Home » Recensione libri » Recensione: In fuga da Houdini di Kerri Maniscalco serie Stalking Jack the Ripper#3

Recensione: In fuga da Houdini di Kerri Maniscalco serie Stalking Jack the Ripper#3

Titolo: In fuga da Houdini
Serie: #3 serie Stalking Jack the Ripper, autoconclusivo
Autore: Kerri Maniscalco
Genere: Historical Fiction – Historical Romance – Young Adult
Plot: Mistery
Tipo di finale: Chiuso
Narrazione: Prima persona, POV protagonista femminile (Audrey Rose Wadsworth)
Data di pubblicazione: 15 settembre 2020
Numero di pagine: 552
Editore: Mondadori – Collana: Oscar Fantastica

Audrey Rose Wadsworth e il suo assillante compagno, Thomas Cresswell, si imbarcano sulla lussuosa RMS Etruria, diretti alla loro prossima meta, l’America. La settimana di spettacoli circensi che allieterà la traversata – compresa l’esibizione di un giovane e promettente artista della fuga – sembra la distrazione ideale prima del tetro incarico che li attende oltreoceano. Ma presto il viaggio si trasforma in un festival degli orrori quando, una dopo l’altra, giovani donne vengono trovate morte.

Per Audrey Rose, il Circo al chiaro di luna – con i suoi numeri inquietanti e i personaggi grotteschi – si trasforma in un incubo e la fa tornare alla sua ossessiva ricerca di risposte. Gli indizi sull’identità di una delle vittime sembrano condurre a qualcuno a cui Audrey Rose vuole molto bene: riuscirà la ragazza a fermare il misterioso assassino prima del suo terrificante gran finale?

Ci risiamo. Audrey Rose e il suo compagno di avventure Thomas si imbarcano sulla Rsm Etruria, una lussuosissima nave diretta a New York e partita da Liverpool, Inghilterra, il Primo Gennaio del 1889.
Dopo aver sventato, proprio insieme a Thomas e allo zio, il piano omicida di Jack lo Squartatore e aver impedito a un vampiro di uccidere il Re e la Regina di Romania, i due partono per una nuova avventura.
Il terribile incubo ha inizio quando Miss Olivia Prescott, la figlia del primo magistrato, in viaggio con i genitori, viene brutalmente assassinata nella prima delle sette serate previste, con dieci coltelli conficcati nella schiena, durante lo spettacolo. Nessuno sembra essersi accorto di nulla, neanche Audrey Rose seduta accanto a lei.
Mefistofele, nonché direttore del Circo al chiaro di luna, dovrà allietare le serate con i suoi amici circensi, ma presto proprio quel diversivo si trasformerà nello spettacolo degli orrori. Una dopo l’altra alcune donne verranno uccise, ma questa volta quale sarà il comune denominatore di questi terribili omicidi? Farà la comparsa un maestro della fuga, Houdini, che parrebbe avere una storia con Liza, la cugina di Audrey Rose.
Ma qualcosa non torna…
Il duo si troverà di nuovo a rincorrere un assassino e questa volta gli indizi sembrano portare a una persona conosciuta. Ogni omicidio è accompagnato da alcune carte: ma qual è il loro significato?
Inoltre il cuore di Audrey Rose sembra spaccato in due: chi sceglierà tra Thomas e Mefistofele, il re delle malefatte e dei sotterfugi ? Sono entrambi uomini tormentati, con un passato complicato alle spalle, ma per chi batterà il suo cuore?
Una famiglia aristocratica, un medico, un primo magistrato, i tarocchi, le giuste punizioni per i loro peccati, una storia di gelosia, amore, lutto, tradimento e vendetta faranno da padrone in questa fantastica storia.
Non vi nego che a un certo punto avrei voluto chiudere violentemente il kobo e lanciarlo dalla finestra… se non mi fosse costato un bel po’. Un avvenimento in particolare (che non vi sto a raccontare per evitare spoiler) mi ha fatto cadere nella disperazione più profonda (se ve lo state chiedendo, i due credo vivranno felici e contenti ancora per un bel po’),difficilmente piango per i libri o i film ma qui… c’è mancato davvero poco! Fortunatamente la Maniscalco non è così crudele, ha creato una donna combattiva, con gli attributi e che sfata tutti i miti e gli inutili obblighi per le donne della fine dell’800.
Ho amato i personaggi e la loro caratterizzazione, così come le descrizioni seppure siano state circoscritte solo a una nave di lusso.
Questi elementi, e gli avvenimenti descritti , nonostante il loro svolgimento sia solo nell’arco di una settimana, hanno reso la storia alquanto realistica, in grado di far vivere il tutto al lettore quasi in prima persona.
Anche gli elementi circensi e l’aria che si respira in un circo, le vite passate degli attori… tutto crea la giusta atmosfera per rendere il romanzo una droga da cui non ci si vorrebbe mai staccare. In questo volume viene rimarcato al lettore che i personaggi hanno solo diciassette anni ma, vi assicuro che leggendolo sembra di vedere due adulti alle prese con la loro quotidianità.
Come in tutti i suoi romanzi mi è piaciuto il finale dove parte della storia viene rivista, ma con il punto di vista di Thomas, quindi, quando arrivate ai ringraziamenti, non fate come me, non chiudete il libro ma continuate perché lei vi riserverà piacevoli sorprese! L’autrice è partita con una calma strategica per poi crescere nel secondo romanzo ed esplodere in questo terzo volume. La narrazione qui è molto più romance rispetto ai precedenti, anche se abbiamo chiaramente anche delle sfumature gialle che rendono la storia molto più accattivante e in grado di coinvolgere un pubblico molto più ampio. Oltretutto tutti i suoi romanzi sono legati a degli avvenimenti storici realmente accaduti e, anche se sono stati romanzati o modificati in alcune loro parti per evitare ripercussioni sull’autrice, rendono ancor più reale tutta la storia.
Se il primo romanzo della serie mi era piaciuto, i due successivi ancor di più!
Leggete questa serie perché ne vale davvero la pena, io aspetto con ansia il prossimo che uscirà, si spera se non ci saranno posticipazioni, a metà novembre.

 

 

ladykira

ladykira
Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento