Home » Recensione libri » Recensione:”: Iron kissed” di Patricia Briggs Serie Mercy Thompson #3

Recensione:”: Iron kissed” di Patricia Briggs Serie Mercy Thompson #3

 

 

 

Quando il suo ex capo e mentore viene arrestato per omicidio e lasciato a marcire dietro le sbarre dalla sua stessa specie, spetta al meccanico d’auto mutaforma Mercedes Thompson ripulire il suo nome, che lei lo voglia o meno. E a dispetto dei suoi desideri dovrà anche scegliere tra i due licantropi nella sua vita.

 

  1. Moon Called (2006)
  2. Blood Bound (2007)
  3. Iron Kissed (2008)
  4. Bone Crossed (2009)
  5. Silver Borne (2010),
  6. River Marked (2011),
  7. Frost Burned (2013)
  8. Night Broken (2014),
  9. Fire Touched (2016)
  10. Silence Fallen (2017)
  11. Storm Cursed ( 2019)
  12. Smoke Bitten (2020) 

 

Ormai sappiamo che Mercedes Thompson, oltre a essere un formidabile meccanico e l’ultima walker degli Stati Uniti, è una calamita per i guai.

A richiedere il suo aiuto, questa volta, è Zee, suo ex-capo, nonché Fae. Purtroppo, dopo l’intervento di Mercy, viene accusato di omicidio e, benché lui stesso non voglia coinvolgere maggiormente la ragazza, lei non può assolutamente stare a guardare se i suoi amici sono in pericolo.

Il popolo dei Fae, oltre a essere il più variegato di tutti, è probabilmente anche il più pericoloso: non sai mai chi potresti disturbare, e i Signori Grigi (Fae maggiori a capo del popolo fatato) sono assai suscettibili e potenti.

Un coyote che ficcanasa nella loro riserva non può che sollevare malumori, soprattutto se grazie ai suoi poteri vede cose che dovrebbero rimanere nascoste. In tutti i modi cercano di impedirle di continuare le sue indagini, ma da buona testarda deve riuscire a dimostrare inconfutabilmente l’innocenza di Zee.

Nel frattempo, realizza come sia di vitale importanza definire i rapporti tra lei, Adam e Samuel e deve decidere tra uno dei lupi per il bene di tutti, branco compreso.

Vi devo confessare che ho barato un po’: non esistendo una traduzione ufficiale Italiana ed essendo io pressoché analfabeta per quanto concerne la lingua inglese, mi sono affidata a una traduzione amatoriale. Mirabile nell’intento e nell’impegno, ma devo dire che da metà libro in poi ha evidentemente avuto un po’ di problemi con la traduzione, eppure sono riuscita a godermi ugualmente il romanzo.

Questa storia è, almeno fino ad ora, la più scioccante della saga: Mercy riesce sì a scagionare Zee, ma a caro prezzo, e dalla vicenda ne esce distrutta e spezzata. Vederla così mette molta tristezza. Da buona combattente riuscirà, malgrado tutto a reagire, ma gli strascichi di quanto accaduto non la lasceranno mai più del tutto serena.

Qui, per la prima volta, abbiamo la possibilità di vedere quale sarebbe il vero aspetto di Zee, senza il glamour che usa per confondersi tra gli umani; e… bhe, lasciatevelo dire, altro che ometto pelato!

Finalmente Mercedes riesce a fare un po’ di chiarezza nel suo cuore e a compiere una scelta tra i due lupi.

Se siete tra le poche elette che riescono a leggere bene in inglese, non perdetevi questo episodio, perché proprio in virtù dei colpi di scena non sempre positivi è probabilmente il più coinvolgente tra quelli che ho letto finora.

 

 

 

 

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento