Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Il tempo che ci serve” di Manuel Sgarella

Recensione: “Il tempo che ci serve” di Manuel Sgarella

Trama

Andi e Joy hanno 39 anni. Non si vedono dal giorno dell’ultimo esame scritto della maturità. Si incontrano per caso, in ospedale. Entrambi hanno appena ricevuto pessime notizie. Tra loro c’era stato qualcosa di intenso. Poi nulla. Per vent’anni. Una vita. Per lei fatta di scelte sbagliate. Per lui di decisioni non prese. Ora, l’istinto dice loro di non lasciarsi sfuggire ancora questa occasione. Fanno una scelta: cinque giorni da passare insieme. Per annullare il mondo, per dimenticare gli anni “persi”, per tornare indietro nel tempo. O almeno provarci. Con regole precise: niente dottori, niente rimpianti. Ma le brutte notizie, il presente, il futuro, e il tempo che è stato, non possono essere cancellati. Sono sempre dietro l’angolo, pronti a inseguire chi cerca di dimenticare. Riusciranno Andi e Joy a superare queste barriere? Riusciranno a oltrepassare gli ostacoli del tempo, le avversità che negli anni hanno temprato i loro caratteri, il loro fisico? Riusciranno Andi e Joy, a vivere, assaporare, far esplodere, quello che hanno interrotto vent’anni prima?

Recensione

Facciamo una pazzia e torniamo indietro nel tempo.
«Cinque giorni» aggiunse lui, «è il tempo che ci serve per essere felici. È la nostra occasione e possiamo scegliere di non sprecarla.»

Tutto comincia così, con un gioco tra due persone che pensano di non avere più nulla da perdere.
Due persone che per motivi diversi hanno vissuto una vita sbagliata piena di rimpianti e rimorsi, ma la vita è troppo breve per non concedersi una seconda occasione.
E poi esistono davvero le seconde occasioni? Si può realmente tornare indietro nel tempo?
Ma la bolla che Andi e Joy si sono creati non riuscirà a tenerli lontani dalla realtà per sempre, perché il tempo nonostante tutto continua a scorrere, e le persone che ruotano intorno a loro non si sono dissolte, ma sono sempre più presenti con le loro pretese e recriminazioni.
All’inizio il personaggio di Andi non mi piaceva, è una donna debole e non sono riuscita a capire fino in fondo il motivo delle sue scelte sbagliate, il suo volersi fare del male e pensare di non meritare niente.
Il personaggio forte quello decisionista che vuole rischiare è Joy, forse anche in virtù del fatto che non abbia legami di nessuno tipo, e quindi  è disposto a concedersi questa seconda occasione.

«La mia vita è stata piena di non-scelte. Mi andava bene quello che capitava.»
«Con te il mio tempo si è fermato. La mia vita è proseguita con queste non-scelte, ma è come se le lancette del mio orologio avessero rallentato, o si fossero fermate dopo averti perso. Quando ti ho rivisto, tutto ha ripreso a funzionare, come con una nuova batteria, come se il meccanismo avesse avuto una nuova ricarica.»

Alla fine però i loro ruoli si invertono Joy diventa quello debole rinunciatario torna a essere quello delle “non scelte”, lascia che siano gli altri a decidere che la vita decida per lui.
Mentre Andi comincia a lottare per se stessa, e in fondo anche per Joy, perché alla fine lei ci ha creduto a quello che gli ha detto riguardo alle seconde occasioni.

Non siete più “senza futuro” e “Il silenzioso”. Siete Andi e Joy, Andrea e Giorgio. La corona e il bilanciere che segnano il tempo che serve per essere felici. Che sia un attimo, che sia un’ora, che siano cinque giorni, che sia l’eternità.

Nonostante il libro sia ben scritto non mi ha catturato fino in fondo, forse perché venivo dalla lettura di un libro emotivamente coinvolgente e quindi non sono riuscita a godermelo fino in fondo.
Inoltre ci sono delle cose che non ho capito come l’intervento di alcuni personaggi del loro passato come il Prof e Ilaria, sinceramente non ne capisco il motivo non aggiungono niente alla storia quindi sono superflui.
Però una cosa va detta, visto le pubblicazioni al limite della decenza, che si vedono ultimamente, sia per quanto riguarda l’italiano che l’editing, qui devo dire che è stato fatto un buon lavoro.

Fiamme Sensualità Medio

Recensione a cura di:

LadyEryn

Editing a cura di:

Firma-Loveangel

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: Amami prima che vengano a prendermi: Un’intensa storia d’amore gay ai tempi della Seconda Guerra Mondiale di Giulia Amaranto

  Una notte, nel pieno della II Guerra ...