Home » Recensione libri » Recensione: In una scala da uno a dieci di Ceylan Scott

Recensione: In una scala da uno a dieci di Ceylan Scott

Titolo: In una scala da 1 a 10
Autore: Ceylan Scott
Editore: Rizzoli
Serie: Autoconclusivo
Genere: Young Adult
Pagine: 216
Formato: digitale (euro 9,99) cartaceo (euro 15,00)
Data pubblicazione: 13 aprile 2021

Un racconto scioccante, commovente e sarcastico della vita in un ospedale psichiatrico. E del potere redentore della verità per intraprendere il cammino della guarigione.

«Come ti senti oggi in una scala da 1 a 10?» Questa è la domanda che Tamar si sente rivolgere ogni giorno dai propri dottori al centro di cura psichiatrica per adolescenti Lime Grove. Sedici anni, ex atleta di corsa campestre, è andata in crisi dopo un evento terribile di cui si crede colpevole, la morte della sua amica Iris, ma non riesce a comunicare ciò che prova alla famiglia, agli amici e persino al personale medico. Sente solo un vuoto disperato dentro di sé che la porta a farsi male e a tentare il suicidio: non merita di vivere e non può smettere di desiderare di sparire dal mondo. E anche a Lime Grove, la “casa sicura” dove incontra Jasper, Elle, Alice, Will e altri ragazzi come lei, affetti da disordini alimentari, disturbo bipolare, paranoia, non trova la forza di combattere il mostro che si porta dentro. Fino a quando a quel mostro viene dato un nome: disturbo borderline della personalità. Attraverso l’alternarsi di flashback della sua vita precedente, con i compagni di sempre, e il racconto del ricovero, tra farmaci, amicizie, moti di ribellione e avventure, il libro svela pagina dopo pagina l’abisso della malattia mentale e il processo di progressiva consapevolezza che permette alla protagonista di liberarsi dal suo segreto, accettare l’aiuto di chi le sta accanto e combattere, passo dopo passo, con i fantasmi della sua angoscia. Il risultato è un racconto scioccante, commovente e sarcastico della vita in un ospedale psichiatrico. E del potere redentore della verità per intraprendere il cammino della guarigione.

Come ti senti da uno a dieci? È la domanda che Tamar si sente ripetere spesso da quando è in un istituto psichiatrico dopo aver tentato di togliersi la vita.

Tamar è una sedicenne che si trova a Lime Grove per il suo bene, per ritrovare la retta via che ha smarrito dopo la morte di Iris, di cui si addossa le colpe e per cui ha tentato di suicidarsi. È proprio lì che incontrerà diversi ragazzi che come lei stanno combattendo una battaglia contro i loro mostri interiori, ognuno a modo suo. La nostra protagonista riuscirà ad accettare l’aiuto dei suoi dottori? Sarà capace di colmare quell’enorme voragine che ogni giorno di più le toglie la voglia di vivere?

Tamar è una ragazza molto insicura, complessata e vittima di bullismo, non riesce ad affrontare la morte di Iris in quanto si sente colpevole, sostenendo, addirittura, di averla uccisa. È davvero così? Alla fine è questo il vero problema del suo autolesionismo?

A Lime Grove incontriamo altri personaggi che interagiranno con lei e in qualche modo la aiuteranno. Jasper, affetto da un serio disturbo alimentare, è un ragazzo molto presente nella vita di Tamar all’interno dell’istituto, Elle, affetta da bipolarismo, le ricorda tanto Iris e all’inizio sembra portare una sferzata di freschezza, ribellione e positività che coinvolgerà la nostra protagonista anche fin troppo, ma poi verrà sopraffatta dal suo grande demone.

Toby, che vive al di fuori dell’istituto e con cui Tamar è cresciuta, è una forza della natura, la stimola e incita a reagire, a cacciare fuori gli artigli e a sfogarsi con la corsa campestre, uno sport che hanno in comune i due amici d’infanzia.

Son sempre stata affascinata dal mondo della psichiatria e dalle sue malattie, ovviamente è un argomento molto pesante e triste, non è un fascino positivo il mio, semplicemente un desidero di conoscere di più sulla misteriosa e complessa mente umana. Ho letto diversi libri basati su tale argomento, son sempre non-fiction quindi esperienze non reali, ma che possono rispecchiare, purtroppo, la realtà di tante persone.

Nel caso di questo romanzo son rimasta un po’ delusa, sembra una corsa a perdifiato, non capiamo realmente le problematiche della nostra protagonista; non si riesce ad affezionarsi a nessuno di loro, in quanto personaggio, perché sono un po’ troppo unidimensionali. Le varie tematiche che incontriamo, come anoressia e bipolarismo vengono trattati come se fossero quasi un comune raffreddore. Comprendo la volontà di rendere la storia ironica e meno pesante, adatto probabilmente a un pubblico più giovane, ma si rischia così di alleggerire i concetti affrontati sino a semplificarli eccessivamente. Iris non sembra voler collaborare, non viene fatto alcun tipo di “lavoro” su di lei e poi d’un tratto, voilà, problem solved. Saltiamo senza capire come dal punto A al punto B, lasciando dentro di sé tanti “Mah” e perché.

La scrittura è molto semplice e di facile lettura, l’ironia della protagonista e dei suoi amici non dispiace in alcuni momenti, ma infastidisce in altri. La conclusione vorrebbe impartire una lezione di vita che, però, nella mia modesta opinione non dà.  Mi dispiace sempre immensamente quando un libro mi lascia questa sensazione dentro, a modo suo ha i suoi meriti, soprattutto se si desidera avere un primo approccio sul genere, ma senza troppe pretese o aspettative sulla profondità del tutto, in questo caso lo consiglierei. Come già detto in precedenza, credo sia ideale per un target giovane, non per niente è uno young adult.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Titolo: In una scala da 1 a 10 Autore: Ceylan Scott Editore: Rizzoli Serie: Autoconclusivo Genere: Young Adult Pagine: 216 Formato: digitale (euro 9,99) cartaceo (euro 15,00) Data pubblicazione: 13 aprile 2021 Un racconto scioccante, commovente e sarcastico della vita in un ospedale psichiatrico. E del potere redentore della verità per intraprendere il cammino della guarigione. «Come ti senti oggi in una scala da 1 a 10?» Questa è la domanda che Tamar si sente rivolgere ogni giorno dai propri dottori al centro di cura psichiatrica per adolescenti Lime Grove. Sedici anni, ex atleta di corsa campestre, è andata in crisi dopo un evento terribile di cui si…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento