio il pensiero che avvenga una redenzione, bisogna accettare il fatto che, laddove vi sono pazzia e malvagità, per essa non c’è spazio.

Nonostante sia definito l’ultimo libro della serie, il finale è assolutamente aperto e inquietante… staremo a vedere.

Ringrazio l’autrice per la playlist riportata al termine del racconto (ce n’è una in ogni volume) che è stata la colonna sonora della mia lettura, grazie a lei ho conosciuto i Neighbourhood i quali sono diventati presenza costante nelle mie raccolte musicali personali.

Il libro conta meno di centottanta pagine e si legge tutto d’un fiato, complice anche la fluidità che caratterizza da sempre la scrittura della Shell.

Buona lettura!

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

ladykira

Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento