Home » Recensione libri » Recensione: “La marea nasconde ogni cosa” di Cilla e Rolf Börjlind

Recensione: “La marea nasconde ogni cosa” di Cilla e Rolf Börjlind

Autore: Rolf Börjlind, Cilla Börjlind
Editore: Nord
Genere: Thriller
Da di pubblicazione: 5 giugno 2014

Isola di Nordkoster, 1987. Ha paura, Ove. Ha solo nove anni, eppure ha capito benissimo cosa sta succedendo laggiù, sulla spiaggia: tre persone vestite di nero hanno sepolto una donna sotto la sabbia, lasciando fuori soltanto la testa. E presto la marea salirà… Il piccolo Ove non può stare a guardare: quando gli sconosciuti lasciano la donna al suo destino, lui corre a chiamare aiuto. Ma è troppo tardi. Stoccolma, 2011. Ha coraggio, Olivia. Ha solo ventiquattro anni, eppure è pronta a tutto pur di scoprire la verità su quanto accaduto a Nordkoster. Per lei, quel vecchio caso irrisolto è molto più di un incarico affidatole dall’Accademia di polizia. Sarà perché ci aveva lavorato suo padre, ex agente morto quattro anni prima. Sarà perché la vittima, la cui identità è rimasta un mistero, aveva più o meno la sua età. Sarà perché il responsabile delle indagini, Tom Stilton, è misteriosamente scomparso nel nulla. Sarà perché, non appena Olivia inizia a fare domande sul delitto di Nordkoster, i pochi testimoni si chiudono in un silenzio ostinato. Sono passati ventiquattro anni da quella notte maledetta, tuttavia lei ha l’impressione che la marea abbia cancellato ogni cosa, tranne il desiderio di vendetta. Come se qualcuno fosse ancora in agguato, nell’ombra, e spiasse ogni sua mossa…

Vi dirò… sono diventata davvero molto critica con questo genere di libri, forse perché ci sono cresciuta e ne ho letti davvero tanti, o forse perché i miei primi gialli/thriller sono stati della regina del giallo: Agata Christie.

Questo però, è tutta un’altra storia!

Per molte pagine, fin quasi oltre la metà del romanzo oserei dire, mi sono chiesta per quale motivo l’autrice abbia fatto una scelta così crudele: perché spiegare subito o comunque portare il lettore a scoprire chi è l’assassino? Ecco, non avevo capito davvero nulla!

Questo libro per me è stato una rivelazione, nulla di particolare in realtà, ma mi ha fatto comprendere ben due cose: la prima è il motivo per cui era una vita che non leggevo romanzi svedesi… troppi nomi incomprensibili in cui ci metti mezza giornata solo per arrivare a pronunciarli, e la seconda è che, nonostante abbia divorato moltissimi romanzi di questo genere nulla è mai come sembra!

Ci troviamo nel 1987, più precisamente nella tarda estate e nelle insenature di Nordkoster, chiamate Hasslevikarna. La marea normalmente ha un dislivello di 5/10 cm ma con la marea sizigiale, ovvero quando il sole, la luna e la terra sono allineati, la marea sale di mezzo metro… ma una testa umana è solo alta 25 cm…

Lei è una donna incinta tra i 25/30 anni che ha una storia tragica alle spalle, dettata da un amore molto particolare e che fa una fine ancor più tremenda.

Ora siamo nel 2011, ben 24 anni dopo. La protagonista principale è Olivia Rönning, una giovane studentessa che fa tirocinio presso l’accademia di polizia. Suo padre è, o per meglio dire era, commissario all’anticrimine di stato della Svezia, ma è morto quattro anni prima, e Maria è la mamma, un avvocato penalista. Ricordatevi questi personaggi perché saranno molto importanti nella storia.

Il professore dell’accademia ha l’incarico di cercare dei cold case irrisolti. Il fato vuole, se così lo si può definire, che lei scelga proprio il caso su cui aveva lavorato il padre, quello della donna annegata a Nordkoster di cui nessuno sapeva nulla: né identità, né nome, niente di niente tranne che era incinta al momento dell’annegamento.

In realtà c’è un unico testimone: peccato che all’epoca era un bimbo di 9 anni.

In concomitanza a questi avvenimenti, tra le mura della città succedono degli atti ancor più meschini: c’è chi si diverte a picchiare i senzatetto e postare i filmati in rete.

Qualcuno tra loro è legato all’omicidio della donna: lui è Tom Stilton, attualmente un senzatetto, ma in passato chi era realmente? Quale collegamento c’è tra lei e Tom? E cosa c’entra Bertil Magnuson, magnate dell’azienda MWM, multinazionale che estrae tantalio (chiamato anche oro grigio), un minerale fondamentale per i circuiti elettrici? E Nils Wendt, l’amico di vecchia data, e Erik Grandén, colui che fa parte del consiglio d’amministrazione dell’azienda, cosa c’entrano in tutta questa storia? Non per nulla questi tre amici di vecchia data si facevano chiamare i tre moschettieri…

La marea ha nascosto ogni cosa tranne il desiderio di vendetta.

Tre storie si intrecciano in un unico romanzo, scritto sapientemente, in modo fluido, con un’ottima caratterizzazione dei personaggi e un susseguirsi di azioni e colpi di scena. L’autrice è in grado di portare il lettore su una strada, per poi farla rapidamente cambiare, fino al termine dove, senza alcun preavviso, ti fa scoprire il vero colpevole, e tutti gli intrecci finalmente si dipanano.

Un libro che consiglio a tutti gli amanti del genere, un vero e proprio puzzle ricco di tasselli da cercare e incastrare che troverà approvazione soprattutto tra quelli a cui non piacciono i finali scontati.

Autore: Rolf Börjlind, Cilla Börjlind Editore: Nord Genere: Thriller Da di pubblicazione: 5 giugno 2014 Isola di Nordkoster, 1987. Ha paura, Ove. Ha solo nove anni, eppure ha capito benissimo cosa sta succedendo laggiù, sulla spiaggia: tre persone vestite di nero hanno sepolto una donna sotto la sabbia, lasciando fuori soltanto la testa. E presto la marea salirà... Il piccolo Ove non può stare a guardare: quando gli sconosciuti lasciano la donna al suo destino, lui corre a chiamare aiuto. Ma è troppo tardi. Stoccolma, 2011. Ha coraggio, Olivia. Ha solo ventiquattro anni, eppure è pronta a tutto pur di…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento