Home » Recensione libri » Recensione in anteprima:”Matrimonio a scadenza” di Manuela Chiarottino

Recensione in anteprima:”Matrimonio a scadenza” di Manuela Chiarottino

 

 

 

 

Titolo: Matrimonio a scadenza
Autore: Manuela Chiarottino
Editore: Dri Editore
Genere: Storico
Collana: Historical Romance
Pagine: 175
Data di uscita: 15 dicembre 2020

 

Una contessina in cerca del vero amore.
Un conte avido di passioni occasionali.
Un imprevisto che sconvolgerà la loro esistenza.
Alla morte dei genitori, la contessina Alison è costretta ad abbandonare l’amata India per trasferirsi in
Inghilterra.
La sua quotidianità, fatta di letture e tiro con l’arco, verrà stravolta all’improvviso.
Riuscirà a vivere all’ombra di un uomo per solo interesse?
Lei non è incline a lasciarsi amministrare, e forse il vero amore ha già bussato alla sua porta.
Lui è impetuoso, arrogante e collezionista di fughe notturne dai caldi letti delle nobildonne.
Riusciranno gli occhi di bosco e i capelli di fuoco di Alison a rimetterlo sulla giusta via?

 

 

 

Care Fenici, parliamo dell’ultima uscita della Dri Editore, che arriverà domani 15 Dicembre in tutti gli store e che ho avuto il piacere di leggere in anteprima per voi.

Manuela Chiarottino è un’autrice che ha già pubblicato con diverse case editrici e non ha bisogno di presentazioni, ma stavolta ci sorprende con un bel romanzo storico, ambientato nell’Inghilterra delle colonie e dei servizi da tè, trasportandoci con perizia in un viaggio che inizia in India e termina nelle campagne inglesi.

Dimenticate qualsiasi preconcetto possiate avere, perché la nostra protagonista è tutto tranne che una sciocchina allevata per compiacere un uomo, è piuttosto una giovane donna libera e assetata di vita, che percorre la strada costruita per lei mordendo il freno.

Nonostante la scomparsa prematura di entrambi gli amati genitori, Alison è una lady molto benestante protetta dal solido patrimonio della sua famiglia e appoggiata da un vecchio nonno di larghe vedute. Purtroppo però la società dell’epoca è quella che è. Alison deve quindi soggiacere a un matrimonio tutto sommato vantaggioso per lei, sposando un vecchio nobile malato e pieno di debiti e diventandone la sua ricca vedova. Tutto ciò, per permetterle di vivere libera senza che nessuno possa rivendicare diritti sui suoi beni.

Sin qui una vicenda senza grandi sorprese e attentamente organizzata, ma il destino gioca un brutto scherzo alla vivace Alison, facendola cadere direttamente nelle braccia di Sebastian, un giovane Lord che salta da un letto all’altro come un’ape tra i fiori. Un temperamento da dongiovanni che scopriremo, nasconde un‘infanzia infelice e il ricordo di una figura materna triste e addolorata.

Sebbene Sebastian non possa essere ritenuto un partito fidato e sicuro, agli occhi della giovane Alison, tutto il progetto di maritarsi con un uomo vecchio e malato, apparirà improvvisamente insopportabile.

La complicità di una vedova piuttosto allegra e disinibita, sarà di grande aiuto nel consigliare i due giovani che, talmente innamorati l’uno dell’altra non sapranno guardare al di là del proprio naso. Ciò controbilancerà i consigli dell’affezionata e materna governante, volti a prediligere la strada più semplice suggerendo a Alison di rifuggire dal giovane.

Ho apprezzato moltissimo la malinconia che spesso affligge entrambi i protagonisti e che li rende due personaggi vivissimi e reali e ancora di più ho amato l’ambientazione, soprattutto quella indiana, descritta e presentata con vivido calore.

Mi complimento perciò con l’autrice che ha saputo ricreare perfettamente l’ambientazione ottocentesca e gli ha impresso il suo marchio distintivo.

 

 

 

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento