Home / Recensione libri / Recensione in anteprima: Innamorarsi a Bombay di Jenny Ashcroft

Recensione in anteprima: Innamorarsi a Bombay di Jenny Ashcroft

Titolo: Innamorarsi a Bombay Autore : Jenny Ashcroft Genere: narrativa contemporanea Editore: Newton Data di uscita : 22/1/2020   Bombay, 1913. Madeline Bright ha ventidue anni e sta lasciando l’Inghilterra per raggiungere l’India coloniale, piuttosto riluttante all’idea di fare ritorno nella casa di due genitori che a malapena conosce. Madeline non può immaginare la vita che la attende a Bombay. La città, infatti, è ricca di tesori che aspettano solo di essere scoperti, ma Maddy non ha il permesso di uscire di casa. Fino al giorno in cui un ammiratore sconosciuto le fa recapitare un misterioso pacchetto…Inghilterra, 1915. Un soldato ferito…

Score

Voto Utenti : 4.8 ( 1 voti)

Titolo: Innamorarsi a Bombay

Autore : Jenny Ashcroft

Genere: narrativa contemporanea

Editore: Newton

Data di uscita : 22/1/2020

 

Bombay, 1913. Madeline Bright ha ventidue anni e sta lasciando l’Inghilterra per raggiungere l’India coloniale, piuttosto riluttante all’idea di fare ritorno nella casa di due genitori che a malapena conosce. Madeline non può immaginare la vita che la attende a Bombay. La città, infatti, è ricca di tesori che aspettano solo di essere scoperti, ma Maddy non ha il permesso di uscire di casa. Fino al giorno in cui un ammiratore sconosciuto le fa recapitare un misterioso pacchetto…Inghilterra, 1915. Un soldato ferito al fronte viene portato in un ospedale militare in stato confusionale. Non ricorda nulla: né come sia arrivato lì né cosa gli sia successo. Eppure quando dorme sogna una vita piena di calore, luce e colori. Nei sogni appare anche una ragazza con un vestito di seta, che lo esorta a ricordare qualcosa che appartiene al suo passato…

Un saluto a tutte voi, mie Fenici, e benvenute nella calda ed esotica città di Bombay.
Alle soglie della prima Guerra Mondiale, nelle colonie inglesi delle Indie Orientali, la vita scorreva spensierata, tra un aperitivo e una cena al Sea Longue, tra le cene al Taj e le serate danzanti Jazz; una giovane donna inglese, da poco tornata in seno alla famiglia dalla vecchia Inghilterra, faceva i suoi primi passi in società.
Maddy pensava di essere semplicemente in vacanza; aveva da poco finito gli studi ed era in attesa di un posto da insegnante a Oxford, quando suo padre Richard le comunicò che la sua situazione a Bombay era ormai permanente a causa dello stato di salute di sua madre Alice, che per più di un motivo, non poteva più fare a meno di lei. Così tra una pigra passeggiata sulla spiaggia e una chiassosa serata nei locali, Maddy, con la complicità della sua amica Della, cercava di far passare la tremenda nostalgia della sua vita nei territori inglesi, soffocando la mancanza dei suoi zii e la delusione per la perdita del suo lavoro d’insegnante. Nel frattempo, un amico di famiglia dei suoi genitori, un giovane medico di nome Guy, aveva cominciato a corteggiarla. Lei però l’aveva da sempre considerato solo un amico e nonostante l’insistenza di sua madre, non era mai stata propensa ad accettare le sue avances. Durante una delle tante serate di gala accompagnata da Peter, il fratello della sua inseparabile amica, Maddy conobbe Luke, collega d’armi del suddetto, in visita nelle Indie per un tempo limitato. L’amore scoccò all’istante tra i due, che tra una lettera e un incontro furtivo, cominciarono a mettere le basi per un rapporto duraturo. Purtroppo i tempi ormai erano maturi e la guerra scoppiò, lasciando poco tempo ai nostri innamorati per decidere che direzione avrebbero preso le loro vite.
Quale sarà il destino di Maddy e Luke? E cosa ne sarà dell’amore che Guy prova per lei? Le astuzie di Alice avranno la meglio sul volere di sua figlia? Riuscirà a tenerla incatenata ancora una volta nelle Indie Orientali?
Un libro dai tratti esotici, meravigliose descrizioni dei luoghi, illustrati come delicati acquerelli dai colori brillanti. Per tutta la durata del romanzo, erano quasi palpabili i profumi di quelle terre piene di mistero, sembrava quasi di percepire l’aria corroborante delle coste indonesiane, l’intensità delle spezie dei mercati di Bombay, i colori cangianti delle acque e delle stoffe dei sari. Abbiamo sofferto e sperato, leggendo delle peripezie di Luke e Peter, durante i combattimenti al fronte, piangendo con la povera Maddy, per la lontananza del suo amato. Abbiamo vissuto le crisi di coscienza di Alice e la tristezza di Richard, suo marito. Un libro pieno di sottotrame, di misteri e legami che ci terranno con il fiato sospeso, sino alla sua ultima pagina. Sono stata totalmente rapita da questa bellissima storia, che spero susciterà anche a voi, le intense emozioni che ha fatto vivere a me.
Tutte pronte mie Fenici a perdervi per le affollate strade di Bombay?

ladykira

ladykira
Admin founder RFS

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Fama e fortuna – Serie: All cocks #2” di T.M. Smith

Victor Dimir si è trasferito in America assieme ...