Home » Recensione libri » Recensione: La casa sul lago di Joe Clifford

Recensione: La casa sul lago di Joe Clifford

Titolo: La casa sul lago
Autore: Joe Clifford
Genere: Thriller
Casa Editrice: Leone Editore
Lunghezza: 255 pagine
Prezzo: Ebook €8,99 – Cartaceo €15,10
Data di pubblicazione: 11 Febbraio 2021

In una notte di tempesta, Tracy Somerset sta vagando per i corridoi di un supermercato con suo figlio Logan addormentato sulla spalla, quando incontra Greg, un uomo gentile e affascinante che l’aiuta con il bambino e le offre un caffè. Greg si è appena trasferito lì, nella cittadina di Covenant, e sta costruendo una casa sul lago Shallow. Tra i due scatta subito la scintilla e Tracy, dopo il suo divorzio burrascoso, pensa di avere finalmente la possibilità di ricominciare. Ma quello che Tracy ancora non sa è che su Greg pende un sospetto terribile: l’uomo, infatti, è stato accusato di aver ucciso sua moglie April. E, quando una ragazza viene trovata morta a poca distanza da casa sua, Tracy deve iniziare a chiedersi chi sia veramente l’uomo di cui si sta innamorando.

Covenant è una tranquilla cittadina che si affaccia sulle rive di un lago. I suoi abitanti sono una piccola comunità, tanto che vi è un solo sceriffo, Dwayne Sobczak, che, insieme al suo vice, nonché genero, Tom, rappresenta le forze dell’ordine in una località dove i crimini sono ben pochi e di basso profilo. In questo scenario sonnacchioso vive anche Tracy, uscita da poco da un matrimonio disastroso e che ora vive sola con il figlio di due anni, che incontriamo nel primo capitolo intenta a barcamenarsi fra le mille difficoltà di una madre single. Con lei conosciamo anche un altro personaggio chiave di questo intrigante thriller, Greg Norman, il quale aiuta la povera Tracy all’interno di un supermercato Walmart e riaccende in lei la speranza di un futuro meno solitario.

Un quadro idilliaco con le normali difficoltà della vita di comunità, fin quando il ritrovamento del corpo di una donna sulle rive del lago non apre un varco tra il passato e il presente oscuro di questa comunità. Mentre ognuno dei personaggi principali e di quelli che man mano si aggiungono deve fare i conti con segreti più o meno noti, altre donne scompaiono e, sebbene inizialmente il passato di Norman lo pone fra i principali sospettati, nulla sembra definitivo.

Sarà davvero lui il terribile assassino? O è ancora una volta un innocente inascoltato dalla comunità che gli addossa ancora l’omicidio della moglie per cui è stato assolto?

Mentre questo dilemma corrode i nostri protagonisti, altri personaggi si affacciano sulla scena e il passato a gran voce chiede di essere svelato.

La casa sul lago è un thriller ben costruito, in cui i colpi di scena abbondano e non sono mai scontati, la trama è avvincente e i personaggi ben delineati, tanto da aiutare con la loro caratterizzazione a rendere il mistero ancora più oscuro e la suspense crescente fino al finale per nulla prevedibile o scontato. Un libro che mi è piaciuto dall’inizio alla fine e che mi sento di consigliare a chiunque per la sua trama ben costruita. Buona lettura!

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Titolo: La casa sul lagoAutore: Joe CliffordGenere: ThrillerCasa Editrice: Leone EditoreLunghezza: 255 paginePrezzo: Ebook €8,99 – Cartaceo €15,10Data di pubblicazione: 11 Febbraio 2021 In una notte di tempesta, Tracy Somerset sta vagando per i corridoi di un supermercato con suo figlio Logan addormentato sulla spalla, quando incontra Greg, un uomo gentile e affascinante che l’aiuta con il bambino e le offre un caffè. Greg si è appena trasferito lì, nella cittadina di Covenant, e sta costruendo una casa sul lago Shallow. Tra i due scatta subito la scintilla e Tracy, dopo il suo divorzio burrascoso, pensa di avere finalmente la…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento