Home / Recensione libri / Recensione: “Il Visconte cerca moglie” di Jo Beverley (serie La Compagnia dei Furfanti #16)

Recensione: “Il Visconte cerca moglie” di Jo Beverley (serie La Compagnia dei Furfanti #16)

Buongiorno Fenici! Per le amanti del romanzo storico oggi Lucia ci parla di “Il Visconte cerca moglie” di Jo Beverley (serie La Compagnia dei Furfanti #16)

Lord Dauntry ha una lunga fila di pretendenti, ma la delicata situazione familiare in cui si trova lo spinge a cercare una moglie in grado di gestire la sua casa. La notizia di questa curiosa ricerca arriva per lettera dall’amica Ruth direttamente nelle mani di Kitty, vedova del capitano Marcus Cateril, da mesi in balia della suocera che mal tollera il suo intimo desiderio di rifarsi una vita. Ma Kitty è risoluta: si recherà a incontrare lord Dauntry e deciderà se prenderlo per marito. Scelto l’abito grigio più adatto alla partenza, muove alla volta di una nuova vita. E ben presto due cuori si accenderanno dei più vistosi colori dell’amore…

Durante la cena Andrew parlò del visconte, dando per scontato l’interesse di Kitty. Dauntry, disse, lontano parente di un duca, era sempre stato molto elegante anche da studente e durante la guerra il suo nome era stato citato in un dispaccio ufficiale. Kitty pensò che il racconto mirasse a renderlo ancora più attraente ai suoi occhi, invece non fece che demoralizzarla ulteriormente: di certo quel signore non desiderava una persona sguaiata per moglie. Andò a letto presto, per evitare altri discorsi su ciò che non avrebbe potuto avere, e passò una notte insonne, tra desideri e paure. Nelle ore più buie trovò un filo di speranza: lord Dauntry aveva una tale urgenza di sposarsi che avrebbe agguantato la prima ragazza disponibile. Forse sarebbe stato indulgente.

“Ma perché tutta questa fretta?” si chiese. “È stata la sua freddezza a respingere le donne che corteggiava?”

Si disse che nemmeno lui le aveva fatto un’impressione positiva, che sotto quel ghiaccio era forse una persona alla mano, che quella freddezza sarebbe stata sopportabile per via delle frequenti assenze. Dopotutto, lei aveva affrontato molto di peggio con Marcus. Niente di tutto questo servì.

Kitty comincia a non sopportare più la tristezza che pervade la sua vita a casa della suocera. Dopo la morte del marito, un reduce con gravi ferite che lei ha sposato giovanissima, Kitty si ritrova ora priva di mezzi, nella casa di una donna che pensa che lei debba portare il lutto per tutta la vita. Per questo, quando la sua migliore amica, moglie di un pastore, le fa intravedere la possibilità di un nuovo matrimonio con un Visconte, decide di fare un tentativo per vedere se fra loro ci possa essere possibilità di intesa. Braydon ha ereditato un titolo che non desidera, e con esso la figlia e la madre del precedente Visconte, che gli stanno dando più di un problema. La vecchia signora infatti sta fomentando la nipote, convincendola che un matrimonio fra lei e il nuovo Visconte, ora suo tutore, le permetterebbe di non perdere la sua casa. Peccato che Braydon sia perfettamente cosciente del pericolo ed è contrario all’idea di sposare una diciassettenne viziata. È questo il motivo che lo spinge a cercare una moglie in grado di tenere testa alle due donne e assumersi la direzione della sua proprietà, lasciando lui libero di continuare la sua vita e il suo incarico segreto a Londra. Anche se il loro primo incontro non è dei più riusciti, dopo averle parlato, ed essersi reso conto che Kitty sembra piena di buon senso e in grado di cavarsela in ogni situazione, i due si sposano. Ma ben presto le cose cambieranno.

Pur se dato come il sedicesimo di una lunga serie, i personaggi dei libri precedenti vengono solo accennati, e Braydon stesso ha fatto una piccolissima comparsa nel libro precedente, lasciando così la possibilità di leggersi questo libro come un tranquillo stand-alone. Tutta la vicenda si svolge nell’arco di pochissimi giorni, ma in questo lasso di tempo avremo tantissime situazioni diverse. Vedremo questi due protagonisti approcciarsi al matrimonio in modo molto freddo e privo di sentimentalismi. Si piacciono, pensano di poter vivere insieme il poco tempo in cui saranno nella stessa casa, e hanno delle aspettative tutt’altro che romantiche. Eppure la loro intesa sessuale risulta intrigante, specialmente perché ci troviamo di fronte a una donna molto meno pudica di quanto farebbe pensare il periodo. Inoltre, durante la loro prima notte di nozze scopriremo che è abituata ad avere il comando dell’atto sessuale. Sposata infatti a un uomo che non poteva muoversi, se non con grande fatica ed enorme dolore, Kitty è stata istruita in tal senso dal marito che, pur con tutti i difetti che scopriremo scorrendo le pagine, le ha insegnato a prendersi il suo piacere risultando molto meno egoista di altri coniugi, e sorprendendo notevolmente Braydon.

Non vi è però solo la loro storia, ma anche una perfetta descrizione della vita del tempo e dei suoi costumi. E grazie al lavoro che, scopriremo, Braydon fa per la Corona, avremo la nostra parte di azione. Ci troveremo in un periodo molto travagliato dell’Inghilterra, quello della Reggenza, in special modo nel triste momento della morte della Principessa Charlotte e del dolore che questo ha portato a tutto il paese. Ci sarà anche un tentativo di far saltare in aria alcuni membri della famiglia Reale e un’indagine che, però, si rivelerà davvero deludente e ben poco entusiasmante. Mentre lo è sicuramente di più l’indagine personale che Kitty intraprenderà sulla scomparsa della moglie del precedente Visconte, che porterà incredibili rivelazioni.

Nonostante le tante cose che l’autrice mette in campo, questo non è uno dei suoi libri migliori: soffre di una grande lentezza e i personaggi, sebbene descritti in modo perfetto, risultano abbastanza opachi e poco avvincenti. Ancora più difficile, poi, è credere che un matrimonio fra due perfetti sconosciuti porti all’amore nel breve tempo in cui si svolge l’intera trama. Tuttavia, nelle ultime pagine si susseguiranno una serie di sorprese che cambierà totalmente la vita dei protagonisti. Non un brutto libro, ma niente che ricorderò col passare del tempo, e per me questa è una serie che si sta dilungando troppo negli anni: davvero difficile ricordare i tanti protagonisti che si sono avvicendati e le loro storie.

Un amore combinato

Una moglie per nemica

Un angelo a Natale

Sentimenti rischiosi

Nozze pericolose

L’amore a Dragon’s Cove

L’erede del diavolo

Un uomo pericoloso

Il Duca di St.Raven

Lady Skylark

Il ritorno di Simon

Salvare un furfante

Attenta, Lady!

Una sposa deliziosa

Una Lady in pericolo

Il Visconte cerca moglie

 

 

 

 

Romanticamente Fantasy

Avatar
x

Check Also

Recensione: “Le rughe del sorriso” di Carmine Abate

Ciao a tutte fenicette, oggi la nostra Angela ...