Home » Recensione libri » Recensione: “La leggenda di Drizzt 7.L’eredità” di R.A Salvatore

Recensione: “La leggenda di Drizzt 7.L’eredità” di R.A Salvatore

 

 

Titolo: La leggenda di Drizzt 7.L’eredità
Autore:R.A. Salvatore
Editore:Armenia
Genere:fantasy
Serie :La leggenda di Dritz #7
Pagine: n°257

Data di pubblicazione: il 6 Novembre 2018

 

 

 

I giorni non potrebbero scorrere più sereni e felici per Drizzt Do’ Urden. Il giovane principe drow, dopo tante peripezie, è finalmente riuscito a riunirsi ai suoi amici in un rifugio sicuro, la mitica Mithral Hall.
Eppure Drizzt non riesce a darsi pace: i suoi irriducibili avversari, sempre più potenti e arroganti, costituiscono ancora una minaccia.
Difatti Lloth, la temutissima Regina Ragno, dea degli elfi scuri nonché acerrima nemica di Drizzt, sta tramando un piano diabolico, volto a porre fine alla vita lieta e pacifica del valoroso elfo…

 

 

Per poter capire e gustare fino in fondo questo libro e i seguenti è necessario aver letto sia i primi tre che i libri precedenti.

Bruenor è ormai il Re di Mithral Hall e guida il suo popolo con il cipiglio fiero di un re guerriero, sebbene le incombenze del comando pesino sul suo animo irrequieto.

Catti-brie e Wulfgar hanno deciso di sposarsi e i preparativi per il lieto evento  occupano molto tempo, mentre Drizzt, sembra sempre più inquieto.

Gli manca l’avventura o è geloso di Wulfgar? Quali sono i suoi sentimenti per Catti-brie? Tutto potrebbe andare bene se non fosse che i nani, come quelli di Moria del Signore degli Anelli, hanno scavato troppo e…  un nuovo e vecchio nemico che cova rabbia e vendetta attende nel Buio Profondo la sua opportunità di conquista.

La situazione inizia a complicarsi quando Regis torna per il matrimonio e qualcuno inizia ad uccidere i nani nelle gallerie profonde.

A Drizzt non resta che indagare, anche perché il dubbio di essere la causa di tutto regna profondo nel suo cuore. Sono forse i Drow, il suo popolo di appartenenza che ha rinnegato, ad attaccare? Lo fanno per lui o hanno altri scopi ?

Come può non sentirsi in colpa, il nostro protagonista , pronto sempre a prendersi qualsiasi peso sull’anima?

Il libro si snoda fra sentimenti contrastanti, dubbi e colpi di scena che lasciano il lettore senza fiato, mentre i duelli diventano il centro del libro. Il passato sembra inseguire Drizzt, portandogli di fronte vecchi nemici che si era lasciato dietro alle spalle e nuove sfide personali.

In questo libro, che lo letto con moltissimo piacere, ho imparato ad amare  i drow, che con i loro intrighi, la loro mentalità particolare, sono personaggi fenomenali che affascinano e rendono la storia ancora più avvincente.

Sono sicura che imparerete ad amarli anche voi e soprattutto inizierete a conoscere un nuovo personaggio importante nella storia di Drizzt e amici, il mutevole, simpatico, affascinante e soprattutto furbo Jarlaxle. E’ l’unico Drow maschio capace di tenere testa alle Matrone Madri, vere padrone del Buio Profondo,  manovrandole con l’astuzia e l’inganno e che già  vi dico ci riserverà molti colpi di scena nel futuro.

Concludo dicendo che questo è il primo libro di una nuova trilogia, dove lo scrittore ha superato se stesso, per descrizioni, ritmo, ambientazione e sentimenti.  Sono questi i libri che hanno reso famosi i Forgotten Realms, sono questi i libri che catturano gli amanti del fantasy spingendoli oltre l’immaginazione verso mondi sconosciuti, guerre e amore.

 

 

 

 

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento