Home » Recensione libri » Recensione: L’Alchimista Oscuro di Laura Fiamenghi-Serie le streghe di Villacorta #3-

Recensione: L’Alchimista Oscuro di Laura Fiamenghi-Serie le streghe di Villacorta #3-

Titolo:L’Alchimista Oscuro

Autore: Laura Fiamenghi

 Serie:Le Streghe Di Villacorta#3

Genere:Romance Fantasy

Data di pubblicazione:24 Febbraio 2020

 

 

Zante l’Alchimista Oscuro, il creatore di chimere, è un demone Incubo, ma da due secoli vive tra gli umani fingendosi uno di essi. Cieco, perennemente scalzo e, per i più, pazzo. Nel laboratorio della sua reggia trasforma e crea soldati imbattibili, attività che porta i signori di molti feudi a bussare alla sua porta.
Quando è Etan di Offlaga, lo stregone cavaliere, a rivolgersi a lui in cerca di aiuto, Zante non ha nessuna intenzione di accontentarlo.
La richiesta? Istruire sulla propria natura una giovane damina per metà una umana e per metà demone Succubo. Un compito per nulla gradito a Zante, peggiorato dal fatto che il demone odia visceralmente i suoi simili e nasconde un segreto più oscuro del suo nome.
Eppure basta un istante al cospetto di Milena di Sassovivo per stravolgere le convinzioni di Zante, obbligandolo a rincorrere il segreto che si annida dietro la ragazza e i suoi colori che riverberano nella tenebra…

 

 

L’Alchimista Oscuro è il terzo capitolo della fantastica serie Le streghe di Villacorta di Laura Fiamenghi.

Zante, l’Alchimista Oscuro, nonché demone Incubo, viene evocato da Ethan per un compito molto importante: aiutare sua cognata Milena ad accettare e a gestire la propria natura. La giovane infatti è per metà umana e per metà demone: è una Succuba!

Zante non è contento della richiesta di Ethan e inizialmente rifiuta, ma il Signore di Offlaga gli affida un piccolo quadernino dove Milena è solita rappresentare e descrivere le piante che trova nel giardino del castello di Sassovivo, suo luogo di nascita. Sarà proprio questo libricino a incuriosirlo e a portarlo ad accettare il compito di mentore della principessa Milena.

La giovane è d’accordo con questa decisione perché vuole assolutamente sapere di più sulla propria natura e desidera imparare a conviverci. Tuttavia non comprende del tutto il distacco e la quasi indifferenza che l’Alchimista le riserva.

Sapete qual è la peculiarità di Succubi e Incubi? Il sesso! Sì care fenici, avete capito bene, queste particolari razze di demoni hanno bisogno del sesso per nutrirsi, mantenersi energici e in salute.

Zante ha persino una zona della Reggia adibita ad Harem piena di ragazze bellissime e ben disponibili a compiacerlo, soddisfarlo e renderlo felice. Nonostante tutto, Milena lo attrae, lo intriga e addirittura lo spinge a diradare le visite al proprio Harem.

Ancora una volta Laura Fiamenghi ha saputo trasportarmi in un altro mondo, tenermi incollata a questo romanzo fino alla fine e ha tirato fuori dal cilindro un altro capolavoro, ricco di personaggi dal carattere un pochino fuori dalle righe ma estremamente di spicco. Come per esempio Sparda, la sorella di Milena e moglie di Ethan che abbiamo già incontrato nel secondo capitolo: è molto protettiva, sempre sul chi va là e pronta a rompere le scatole all’Alchimista che non sopporta, soprattutto ora che deve stare vicino alla sua sorellina. Oppure Indaco che è più di un umile servitore: è il migliore amico di Zante, suo fedele consigliere e collaboratore, che fin da subito ha mostrato affetto verso Milena e l’ha aiutata in modo che le andasse tutto per il verso giusto.

Le varie vicissitudini hanno portato in superficie la vera natura di Zante, che per “autodifesa” ha sempre mostrato solo il lato caratteriale più consono a celare quello che di brutto la sua vita immortale gli ha riservato… fino al momento in cui, proprio grazie alla dolce Milena, torna a rivedere colori e a far emergere il suo lato buono e dolce troppo a lungo nascosto.

A proposito di Milena, l’ho semplicemente adorata perché sotto le spoglie di un essere molto delicato, romantico, dolce e dai sani principi si cela una guerriera che nel momento del bisogno ha tirato fuori gli attributi, si è sacrificata per il benessere del regno e ha saputo lottare per l’amore di Zante arrivando persino a farsi trasportare in un’altra dimensione per recuperarlo e riportarlo indietro.

 

“Io ti vedo Milena. Ti vedo a colori come non ho più visto nulla dopo il mio patto con il Re Nero. Sei la mia luce. Non posso più starti lontano. Non posso e non voglio.” 

 

A breve uscirà il quarto capitolo della saga e consiglio caldamente a chi non lo avesse ancora fatto di recuperare tutti i volumi che sono sì autoconclusivi, ma che letti tutti insieme ve ne faranno apprezzare ogni singola riga.

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento