Home » Recensione libri » Recensione in Anteprima » Recensione in Anteprima: “L’Impero – La spada dell’Imperatore” di Anthony Riches

Recensione in Anteprima: “L’Impero – La spada dell’Imperatore” di Anthony Riches


Dopo aver affrontato i pericoli dei campi di battaglia ai confini del mondo, Marco Valerio Aquila è tornato a casa per cercare la sua vendetta contro gli uomini che hanno distrutto la sua famiglia, trucidandola senza pietà. È talmente accecato dall’ira da non curarsi del fatto che un simile proposito potrebbe causare dolore a lui stesso e a coloro che gli sono ancora cari. Tutto ciò che importa al giovane centurione è accertarsi che una giustizia brutale si abbatta sulla misteriosa cabala di assassini che ha sterminato i suoi. Anche se questo significasse affrontarli sul loro stesso

terreno, rischiando la vita. Lo aspettano minacce e nemici di ogni genere: un influente senatore, il capo di una banda di canaglie, un ufficiale dei pretoriani e un campione dell’arena, Mortiferum, noto in tutta la città per la sua immensa forza. In attesa nell’ombra, i pugnali sono già sguainati e stanno per esigere il loro prezzo di sangue.

Tutti ricordano l’imperatore Commodo, non fosse altro perché il film “Il Gladiatore” lo ha reso immortale e ne conoscono, a grandi linee, la passione per i ludi e i lussi sfrenati.

Ciò che però non tutti sanno è come l’augusto giovanotto si procurasse i soldi per mantenere il suo esoso stile di vita.

Il romanzo ci narra di come quattro persone, le Lame, si occupassero di accusare di tradimento i senatori più abbienti, allo scopo di requisirgli tutto e, dopo una rapida esecuzione, procedessero a rapirne i congiunti e gli schiavi, allo scopo di offrirli in pasto ai più perversi potenti romani durante feste private dedite allo stupro e alla morte.

Questa drammatica sorte è toccata anche alla famiglia di Marco Valerio Aquila, ufficiale veterano delle campagne britanne, di ritorno in patria con la sposa e il figlioletto.

La legittima sete di vendetta lo porterà ad esigere il prezzo del sangue dai colpevoli di tali misfatti che tuttavia, sono quattro personaggi molto potenti dell’Urbe.

Riuscirà Marco Valerio nell’intento e, nel caso, potrà finalmente dirsi soddisfatto? O metterà a repentaglio sé stesso e la nuova famiglia per non trovare neppure la pace?

Si tratta di un romanzo storico dove le nozioni accademiche sono stemperate da ben più godibili descrizioni di intrighi e combattimenti gladiatorii, parte quest’ultima, trattata in modo molto approfondito, aprendoci uno spiraglio sugli usi e sulla vita degli occupanti dell’arena.

Il protagonista, un tempo giovane nobile romano, addestrato al combattimento dal più famoso gladiatore, avrebbe le carte in regola per restare un personaggio memorabile e invece non riesce mai a bucare le pagine, accontentandosi del solo ruolo di vendicatore, per cui si gioca tutto, incurante del destino di sua moglie e di suo figlio.

La sua sposa Felicia, invece, pur comparendo in pochi e brevi istanti, risulta una donna a tutto tondo, moglie devota eppure indipendente, medico militare e madre affettuosa, insomma un personaggio davvero piacevole.

Interessanti i soggetti che fanno da sfondo e cornice a questa vicenda di odio e di sangue, sia quelli positivi sia, e ancor di più, i cattivi della situazione, alcuni così perversi da risultare ributtanti, eppure resi quasi affascinanti dalla loro complessa natura.

È dunque con un augurio di buona lettura che vi lascio a questo libro, magari non eccezionale ma sicuramente godibile.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

StaffRFS