Home / Contemporary Romance / Recensione: “Il mio posto è con te” di Kimberly Knight (serie Club 24 #1)

Recensione: “Il mio posto è con te” di Kimberly Knight (serie Club 24 #1)

Buongiorno Fenici, oggi Kiki ci parla di “Il mio posto è con te” di Kimberly Knight (serie Club 24 #1)

Spencer Marshall ha smesso di deprimersi. Dopo aver scoperto che il suo ragazzo la tradiva con la segretaria, decide di trascorrere un fine-settimana per sole ragazze a Las Vegas con la sua migliore amica, Ryan. La Dea della Fortuna doveva essere sul serio dalla parte di Spencer, perché nello stesso volo per Las Vegas, incontra il ragazzo sexy che aveva catturato la sua attenzione nella nuova palestra che frequenta.

Spencer è una ragazza all’antica perché crede che sia l’uomo a dover fare la prima mossa, ma questo tipo sexy non ha provato nemmeno ad avvicinarsi… fino a un sensuale ballo in un locale di Las Vegas, che porta Spencer a porsi delle domande sul comportamento di quell’affascinante sconosciuto.

Quell’uomo sexy deciderà finalmente di parlarle, oppure continuerà con quel gioco di seduzione che potrebbe non portare a niente? Il loro passato impedirà a ognuno dei due di buttarsi in una nuova storia?

Nonostante quello che si dice, non tutto resta a Las Vegas, soprattutto quando ti alleni nella stessa palestra ogni giorno, allo stesso orario.

Lanciai un’occhiata alla mia destra e fu allora che lo notai per la prima volta. Lo guardai con la coda dell’occhio per evitare che mi beccasse a fissarlo. Ovviamente, dovevo incontrare un bel bocconcino proprio in quel momento. Era alto circa un metro e ottanta, doveva avere più o meno ventisette anni, come me, capelli castani abbastanza lunghi da conferirgli un look scarmigliato, e ampie spalle… e oh, wow… un sorriso che fece smettere il mio cuore di battere.

Ovviamente, mi colse in flagrante a fissarlo. Merda.

Afferrai il cellulare e mandai un messaggio a Ryan: “OMG, ho incontrato il mio Gideon Cross personale in palestra. Un tipo sexy sta correndo accanto a me! :)”

Non appena sollevai lo sguardo sullo specchio di fronte, mi accorsi che avevo il viso completamente rosso. Dovevo essere stanca a causa del tapis roulant, oppure ero in imbarazzo perché mi aveva beccato a mangiarmelo con gli occhi… probabilmente entrambe le cose. Dopo aver camminato velocemente per qualche minuto, pensai tra me: d’accordo, non puoi permettere che questo tipo pensi che tu sia fuori forma. Aumentai la velocità e ripresi a correre.

Care Fenici, il libro di cui vi parlo oggi si intitola Il mio posto è con te ed è il primo volume della serie Club 24 scritta da Kimberly Knight e pubblicata in Italia da Quixote edizioni.

Alla fine della lettura di questo breve romanzo sono rimasta un po’ perplessa. Non avevo mai letto nulla della Knight, quindi non conoscevo lo stile dell’autrice, e posso dire con serenità che il libro è ben scritto, con una prosa semplice e non troppo descrittiva. Quello che mi ha spiazzato è la velocità con cui si svolgono i fatti narrati nella trama: ciò ha reso poco credibile quanto raccontato, a partire dai caratteri dei protagonisti.

Facciamo un passo indietro, così vi racconto qualcosa di questo libro. La protagonista principale è Spencer, giovane donna che lavora per una società di informatica, alle prese con quello che nessuna di noi vorrebbe provare: il tradimento dell’uomo che credeva essere quello giusto. La delusione delle prime righe è tangibile, ma Spencer cerca di non abbattersi più di tanto e di continuare per la sua strada. Per lavoro si deve recare nel Club 24, una nuova palestra aperta da poco, e lì adocchia il protagonista maschile, Brandon, che corre su un tapis roulant. Da lei stesso definito come “il mio personale Gideon Cross”, il ragazzo le lancia un sorriso ed un’occhiata misteriosi, per poi sparire negli spogliatoi. La cosa sarebbe potuta finire lì se il destino non ci avesse messo lo zampino. Coinvolta dalla migliore amica Ryan a passare un weekend a Las Vegas per dimenticare il fidanzato fedifrago, Spencer incontra nella città del peccato proprio il misterioso ragazzo della palestra, che inizia con lei un gioco di seduzione che li porterà, entrambi, a perdersi un in turbine di sesso sfrenato e passione.

Il guaio di questo libro è che tutto questo accade nelle prime 20 pagine, in un delirio di sguardi, strusciamenti e sesso sulla pista da ballo di un casinò. Sesso a cui ne seguirà davvero tanto, tutto distribuito con abbondanza nelle 150 pagine di questo romanzo. Non fraintendetemi, io adoro gli erotici e ne leggo tantissimi, ma mi piace che la trama e i personaggi vengano preparati ad arte, non buttati nella mischia con il solo fine di accoppiarsi. Invece, purtroppo, questa è stata l’impressione dominante fino alla fine del libro.

Del carattere dei due protagonisti scopriamo ben poco, soprattutto di Brandon. Il libro è scritto con il pov di Spencer, e questo, unito alle interazioni con l’amica Ryan, ci aiutano a capire un po’ meglio almeno lei. Non è sicuramente alla ricerca di una nuova storia, visto come è finita la precedente, ma si butta tra le braccia del suo bello sconosciuto con una foga e una fiducia un po’ spiazzanti. D’altra parte chi di noi non desidera una bollente settimana di passione con il fustacchione tutto muscoli e carisma incontrato in palestra? Io Spencer la capisco…

E poi arriva l’amore… sì, perché ovviamente, quella partita come una relazione casuale e fisica, diventa molto in fretta una storia in cui i sentimenti la fanno da padrone. Irrealistico.

Tanto sesso, invece, ben descritto e non eccessivo, fanno di questo testo un must per gli amanti dell’erotico.

Sono perplessa, dico la verità. Questo libro mi ha spiazzata. Brandon, verso la fine del romanzo dice chiaramente che il suo posto è con Spencer, e fin da subito la tratta come una regina. Io credo che nei prossimi romanzi della serie capiremo qualcos’altro di questi protagonisti e della loro folle relazione. Per ora il mio giudizio rimane in sospeso, in attesa di capirci qualcosa di più!

 

Romanticamente Fantasy

Avatar
x

Check Also

Recensione in anteprima: “Devil’s Gate – Serie Razze Antiche # 4.6” di Thea Harrison

Care fenici, oggi Lucia ha recensito per noi ...