Home » Spazio bimbi. Crescendo con i libri, i cartoni e il film e telefilm » Recensione: “Il lungo viaggio di Garry Hop” di Moony Witcher

Recensione: “Il lungo viaggio di Garry Hop” di Moony Witcher

 

 

Autore: Moony Witcher

Genere: fantasy – narrativa per bambini e ragazzi

Pagine: 208

Editore: Giunti Editore

Collana: Biblioteca Junior

Formato: copertina rigida e ebook

Prezzo: cartaceo € 12,00 – ebook € 6,99

Età di lettura: da 9 anni

Mentre le città di Bessia e Karan si consumano in una guerra lacerante tra i loro cittadini, i Fiderbi e Verroti, Garry Hop, che ha già perso suo padre, vive il dolore della malattia della madre, destinata a non sopravvivere in assenza di medicine. L’unico in grado di darle salvezza e salute è il vecchio sciamano Bandeo Gropiùs, che risiede nella magica isola di Hunnia, proprio la causa del contendere tra i due popoli. Garry, di nascosto, parte alla volta dell’isola e comincia un viaggio che sarà per lui un’immensa scoperta, di luoghi, sentimenti e verità. A cambiare il suo sguardo sul mondo sarà l’incontro con una giovane Fiderba, Alina: i due ragazzi, destinati a conoscersi nell’odio, si ritroveranno compagni di viaggio e, infine, amici.

Sono rimasta piacevolmente colpita da questa lettura. Moony Witcher molti di voi la conosceranno per essere l’autrice della saga di “Nina, la bambina della Sesta Luna” e per la serie di “Geno”. Io non avendo letto i suoi lavori precedenti, mi aspettavo il solito romanzo fantasy carino per ragazzi, invece ho scoperto un vero gioiellino. Un romanzo meraviglioso che ci insegna, a grandi e piccini, a rispettare la natura, a non avere paura della diversità e ad avere coraggio e fiducia in noi stessi.

Ho amato come l’autrice sia riuscita ad entrarmi nel cuore con la storia di Garry Hop. Insieme ai protagonisti, Garry Hop e la coraggiosa Alina, impareremo a non diffidare delle diversità, anzi a trarne forza e coraggio da esse. Un romanzo davvero formativo che tutti dovremmo leggere. Due bambini che si incontrano, due bambini di 2 popoli diversi che sono in guerra per la conquista dell’isola di Hunnia. Due bambini che sanno di essere diversi ma che nonostante questo, si uniscono per farsi forza ed affrontare le proprie paure insieme.

Insieme impareranno a rispettarsi e a darsi coraggio, impareranno che la natura e la terra non deve essere conquistata ma bensì protetta e rispettata.

Con scene forti, ma che con sapiente equilibrio l’autrice ha reso adatte anche ai bambini, veniamo a contatto con la crudeltà e la distruzione della guerra, e a tutte le ingiustizie correlate ad essa. Una lotta tra bene e male che i due bambini protagonisti vedranno con i propri occhi e sentiranno sulla propria pelle. Il tutto viene reso più accattivante e dinamico dalla presenza di un libro e una pergamena magica. Non mancheranno tanti animali fantastici e uno sciamano, Bandeo Gropiùs, che con erbe e pozioni riesce a guarire qualsiasi male. Le ambientazioni sono a dir poco stupende, ben ricreate e ben descritte.

Una narrazione che riesce a coinvolgere il lettore sin dalle prime pagine senza mai annoiare e senza mai dilungarsi troppo. Un’avventura dinamica e allo stesso tempo istruttiva. Una lettura perfetta per iniziare i bambini a letture sì divertenti ma anche un po’ più “importanti”, questa è una di quelle letture che dopo averle finite lasciano qualcosa su cui riflettere quindi non posso che straconsigliarvela.

Garry fermò lo sguardo: «Il tatuaggio!».

Lei si toccò il braccio fermandosi proprio sul marchio inciso sulla pelle: «Sì. E tu ne hai uno diverso. Vero?».

«Già. Entrambi abbiamo un segno che indica da che parte stare. Io un cerchio rosso e tu un quadrato nero. Io due lance e tu due frecce. Ma ora siamo qui. Ad affrontare lo stesso destino»

 

 

    Autore: Moony Witcher Genere: fantasy – narrativa per bambini e ragazzi Pagine: 208 Editore: Giunti Editore Collana: Biblioteca Junior Formato: copertina rigida e ebook Prezzo: cartaceo € 12,00 – ebook € 6,99 Età di lettura: da 9 anni Mentre le città di Bessia e Karan si consumano in una guerra lacerante tra i loro cittadini, i Fiderbi e Verroti, Garry Hop, che ha già perso suo padre, vive il dolore della malattia della madre, destinata a non sopravvivere in assenza di medicine. L'unico in grado di darle salvezza e salute è il vecchio sciamano Bandeo Gropiùs, che risiede…

Score

5

5

Conclusione : 5

Voto Utenti : 4.08 ( 3 voti)

StaffRFS

StaffRFS