Home » Recensione libri » Recensione: Il creatore di ombre di Luca Scopitteri

Recensione: Il creatore di ombre di Luca Scopitteri

Il creatore di ombre di Luca Scopitteri
Editore: bookabook
Genere: paranormal thriller

Trilogia:
Il creatore di sogni #1
Il creatore di ombre #2
Inedito

 

Un ispettore ritrova un cadavere essiccato in un appartamento a Monaco, Jay si risveglia dopo un coma durato undici anni e Lana scopre di riuscire a prevedere le mosse dei suoi nemici. A mettere in relazione le loro vite e le diverse vicende c’è il Sanatorium, una misteriosa clinica in cui il losco dottor Mësmo per anni ha cercato, con i suoi metodi poco convenzionali, di carpire le speciali abilità di alcuni bambini particolarmente dotati. Lana e Jay non ricordano quasi nulla della loro infanzia, anni trascorsi tra sofferenze e torture che li hanno costretti a stipare in un anfratto delle loro menti i ricordi più dolorosi, ma c’è chi, a differenza loro, sembra sapere tutto di quel buio periodo: Rio. Un misterioso personaggio dotato di sorprendenti abilità, scomparso da più di vent’anni e tornato per riscuotere il debito che il Destino ha con lui.

Qualcuno ha sentito parlare di epigenetica? […] Lasciate che vi racconti una storiella: Darwin e Freud entrano in un bar e vedono due topi alcolizzati, per l’esattezza la madre con il figlio. I due topi siedono su degli sgabelli al banco, bevendo senza sosta. A un certo punto, la mamma topo alza lo sguardo e chiede ai due scienziati se sappiano come mai il figlio sia in quello stato: “Cattiva eredità” risponde Darwin; “Cattiva educazione” dice Freud. […] Natura o educazione, biologia o psicologia… (Tratto dal libro)

La natura umana prende voce da un mucchio di geni nascosti nel DNA, trasmessi di generazione in generazione, o l’educazione e l’ambiente intervengono e interagiscono insieme?

Scienza, psicologia, il mistero e il paranormale sono il vero successo di questo libro.

Siamo di fronte al secondo capitolo di una trilogia all’insegna del thriller con uno sfondo soprannaturale, che la rende originale nel suo genere… per lo meno io non avevo mai letto nulla di così particolare e avvincente. Non mancano i colpi di scena, è fondamentale seguire con minuziosa attenzione la trama della storia, in quanto ogni dettaglio ha motivo di esistere. Nulla è scontato, non immagini ciò che sta per accadere da lì a poche pagine, il bene e il male si mescolano insieme senza giudizio, perché in fondo sono solo due facce di una stessa medaglia.

Nonostante avessi letto il primo romanzo, e sicuramente mi avesse dato spunti per comprendere meglio questo, ritengo che Il creatore di ombre possa essere avvicinato anche senza il precedente. Però su, non siate pigri… leggeteli entrambi, perché ne godrete appieno dei particolari.

Veniamo alla storia.

Giacomo (Jay per tutti) si ridesta da un coma durato molti anni, dopo aver soggiornato in quella prigione dorata di torture che è stata il Sanatorium, dove bambini speciali vivevano le peggiori agonie per scopi oltraggiosi e contro ogni natura. Al suo risveglio, la vita è ormai irriconoscibile, è salvo ma nulla ha un senso, nemmeno il suo essere adulto. I ricordi sono scomparsi dalla mente, la sua brama di sapere però lo porterà a scoprire, insieme a Lorenzo, il suo fisioterapista, e Laura, la sua infermiera, ciò che è accaduto e ciò che dovrà ancora succedere. Ritmi frenetici, sbalzi temporali e dubbi contornano il percorso di Jay…

Ma un’altra storia parallelamente si sta svolgendo, quella di Lana, una ragazza con misteriosi poteri che da bambina fu salvata da Virgilio, un uomo speciale, in tutti i sensi che, insieme agli amici di sempre Satoru e Aaron, dovrà svelare l’arcano di una vita intrisa di verità non dette.

È molto difficile non rivelarvi nulla, ma ho deciso che sarò attentissima, più del solito in questa recensione. Voglio che possiate godervi ogni sorpresa, come è accaduto a me. Chi ho amato di più in questo libro? Virgilio e il suo essere un credente dell’animo umano, Rio e la sua crudeltà e psicologia in cerca di vendetta contro il Destino, per non parlare di Daniel…

Questo romanzo credo meriti davvero un posto d’onore nel suo genere, personaggi accurati con un’ottima caratterizzazione mi hanno pervasa di curiosità, l’empatia che emanano alcuni di loro, talvolta secondari, colpisce il lettore che immancabilmente si affeziona e prova emozioni. Una trama ben congegnata con un pov alternato chiaro che permette di entrare nella mente dei protagonisti, un editing perfetto ha infine reso la scrittura scorrevole e accattivante.

Credo che, rispetto al primo capitolo della trilogia, Il creatore di ombre abbia davvero alzato l’asticella nella qualità della narrazione e nell’approfondimento dei personaggi; sento quindi di fare molti complimenti all’autore Luca Scopitteri che spero di rileggere al più presto con l’ultimo volume.

La fine mi ha lasciato in trepidante attesa, non un vero cliffhanger da cardiopalma, ma si sa, la curiosità è donna! Libro consigliatissimo!

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

ladykira

ladykira
Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento