Home » Recensione libri » Recensione in Anteprima » Recensione in anteprima :”Il bastardo dei Moghul” di Michela Piazza e Pamela Boiocchi

Recensione in anteprima :”Il bastardo dei Moghul” di Michela Piazza e Pamela Boiocchi

 

Titolo: Il bastardo dei Moghul
Autore:Michela Piazza e Pamela Boiocchi
Editore:Mondadori
Genere:Romance storico

Data di pubblicazione: il 1 Agosto 2020

 

esotico e sensuale
del misterioso Oriente

Zahir Khan è cresciuto nel lusso dell’opulenta corte di suo padre, potente nawab dell’India. Nonostante sia un personaggio influente e un pericoloso guerriero, su di lui grava l’ombra di una nascita illegittima. Proprio a palazzo Zahir incontra la giovane Lucinda Baxter, appena giunta dall’Inghilterra. Ma Lucinda per lui è un frutto proibito: la figlia di un ufficiale della Compagnia delle Indie Orientali, infatti, non può legarsi a un bastardo che appartiene a una cultura così distante. Per di più, è già promessa a un altro! Eppure l’attrazione fra loro si fa irresistibile, anche se il mondo intero li vorrebbe divisi. La passione annienta ogni prudenza, in un vortice peccaminoso e incalzante…

 

Care Fenici romantiche, ho il grande piacere e onore di aver letto in anteprima Il bastardo dei Moghul, il nuovo romanzo del duo Michela Piazza e Pamela Boiocchi, pubblicato nella collana Mondadori Passion. Un doppio debutto perciò per la splendida coppia del romance.

La storia mi ha conquistata da subito: innanzitutto l’ambientazione nell’India del 1786, che balza fuori dalle pagine sin dall’inizio e attrae il lettore con una conturbante visione immaginifica.

Siamo nell’India imperialista, dove convivono in un’apparente equilibrio, i sovrani locali e gli alti papaveri della Compagnia delle Indie e dell’esercito invasore; Lucinda ha appena lasciato la quieta Inghilterra per raggiungere i genitori a Madras, non li vede da anni perché sempre impegnati a spostarsi da un paese all’altro, e fa quindi di tutto per accondiscendere a ogni loro desiderio.

È affascinata dai profumi e dai colori che la circondano; la sua natura sensuale, nonostante l’educazione conformista ricevuta, la attrae verso le contraddizioni che pervadono la società indiana.

Durante una festa a palazzo, un incontro di sguardi con l’affascinante Zahir Khan, figlio illegittimo del Moghul, basterà a decretare il destino della ragazza. Tra i due, complice la sorella Noir che prova un’immediata simpatia per la ragazza inglese, nascerà un’intesa fortissima, un’attrazione impossibile da fermare.

La grande sensualità delle scene d’amore è coinvolgente ed emozionante, si palpita insieme ai due amanti e induce il lettore a parteggiare da subito per i due giovani. Non sarà facile: Lucinda verrà imbrigliata verso un destino che non sceglie e non vuole, Zahir Khan sarà anch’egli incatenato dalle convenzioni del suo popolo… senza contare che, la sua condizione di figlio illegittimo, lo danneggerà due volte.

Riusciranno i due amanti a restare insieme?

Non voglio assolutamente spoilerarvi nulla di più care Fenici, ma sono sicura che non rimarrete deluse da questo bellissimo libro che io ho amato tantissimo!

 

 

 

 

 

 

 

 

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento