Home » Recensione libri » Recensione: “Incantevole Intesa” di Joey Elis

Recensione: “Incantevole Intesa” di Joey Elis

 

 

 

Titolo: Incantevole Intesa

Autrice: Joey Elis

Genere: Romance Storico

Editore: DriEditore

Pagine: 236

Data di uscita: 27/12/2020

 

 

 

Un marchese misterioso.
Una contessina ribelle.
Un accordo che cambierà tutto.


Londra. 1867.
Margareth Rosenthal è disposta a tutto pur di incontrare il suo corteggiatore segreto, compreso travestirsi da garzone e recarsi all’appuntamento in una taverna malfamata. Si rende conto del pericolo che sta correndo solo quando il suo inganno è svelato e si trova coinvolta in una rissa.
Nicholas Knight sa che ha un solo modo per evitare le nozze combinate dal nonno: rovinarsi la reputazione. Peccato che una ragazzina pestifera mandi in fumo ogni piano, costringendolo a intervenire in suo soccorso.
Così facendo il marchese scopre il segreto di Margareth e decide di usarlo a proprio vantaggio.
Per salvaguardare la propria relazione clandestina, la contessina non ha scelta: deve averne una pubblica con lui. Ma per finta. Questo non può proprio dimenticarlo…

 

 

Prosegue con una storia romantica ambientata come di consueto nell’Inghilterra del 1867, l’estro creativo di questa brava autrice che aveva esordito in casa Dri con Segreti a Winter House e proseguito con Sospiri a Rosefield House.

Mentre soprattutto nel primo libro lo stile era piuttosto travagliato e cupo, improntato più sul romanzo gotico per via dei tormenti amorosi dei protagonisti impossibilitati ad amarsi, in Incantevole intesa assistiamo a schermaglie più frizzanti e vivaci, con uno stile tipicamente romance.

La nostra protagonista è una giovane donna molto forte e coraggiosa, Margaret Rosenthal, che sa usare molto bene lo stiletto e non esita a travestirsi da uomo pur di incontrare in locande malfamate un uomo che la sta corteggiando di nascosto. Nella sua avventura è aiutata e coperta da Andrew, simpatico cugino poco avvezzo all’avventura e più amante dei buoni libri, che la sostiene incondizionatamente.

La nottata non si conclude nel migliore dei modi grazie a un giovane gentiluomo, Nicholas, anch’esso amante delle avventure nei bassifondi. La ragazza salverà la pelle e la reputazione solo al suo provvidenziale intervento ma la sconterà con un ricatto bello e buono: una lettera compromettente indirizzata all’uomo del desiderio verrà restituita solo se si fingerà oggetto dell’interesse del giovane nobile salvandolo così da un matrimonio imposto dal vecchio duca suo nonno.

Naturalmente il gioco si trasformerà in qualcosa di pericolosamente vicino alla realtà e il sentimento che nascerà tra i due sarà vero.

Il provvidenziale sostegno della zia Edith, zitella integerrima votata a trovare un buon marito per la nipote, assesterà un colpo che saprà cambiare la traiettoria infausta presa dall’intesa tra Margaret e Nicholas e aiuterà i due giovani a riunirsi: questo ovviamente grazie al fatto che il fortunato giovanotto un giorno sarà Duca…

Il tema del matrimonio imposto, le pressioni del lignaggio e gli obblighi della società vittoriana fanno da padrone in questo romanzo molto interessante; avrei tuttavia preferito che l’unica scena in cui i due ragazzi si uniscono in un rovente amplesso avesse ricevuto maggior spazio, appare leggermente frettolosa e poco articolata secondo me. Peccato.

 

 

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Daniela Pullini

Daniela Pullini

Lascia un Commento