Home » Recensione libri » Recensione: “Il Destino divide” di Veronica Roth (serie Crave the Mark #2)

Recensione: “Il Destino divide” di Veronica Roth (serie Crave the Mark #2)

Buongiorno Fenici! Oggi Nexa ci parla di “Il Destino divide” di Veronica Roth (serie Crave the Mark #2)

Il destino li ha fatti incontrare.

Ora sta per dividerli.

Non ci si può opporre al proprio fato. Sarebbe sciocco, oltre che inutile, perché non si può andare contro qualcosa di inevitabile. Lo sanno bene Akos Kereseth e Cyra Noavek, eppure, fin dal momento in cui è stato reso pubblico il loro, di fato, si trovano in bilico tra l’accettazione del proprio destino e il desiderio di tentare l’impossibile e cambiarlo.

Akos non ha potuto fare a meno di innamorarsi perdutamente di Cyra, nonostante il suo fato preveda che lui morirà proprio al servizio della famiglia Noavek. E quando il padre di lei, Lazmet – un tiranno spietato e senz’anima che tutti avevano creduto morto -, torna alla ribalta reclamando per sé il trono degli shotet, il ragazzo si convince che la sua fine è ormai vicina.

Nel momento in cui Lazmet innesca la tanto temuta guerra tra thuvhesiti e shotet, i due ragazzi sanno di non avere scelta, devono cercare di fermarlo in tutti i modi possibili. Anche se per Cyra questo potrebbe significare togliere la vita a suo padre, e per Akos perdere la propria. In un colpo di scena sbalorditivo, i due scopriranno quanto il fato che guida le loro vite possa sorprenderli in modi assolutamente inaspettati.

Reso ancora più ricco dall’aggiunta di due nuove e potenti voci narranti, il sequel di Carve the Mark – I predestinati è un romanzo avvincente che, tra una battaglia e l’altra, riesce a parlarci di speranza, fiducia e resilienza.

Quando si tratta di vita, giriamo il nostro rocchetto, e dove finiamo è davvero, dove avremmo sempre voluto essere.

Veronica Roth, l’autrice bestseller internazionale della serie Divergent, è tornata con un nuovo libro intitolato Il Destino Divide che chiude il cerchio della storia iniziata in “Carve the Mark”. Nel precedente libro abbiamo lasciato Cyra e Akos, insieme ai rispettivi fratelli, in viaggio nella galassia, alla ricerca di un luogo sicuro, dopo essere fuggiti rocambolescamente da Shotet.  Questo nuovo capitolo si apre con una tragedia, che modifica completamente gli equilibri tra di loro, e li costringe a un improvviso cambio di piani. Quando Lazmet Noavek, il tiranno di Shotet, ritorna dalla morte, l’intera Galassia è in pericolo. Sui pianeti scoppia il panico e, prima che sia troppo tardi, i ragazzi decidono di cercare di fermarlo. Se però il fato, che li ha portati a conoscersi, decidesse diversamente?

A differenza del primo libro della serie, questo volume è pieno di azione. La descrizione dei vari pianeti del mondo è dettagliata e ci lascia scoprire piccole meraviglie; lo stesso vale per i personaggi secondari, impariamo a conoscerli in tutte le loro sfaccettature. The Fates Divide non ruota esclusivamente attorno alla storia di Cyra e Akos, ha una trama più complessa, fatta di intrighi e segreti nascosti nel tempo. La Roth ha comunque dato modo ai due protagonisti di scontrarsi e crescere, regalandoci alcune scene d’amore tenere e sensuali.  Lo stile di scrittura è semplicemente fantastico e puntuale, incalzante nelle scene d’azione e commovente in quelle drammatiche. I colpi di scena, in questo libro, sono assolutamente imprevedibili e lasciano il lettore a bocca aperta. L’autrice ha gestito le quattro voci narranti sapientemente, anche se proprio la fredda Cyra resta il personaggio con cui non si può non entrare in empatia.  I personaggi sono approfonditi davvero bene, sia nei loro difetti che nei loro punti di forza, per renderli reali e credibili agli occhi dei lettori. Cyra e Akos, sono più sfaccettati rispetto al primo libro, dando spazio al loro tormento interiore. In breve, tutti i personaggi sono stratificati e raccontano questa storia a trecentosessanta gradi. Un altro modo in cui The Fates Divide è diverso dal suo predecessore è il ritmo e l’urgenza della storia stessa. L’intrigo politico, così come la costante minaccia di dolore e sofferenza, ha un’accelerazione rispetto a Carve the Mark.
La storia è avvincente e non manca di lasciare spunti di riflessione molto profondi. Il finale è di quelli che raggiungi, desideroso di sapere come andrà a finire. Questa è una serie da leggere assolutamente per tutti i fan dei libri distopici e non solo!

#1  Carve the Mark – I Predestinati

#2  Il Destino Divide

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS