Home » Recensione libri » Made in Italy » Recensione in Anteprima: “Con o senza di te” di Emiliana De Vico – Serie Anime in Gioco Vol.2

Recensione in Anteprima: “Con o senza di te” di Emiliana De Vico – Serie Anime in Gioco Vol.2

♦ Acquistabile qui ♦

Trama
Lorenza Garbi ha imparato ad accettare la carrozzella di Davide Riva. È diventata una compagna premurosa, sempre attenta ai bisogni del suo uomo. Lo abbraccia inconsapevole di dove finisca il suo corpo e dove inizi la sedia a rotelle. Accarezza pelle e titanio senza accorgersene. La loro è una relazione costruita con difficoltà, rinunce e scontri. Il loro futuro sembra delineato. Lei, assistente sociale, lui campione della squadra di basket su ruote. Eppure basta che Giorgia entri nelle loro vite e la stabilità che hanno conquistato cade a pezzi. E tra loro è tutto da ricostruire.

Scritte-Nuove-sito-Recensione-anteprima Ho letto “Non lasciarmi mai indietro”, primo volume delle serie con tanta, tantissima curiosità, spinta perlopiù dalle recensioni che ho trovato nei blog in quei giorni. E devo dire che Davide Riva e Lorenza Garbi mi hanno rubato il cuore da subito. Ecco perché mi aspettavo che questo secondo libro fosse sereno, il racconto del loro quotidiano stabile e felice, nella sicurezza di un amore che avevano già faticato a raggiungere nella prima parte della loro storia.
Ma, la nostra autrice “non sa scrivere storie semplici” – me lo ha detto proprio lei – e così, già dalle prime pagine, capiamo che questi due ragazzi hanno ancora tanto da imparare l’uno dell’altra. E se a sconvolgerli sarà, almeno in apparenza, la piccola Giorgia Palmisani con la sua disabilità, presto capiremo di dover fare i conti, ancora una volta, con le insicurezze infondate, ma radicate di Davide.
Davide che, permettetemelo, è uno stronzo patentato! Il che non è politically correct se pensiamo che Davide vive su una carrozzina, no? Ma Emiliana De Vico riesce, secondo me, in un’impresa straordinaria: ho dimenticato spesso che Davide fosse in carrozzina mentre leggevo. Ho visto solo l’uomo e quell’uomo lo avrei preso a schiaffi per come ha trattato Lorenza in alcuni momenti. E non è così che dovrebbe essere? Non si dovrebbe vedere solo Davide, senza la sua carrozzina, e non sentirsi in colpa per questo?
Perché Davide, dalle pagine del libro, ci chiede a voce alta di non essere considerato “diverso”, di essere trattato normalmente, di non essere discriminato per la sua disabilità.
E in tutto questo è Lorenza a dover portare i pesi più grandi, a sopportare i silenzi e anche qualche umiliazione gratuita che Davide le farà subire. E, ironia della sorte, sarà lei a essere “lasciata indietro” molte volte, per non dire troppe!
Il loro amore supererà le insicurezze di Davide? Il cuore di Lorenza sarà forte per riprendersi ogni volta? Questo lo scoprirete solo leggendo, ma vi assicuro che la storia di Lorenza è assolutamente da leggere anche in questo capitolo.
Il fulcro del libro è la piccola Giorgia. La crisi di Davide e di Lorenza gira attorno alla disabilità e all’affetto per quella bambina che nessuno sembra amare davvero. La piccola Giorgia Palmisani toccherà corde che, probabilmente, nemmeno Davide sapeva di avere.
Emiliana De Vico ci porta ancora una volta all’interno di una storia d’amore bellissima. Ma fa di più, perché ci mette dentro a un mondo, quello dei servizi per la tutela famigliare e della disabilità, che troviamo dipinto in maniera veritiera, ma forse un po’ più positiva e rosea di quella che si trova di fronte chi, per qualche motivo, è “utente del sistema”. Sfata molti miti e ci porta dentro a un mondo fatto di terapie e servizi riabilitativi, che spesso non conosciamo perché, per fortuna, non ne abbiamo bisogno e di conseguenza non ci interessa.
Ci porta nelle riunioni di équipe con i suoi colleghi e, anche se forse non sono fondamentali per lo svolgimento della storia, caratterizzano la figura di Lorenza e le scelte con cui deve fare i conti persino per stare con Davide.
Perché, e questa è un’altra delle bellezze di questo libro, Lorenza è competente, perché chi scrive è competente in materia e quello che leggiamo in termini tecnici è perlopiù corretto!
E anche la scrittura, i refusi e i piccoli errori che avevamo trovato nel primo volume sono praticamente inesistenti in questo libro.
Un libro che, se non si fosse ancora capito, consiglio assolutamente di leggere! =)

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

Recensione a cura di: Liz

Editing a cura di: Aléthéia

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento